Jan 202012
 

Il 20 gennaio 1554 nasceva a Lisbona il Desiderato, re del Portogallo come Sebastiano I (1554-1578), da Giovanni Manuele d’Avíz (1537-1554) e da Giovanna d’Asburgo (1537-1573). Il padre morì qualche giorno prima della sua nascita, mentre la madre lo abbandonò ben presto, ritirandosi in un convento.
L’infanzia non fu certo facile, re ad appena 3 anni, dopo la morte del nonno Giovanni III (1502-1557). Ancor piccolo per dirigere le sorti di un impero in piena espansione coloniale, la reggenza passò prima alla nonna Caterina d’Asburgo (1507-1578), sorella di Carlo V, e poi al cardinal Enrico del Portogallo (1512-1580), futuro re alla morte di Sebastiano I.


Fragile di salute, poco propenso verso le donne e il matrimonio, educato al culto dell’eroismo militare, dedicava lunghi periodi alla caccia e alla preghiera. Crebbe sotto l’insegnamento dei gesuiti che lo condizionarono non poco, a tal punto da voler intraprendere una crociata contro i turchi che dilagavano per l’Europa orientale e l’Africa del nord, minacciando i commerci e la cristianità in generale. Nella sua mente vagava sempre l’idea di lottare contro coloro che minacciavano la fede, chiunque essi fossero.
E in effetti, contro il volere dello zio Filippo II di Spagna che lo induceva alla prudenza, alla testa di un esercito formato per lo più da mercenari stranieri, si mise in marcia verso la città di Fez in Marocco, ma nella battaglia di Alcazarquivir fu sconfitto pesantemente, trovando la morte insieme alla maggior parte dei suoi uomini. Era il 4 agosto 1578, battaglia in cui persero la vita altri due sovrani, due sultani che si disputavano il trono in Marocco, Muley al-Mutawakil, alleato di Sebastiano I, e Abd el-Malik.

La battaglia di Alcazarquivir, 1578

Una parte dei pochi sopravvissuti si diresse verso la cittadina di Arcila in cerca di rifugio, che per indurre gli abitanti ad aprire le porte finsero aver con loro anche il re. Ne nacque una leggenda che si propagò rapidamente per tutto il regno, una leggenda che diceva il re essere vivo e ritornato in Portogallo a riscattare il suo popolo nelle ore più difficili. Sorse così il Sebastianesimo.
La morte del regnante portoghese lasciò un paese in piena crisi, in bancarotta e senza successori. Fu il cardinal Enrico a prendere le redini del potere, solo per pochi anni, fino al 1580, anno della sua morte, dopodiché Filippo II inviò il duca d’Alba ad annettere il territorio alla corona spagnola.

*****

Piccola bibliografia sul Portogallo:
- José H. Saraiva, Storia del Portogallo, Bruno Mondadori, 2007
- Giuseppe Marcocci, L’invenzione di un impero. Politica e cultura nel mondo portoghese (1450-1600), Carocci, 2011
- Elia Boccara, In fuga dall’Inquisizione. Ebrei portoghesi a Tunisi: due famiglie, quattro secoli di storia, Giuntina, 2011

Nov 232011
 

“Quanto alle vicende di Spagna,
i poveri sono sempre stati bene accolti nella nostra casa
e gli esuli trovavano rifugio sotto il nostro tetto.
Ebrei spagnoli, ospiti distinti e graditi,
passavano di continuo tra noi…
e mi raccontavano tutta la terribile storia dell’espulsione…”
(Eliya Capsali il Cretese, Seder ‘Eliyahu Zuta)

Marranos, Moshe Maimon, 1893

A volte rifletto che la storia economica dell’Europa nell’età moderna – epoca da noi investigata in questo blog – è, anche ma non solo, legata agli ebrei e ai loro flussi migratori, flussi, spesso e volentieri, indotti da volontà e forze esterne. I loro prestiti, i loro commerci, i loro interessi finanziari erano tali da poter far pendere il piatto della bilancia vuoi da una parte vuoi dall’altra: l’unione era un punto di forza. Gli imprenditori ebrei avevano un ruolo importante nei traffici del Mediterraneo, negli scambi commerciali con l’Oriente, così come nelle elezioni di certi imperatori – vedi Sacro Romano impero. Pepe, spezie, gioielli, stoffe, denaro, lettere di cambio, crediti, e via dicendo, furono gli articoli maggiormente negoziati, articoli che entravano e uscivano da determinate città o porti che agevolavano il loro commercio e permettevano sviluppare, più o meno liberamente, le loro attività; ricordiamo, in Italia, Ancona, Livorno, Pisa, Pesaro…

Bautizo de judíos conversos

Sappiamo bene che l’editto di espulsione dalla Spagna del 1492, promulgato dai re cattolici, indusse gli ebrei a rifugiarsi sia verso il Portogallo che verso le terre del nord Europa, una migrazione temporanea, giacché proprio il Portogallo, qualche anno dopo, il 19 marzo 1497, costrinse loro battezzarsi la domenica successiva, almeno tutti coloro compresi fra i quattro e i quarant’anni. Ordine che causò scompiglio, panico, decisioni affrettate, oltre che umiliazione. Eppure, nonostante la conversione di alcuni alla fede cristiana, la vita in quelle terre non fu certo facile, accusati di professare segretamente la loro religione e sempre presi di mira o incolpati.

Vi furono città che, vedendo possibilità di sviluppo economico, incoraggiarono con leggi speciali accogliere comunità sefardite, provenienti dalla Spagna e dal Portogallo, città come, per fare un solo esempio, Venezia e Ferrara. Ma non sempre, giacché anche queste, a un certo punto della storia, sono costrette a rivedere le proprie decisioni: Venezia, nel 1550, decreterà la loro espulsione. E Ferrara ne accoglierà un buon numero, grazie alla protezione degli Estensi – in modo particolare Alfonso I (1476-1534) ed Ercole II (1508-1559) -, Ferrara, città in cui si sviluppò durante il XVI sec. un pacifico scambio culturale, religioso, fra sacerdoti cattolici e rabbini. Fra i grandi che vissero per qualche anno nella città emiliana, ricordiamo l’umanista Abraham ben Mordekai Farissol (1451-1525) e il medico Amato Lusitano (1511-1568), docente di botanica e anatomia.Poi, sul finire del ‘500, il clima cambierà e numerosi furono costretti a partire, taluni anche verso la lontana Turchia, pronta a ospitarli.

I marrani, gli ebrei battezzati, non avevano dunque un’esistenza pacifica: visti dalla parte cristiana erano sempre ebrei, visti dalla parte ebrea erano apostati, poco affidabili e poco credibili. Inoltre, loro stessi, gli stessi marrani, per continuare a mantenere relazioni con gli ebrei dovevano dimostrare essere, nella loro intimità, ancora ebrei, per non parlare degli squilibri, della sofferenza che portava l’esser stati obbligati a convertirsi. Una dualità che condurrà peraltro a problemi psicologici e a traumi esistenziali. Costretti com’erano a vivere in zone limitrofe alla città o in ghetti – ricordiamo quello di San Girolamo a Venezia voluto con un provvedimento del 1516 -, a girare con copricapo o con simboli che li identificavano, queste persone erano di solito considerate sospette e tenute sotto sorveglianza. Infatti, la bolla di papa Paolo IV (1476-1559), Cum nimis absurdum, ordinava loro, fra le altre cose, indossare segni di riconoscimento.

Coloro che abbracciarono il cristianesimo, lo fecero di malavoglia, cercando di perpetuare le loro tradizioni, come sempre, in forma orale, sostituendo i libri ebraici con la Bibbia, professando solo esternamente la nuova fede. Le donne, e gli anziani, svolsero un ruolo decisivo nella trasmissione delle tradizioni orali, poiché quando un ragazzo diventava adolescente, in grado cioè di mantenere un segreto, quello della loro vera fede, veniva iniziato nella sua vera credenza giudaica. Tradizione, oralità, credenza, memoria, elementi tipici di un popolo costretto a sfuggire alle persecuzioni. Da qui, l’importanza della parola ebraica Zakhar, ovvero ricordare, è tale che nella Bibbia è ripetuta nelle varie declinazioni ben 169 volte.

Sep 292011
 

Con la scoperta delle nuove terre americane da parte di Cristoforo Colombo (1451-1506) entriamo, secondo alcuni storici, nell’Età Moderna, quel periodo che va da fine Quattrocento a inizi Ottocento. Termina così un’epoca, il Medioevo, e inizia un’altra – ricordiamo che la storia è un continuum e che le periodizzazioni servono solo a scopo di studio -, epoca legata allo sviluppo della borghesia, alle nuove rotte commerciali, giacché il Mediterraneo perdeva la sua centralità economica, epoca che vedeva sorgere nuove potenze come la Francia, l’Inghilterra, l’Olanda e, con il passare dei secoli, vedeva tramontare il sole la Spagna di Carlo V e Filippo II che avevano ricevuto ingenti quantità di metalli preziosi proprio dai territori esplorati dal 1492 in poi.

Dicevamo di Colombo e dei suoi quattro viaggi verso la futura America, viaggi che avevano aperto, sarebbe meglio dire acuito e messo in risalto, il problema della schiavitù, che avevano condotto alla distruzione di vecchie civiltà, vedi Incas Azteca, che avevano portato in Europa nuovi prodotti agricoli come il mais, il pomodoro, la patata e via dicendo.

Alcuni, questi elencati, elementi che caratterizzano la prima metà dell’Età moderna, ma che hanno dato l’avvio, fra le altre cose, a un forte rapporto di dipendenza-interdipendenza con le americhe, rapporto che continua ancora oggi.

Chi erano i contemporanei di Colombo? Che relazione avevano avuto con il navigante?
Di seguito un cenno ai sovrani con cui ebbe maggiori contatti.

Giovanni II del PortogalloFra il 1484 e il 1485, Colombo presenta al re Giovanni II del Portogallo (1455-1495) la tesi secondo la quale è possibile raggiungere l’Oriente passando da Occidente. Il re, aperto alle novità e interessato alle scoperte, non rifiuta immediatamente il progetto, lo sottopone ai suoi esperti che, dopo averlo esaminato, lo escludono, forse perché, i portoghesi, impegnati in altre esplorazioni, forse perché in difficoltà economica, forse perché considerato troppo rischioso.

Colombo, in effetti, aveva solo fatto un’esposizione generica, tralasciando particolari, per timore che gli fosse rubata l’idea. Ritornerà, nel 1489, a proporre le sue convinzioni.

In quegli anni, Bartolomeo Diaz doppiava Capo di Buona Speranza, 1487-88. Le navi portoghesi oramai navigavano lungo le coste dell’Africa occidentale con buona frequenza. Qualche anno dopo, 1498, Vasco da Gama, passando la punta africana, puntava verso il sud dell’India, aprendo nuove possibilità di traffico con l’Oriente, un nuovo modo per evitare di attraversare i paesi controllati dai turchi.

Il Portogallo del XV secolo non era ancora un paese ben organizzato e urbanizzato, né aveva un’economia evoluta, possedeva invece una nobiltà forte e agguerrita, pronta ad arricchirsi, aperta, per quanto possibile, a investire nelle esplorazioni, esplorazioni patrocinate, qualche decennio prima, dal principe Enrico il Navigatore (1394-1460).

Colombo, convinto delle sue teorie, tenta la carta spagnola, ed è ricevuto da Ferdinando D’Aragona (1452-1516) e Isabella di Castiglia (1451-1504) che in quel mentre sono indaffarati a scacciare i mori e riconquistare la Spagna dopo 780 anni circa d’invasione. La commissione che esamina la proposta lo ascolta attentamente. Dopo varie incertezze – la tesi era considerata folle e inattuabile dai dotti dell’epoca – e pretese da parte del navigante – chiedeva tre navi e vari milioni di maravedi, oltre a esser fatto nobile, ecc. -, l’operazione va a buon termine, sebbene le casse reali fossero all’asciutto, considerata la recente conquista di Granada. Trovati i finanziatori, il navigante appronta le navi e salpa da Palos de la Frontera il 3 agosto 1492.
Al suo ritorno in Spagna, il 14 marzo 1493, scriveva ai sovrani:

“[…] Dopo 33 giorni dacchè partii da Cadice, giunsi al mare delle Indie, dove trovai molte isole assai popolate, delle quali, fatto il bando in nome del felicissimo nostro Re e spiegate le bandiere, nessuno opponendovisi, presi possesso. Alla prima diedi il nome del nostro divin Salvatore, con l’aiuto del quale giungemmo a questa ed alle altre tutte. Quella che gl’indigeni chiamano Guanahani e ciascuna delle altre io chiamai con nome nuovo: cioè l’una, isola di Santa Maria della Concezione; Fernandina l’altra; e l’altra, Isabella, e l’altra ancora, Giovanna; e così volli che fossero dagli altri chiamate.
Come approdammo dapprima a quell’isola che testè dissi da me chiamata Giovanna, avanzai alquanto lungo il lido verso occidente. Poichè la vidi grandissima, non avendovi trovato limite alcuno, tanto da crederla non già un’isola, ma una provincia continentale del Catai, non vedendo alcun castello o città situati ne’ confini marittimi, fuorchè alcuni villaggi e poderi rustici, con gli abitanti de’ quali m’era impossibile parlare, dandosi essi alla fuga non appena ci vedevano, proseguii sperando di trovare qualche città o villaggio […]” (1)

*****

- 1. Lettera ai Reali di Spagna.

Jul 292011
 

Sappiamo che gli scambi di mercanzie sono oggi uno dei fattori di sviluppo economico, e non di meno lo erano nei secoli passati. E quando un paese entrava in guerra con un altro, generalmente, le attività commerciali diminuivano e spesso si bloccavano, un modo – anche ma non solo – per costringere il nemico a trattare.

Durante il XVI secolo erano stati i portoghesi ad avere una posizione privilegiata nella distribuzione delle spezie in Europa, lottando con i veneziani che godevano di una ubicazione avvantaggiata territorialmente e di abili mercanti. Ai principi del Seicento gli olandesi, che iniziavano a vivere la loro epoca d’oro, erano, poco a poco, penetrati nelle zone asiatiche, togliendo al Portogallo sia il controllo della produzione delle spezie, sia la vendita in Europa. La efficiente attività e l’intraprendenza imprenditoriale olandese aveva fatto sì questi avessero in mano buona parte del mercato europeo delle spezie, determinando, per quanto possibile, i prezzi. Una certa importanza aveva avuto la Compagnia Olandese delle Indie Orientali, fondata nel 1602.

“[… ] Amsterdam poteva dichiarare in un messaggio agli stati generali che la Repubblica, per mole di scambi e numero di navi, superava di gran lunga Inghilterra e Francia.” (1)

Nel 1621 gli spagnoli entrarono in guerra con le Province Unite, fermando immediatamente le importazioni dei prodotti che venivano da quei paesi, in tal modo la Spagna si trovò a corto di pepe, cannella, chiodi di garofani, e via dicendo. Ma non solo, quelle poche libbre che riuscivano a entrare o esistevano già nei depositi dei commercianti ebbero un’impennata di prezzo notevole. Da considerare altresì che la città portoghese (2) di Goa, in India, fu in stato di assedio olandese a partire dal 1636 e per nove anni, motivo per cui arrivavano in Europa ben pochi carichi, a tal punto che nella Borsa di Amsterdam il prezzo del pepe salì da 60 fiorini le 100 libbre a 175. In più: il 1640 segnò anche l’uscita del Portogallo dalla corona spagnola, paralizzando i traffici fra i due paesi iberici e incidendo nei prezzi delle spezie, si pensi che fra il 1641 e il 1650 quasi si duplicarono. Nel 1662 Filippo IV (1605-1665) decise, oltre a sospendere i pagamenti, bloccare economicamente il Portogallo, quindi le merci da lì provenienti, le ripercussioni dei paesi europei furono immediate, opponendosi con risoluzione alle disposizioni del sovrano spagnolo. Il re fu pertanto costretto l’anno seguente a revocare l’ordine, vista la situazione che si era venuta a creare.

Finanche le guerre anglo-olandesi e franco-olandesi ebbero ripercussioni negative dirette e indirette nei traffici con la Spagna, e nella distribuzione delle spezie, infatti vari porti dei paesi in lotta erano controllati dagli avversari e non si permetteva il carico-scarico delle mercanzie. Per esempio, la via di Amburgo, in Germania, fu durante un buon periodo ostacolata, avendo negato gli inglesi il passaggio delle navi.

Poi, nel 1663, Amsterdam fu colpita dalla peste, il cui culmine fu l’anno seguente, cosicché le navi procedenti dalla città non potevano entrare per legge nei porti spagnoli, addirittura a Malaga si ordinò cannoneggiarli (3).

I prezzi delle spezie continuavano a oscillare, legati, com’erano, agli andamenti politici degli stati. Quando la monarchia spagnola intervenne nel 1673 nella guerra franco-olandese del 1672-1678, appoggiando i secondi, cannella e chiodi di garofano furono i prodotti più colpiti, aumentando il loro prezzo di vendita. Pur in questa situazione, bisogna tener conto che talvolta le merci, dovendo saltare ostacoli di origine diplomatica, facevano dei percorsi insoliti e più lunghi: si registra, per esempio, un carico di cannella che, imbarcata da Isaac Brainer per la società Kies e Jäger nella città di Amsterdam, passa da Genova per infine entrare a Barcellona (4). In tutto ciò, non sottovalutiamo l’interesse dei commercianti olandesi a controllare il mercato spagnolo delle spezie, un mercato ricco che permetteva lauti guadagni, guadagni che potevano essere impiegati per diversificare gli investimenti o per ripartire i pericoli in più attività.

Cadice e zone limitrofe ricevevano fra il 40 e il 50% delle spezie provenienti dalle Province Unite, mentre nei porti del Cantabrico il 35-40%, poca cosa in quelli del Mediterraneo, fra cui Alicante, per seguire con Malaga e Barcellona. Cadice era inoltre il porto da cui salpavano le navi dirette vuoi nei paesi del mediterraneo, vuoi verso le coste atlantiche, così come Bilbao deteneva 80% delle esportazioni, città con un buon porto e ben comunicata anche via fluviale.

*****
- 1. Johan Huzinga, La civiltà olandese del Seicento, Einaudi, Torino, 2008, pag. 16.
- 2. Si ricorda che il Portogallo fu in mano spagnola dal 1580 al 1640.
- 3. Quintana Toret, F. J., La crisis del comercio malagueño en la transición del siglo XVII al XVIII (1678-1714), Baetica, 7, 1984, p. 286.
- 4. Archivo General de Simancas, Guerra Antigua, leg. 3572. Registros del año 1674.
- La tabella è tratta da: Juan A. Sánchez Bélen, El comercio Holandés de las especias en España en la segunda mitad del siglo XVII, in Hispania, n. 236, vol. LXX, 2010, p. 637.

Apr 222011
 

Se pensiamo che il problema dei profughi, degli emigranti, sia solo attuale, certamente siamo in errore, giacché anche nel periodo preso in considerazione in questo blog – Età moderna – era significativo e destava non poche preoccupazioni ai governanti. Accanto alle migrazioni interne, migrazioni dai villaggi, causate dalla ricerca di una migliore occupazione, dallo sfuggire alla miseria, dalla necessità di trovare un coniuge, si aggiungeva un considerevole movimento di popolazione che, per varie cause, lasciava il proprio paese.

In Spagna, per esempio, dopo la rivolta del 1569 e vari tentativi di cristianizzazione, la cacciata dei moriscos fu un momento che segnò un’epoca. L’esodo, in seguito alla decisione di espulsione del 1609, di circa 300.000 persone provocò un certo disequilibrio nei commerci, nella struttura sociale, si pensi solo che dalla regione valenciana partì più o meno un terzo della popolazione. Alcuni si rifugiarono in Nord Africa, alcuni a Istanbul, altri in Francia, altri, in numero variabile ma inferiore, in vari stati europei. Per non dimenticare che in tutto il XVI secolo salparono dalla Spagna intorno a 250.000 fra uomini e donne diretti verso le Nuove Terre.

Così come dalle isole inglesi si allontanarono fra il 1620 e il 1640, stabilendosi nel Nord America e nelle Indie occidentali, circa 80.000 persone. E alla volta dei Paesi Baltici, gioco forza l’egemonia inglese, si spinsero molti scozzesi, mentre gli irlandesi si dirigevano verso i paesi cattolici.

Dal Portogallo, si stima – ricordo che le indicazioni statistiche sono approssimative, in considerazione del fatto che, con le dovute eccezioni, non si possiedono precisi dati – emigrarono dalla seconda metà del Cinquecento sia verso il Brasile sia verso le nuove terre atlantiche circa 3.000 uomini l’anno, oltre a circa 2.400 che andavano distribuendosi, già dai primi decenni del XVI sec., lungo le coste dell’India: quantità non poca giudicando il milione di abitanti che viveva in Portogallo.

Ma non solo, anche i pellegrinaggi furono causa di importanti spostamenti. A Roma, si dice, giunsero per l’Anno santo del 1575 quattrocentomila visitatori, in una città di quasi 100.000 abitanti, cifra che salì a oltre cinquecentomila nel 1600. La religione, dunque, influiva sia positivamente che negativamente nelle grandi emigrazioni. I protestanti si allontanarono dai paesi cattolici in cui risiedevano, e viceversa. In Francia, la feroce repressione della notte di San Bartolomeo, 1572, fu il culmine del problema, un problema di intolleranza religiosa che già fra il 1540 e il 1550 aveva causato vari flussi migratori. Alcuni autori calcolano che si rifugiarono in Svizzera fra il 1549 e il 1587 circa 12.000 francesi, sfuggiti alle persecuzioni, mentre altri si imbarcarono in direzione dell’America. E sempre in Francia, la revoca (1685) dell’Editto di Nantes - stipulato da Enrico IV nel 1598, che assicurava una certa tolleranza religiosa verso gli ugonotti – da parte di Luigi XIV, fu causa di ulteriori emigrazioni: fra il 1680 e il 1720 espatriarono circa 200.000 persone, la maggior parte verso le Province Unite, alcuni in Inghilterra, altri nei paesi riformati.

In questo brevissimo quadro bisogna includere la feroce Guerra dei Trent’anni (1618-1648), che, oltre a causare morti, feriti, crisi, depressioni, malattie e via dicendo, indusse, specialmente dopo la battaglia della Montagna Bianca del 1620 e quindi della fine dell’indipendenza ceca, una buona quantità di nobili che appoggiarono l’elettore palatino Federico V (1596-1632) a emigrare. A fine conflitto, si conteggia che la popolazione della Boemia si ridusse del 45% e quella della Moravia del 25%, cifre davvero considerevoli.

*****
Nota: i dati statistici sono presi da Henry Kamen, L’Europa dal 1500 al 1700, Laterza, Bari-Roma, 2000, pag. 205 e segg.

Mar 062011
 

Di seguito un cenno sui tre sovrani che regnarono sull’impero portoghese durante il ‘700.

Giovanni V del Portogallo

Giovanni V del Portogallo (1689-1750) tentò, a modo di Luigi XIV, accentrare il potere nelle sue mani, grazie anche agl’ingenti introiti che davano le miniere d’oro e d’argento in Brasile. Amante delle arti e delle lettere, si circondò di poeti e artisti con i quali s’intratteneva nelle ore libere; fece costruire, prendendo d’esempio Versailles, il Palazzo Reale di Mafra. Si sforzò di creare nuove industrie manifatturiere e svegliare ulteriormente i commerci, per mezzo delle ricchezze brasiliane. Nel 1708 sposò la cugina Maria Anna d’Austria (1683-1754), figlia di Leopoldo I, con la quale ebbe sei figli, fra cui Giuseppe, futuro sovrano.

*****

Giuseppe I del Portogallo

Giuseppe I del Portogallo (1714-1777) affidò la direzione del regno a tre ministri, fra i quali il marchese di Pombal che si rivelò energico, capace, duro e grande lavoratore, adoperandosi per concentrare ancor più il potere nelle mani del sovrano. Giuseppe I fu un appassionato di musica. Si sposò nel 1729 con Marianna Vittoria di Borbone (1718-1781), figlia di Filippo V di Spagna, da cui nacquero quattro figlie. La regina prese le veci di Giuseppe I quando questi nel 1774 venne dichiarato pazzo e quindi inabile a governare.

*****

Maria I del Portogallo e Pietro III del Portogallo

Maria I del Portogallo (1734-1816), fervente cattolica, una delle prime azioni che compì, salita al trono, fu quella di allontanare il marchese di Pombal, che aveva espulso dal paese i gesuiti. Si sposò con il fratello minore del padre, Pietro III (1717-1786), ovvero con l’ultimo figlio di Giovanni V, e insieme governarono. Quando fu costretta, per la pessima salute mentale, ad abbandonare il trono, il suo posto venne preso dal figlio Giovanni VI.

Mar 032011
 

Il Marchese di Pombal

Nell’Europa del Settecento, il marchese di Pombal riveste la figura dell’assolutismo illuminato portoghese, di una persona che, tentando di accentrare il potere nelle mani del sovrano, spingeva a un ammodernamento dello stato.

In quel periodo, le condizioni del paese iberico non erano certo brillanti, guidato da una classe dirigente poco aperta all’evoluzione del tempo. L’oro e l’argento che arrivavano dalle colonie americane iniziava a scarseggiare, fino a quasi finire intorno il 1760; l’agricoltura era in condizioni arretrate senza una forza espansiva e competitiva; l’attività manifatturiera quasi del tutto inesistente; la Chiesa, con il suo ramo inquisitivo, era potente e temuta; la nobiltà chiusa in se stessa; eppure Lisbona era un grande centro commerciale dell’epoca, un centro in cui si incontravano merci dell’oriente e dell’occidente. Poi venne il disastroso terremoto e maremoto di Lisbona del 1755, mettendo in ginocchio un Portogallo poco dinamico. A questa situazione Sebastião José de Carvalho e Mello (1699-1782), conte di Oeiras, e poi marchese di Pombal dal 1770, cercò di mettere un freno, dominando la vita del paese iberico dal 1750 al 1777, e iniziò proprio nel condurre e accelerare la ricostruzione della capitale dopo lo sfortunato evento del ’55.

Giuseppe I del Portogallo

Giuseppe I del Portogallo

Il marchese spesso adoperò metodi sbrigativi, quali la forza, per tentare di sollevare le sorti del paese. Nell’ambito culturale, furono messi al bando testi di Voltaire, Montesquieu, Rousseau, ma anche di intellettuali portoghesi come Luís Antonio Verney e tanti altri, fu modernizzata l’università di Coimbra. Riorganizzò esercito e marina, riformò il sistema fiscale, abolì lo schiavismo dei nativi delle colonie. Ma ciò che premeva maggiormente Pombal era mettere fuori legge la Compagnia di Gesù. Il loro potere si faceva, e si era già fatto, sempre più forte e presente ai massimi livelli dello stato. La scintilla fu un accordo fra Portogallo e Spagna, in cui i portoghesi si impegnavano ad abbandonare la zona dell’estuario del Rio de la Plata, mentre gli spagnoli cedevano parte del territorio paraguayano. A ciò, i guaranì, indigeni del luogo, dovevano abbandonare case e terre ed emigrare nella parte spagnola. Ma la loro reazione fu una guerriglia a entrambi gli invasori che durò anni, una rivolta che Pombal credeva essere appoggiata dai gesuiti. Nel 1757 il marchese allontanò le missioni dei gesuiti dall’impero portoghese, nello stesso tempo venne a sapere di un intrigo alle sue spalle da parte di questi e di un gruppo di nobili. L’occasione d’oro fu data nel 1758 da un mancato attentato al re Giuseppe I (1714-1777), che rientrava da una festa, un attentato forse eseguito da un marito geloso (1). A questo punto Pombal, influenzando una commissione d’inchiesta, fece condannare vari aristocratici e alcuni prelati di spicco. Il 3 settembre 1759 la Compagnia di Gesù fu espulsa dal Portogallo.

Le riforme che il marchese intraprese negli anni a seguire diedero pochi risultati tangibili, a parte, forse, la riforma dell’insegnamento che apriva le porte a quei gruppi di borghesi che desideravano rinnovare il paese (sempre seguendo le linee tracciate dal ministro). Lo sforzo avviato verso la produzione di lino, carta, cristallo, cappelli diede ben pochi effetti, solo la manifattura del cotone ebbe una certa crescita. L’Inquisizione passò in mano civile, le persecuzioni contro gli ebrei convertiti, i marranos, furono in un certo qual modo meno pressanti.

Alla morte di Giuseppe I, Pombal fu accusato di tirannia e peculato. Ben presto fu sottratto ai suoi incarichi e giudicato colpevole; i provvedimenti contro di lui furono però lievi. Morì all’età di 83 anni, nel 1782.

*****
1. L. Guerci, L’Europa del Settecento, UTET, Milano, 2006, pag. 563.

*****

Ult. inf.: Revista Camões n. 15-16, Enero-Junio de 2003.

Feb 082011
 

Schiavi in Senegal, XVIII sec.

Argomento delicato e complesso, gli schiavi, “prodotto” di assalti, saccheggi, prodotto della pirateria e delle incursioni corsare lungo le coste del Mediterraneo.

E d’immediato ci vengono in mente gli schiavi turchi, termine con il quale le fonti indicano generalmente i musulmani, “turco” in contrapposizione a “cristiano”, quindi senza una ben precisa appartenenza etnica-politica-geografica.

L’Italia per la sua posizione strategica, oltre che per la molteplice suddivisione politica, ha avuto e ricevuto schiavi anche di diversa origine. Iniziamo dai mori, gente di origine musulmana stanziata in Spagna ed espulsi durante la riconquista cattolica del XV secolo, gente che si rifugiava in linea di massima nel Maghreb, Tunisia in particolare.

Dalla stessa zona africana giungevano nelle nostre terre, vuoi tramite le incursioni cristiane, vuoi tramite i commerci, vuoi tramite le battaglie navali, prigionieri provenienti da zone interne, Ciad per esempio, e Tripoli potrebbe considerarsi un fiorente mercato del tempo (XV-XVI secolo) dal quale partivano carovane dirette verso l’Europa.

Un’altra testimonianza potrebbe indicarsi nella piccola isola di Tabarca, di fronte Tunisi, in mano ai genovesi (famiglia Comellini) dalla seconda metà del XVI secolo fino al 1741, isola ricevuta in cambio del corsaro Dragut fatto prigioniero da Giannettino Doria nel 1540, da dove salpavano navi cariche di merci, oltre che di schiavi, dirette sia verso le vicinissime terre africane sia verso l’Europa (1). 

Non bisogna poi dimenticare gli schiavi neri che, dalla metà del XV secolo e buona parte del XVI, i portoghesi avevano portato in Spagna e in Portogallo dalle loro scorribande lungo le coste africane atlantiche, Senegal e via dicendo, neri che, trasferiti principalmente a Tripoli, erano diretti verso la Sicilia.

Per esempio, intorno al 1516, la potente famiglia Fardella di Trapani, poteva contare su un centinaio di schiavi neri (2), mentre a Palermo, sempre agli inizi del Cinquecento, viene ricordato un mercante di schiavi col soprannome di lu nigreri (il negriero) (3) .

Anche in varie località pugliesi si ha notizia di negri, di piccoli gruppi isolati portati dai commercianti. Tutto ciò sembra indicare “una forza di frenesia, cioè quasi una smania degli schiavi, che attaccava la nobiltà e in generale le classi più agiate del Cinquecento” (4), in Sicilia.

Facciamo un salto temporale e avviciniamoci alla fine del XVII secolo. Essendo le nostre coste vicine ai Balcani, ecco che parte degli schiavi provenivano, in particolar modo dopo il fallito assedio di Vienna da parte dei turchi nel 1683, proprio da quei territori, vuoi portati da mercanti che approdavano a Brindisi, a Bari, o in Abruzzo, vuoi prigionieri di guerra. E c’erano anche donne e ragazzi destinati a “uso domestico”. Usualmente bosniaci, magiari, slavi, popoli che l’avanzata ottomana dei decenni precedenti aveva sottomesso. Non mancavano i greci, a volte al servizio turco, a volte schiavi anch’essi che remavano nelle navi.

Durante la conquista spagnola di città costiere africane, potevano inoltre essere catturati ebrei, e in buon numero. Il conte Pedro Navarro, che conquistò Tripoli (1510), mise all’asta diversi schiavi e fra questi vi erano ben 289 ebrei, condotti alla fine verso terre siciliane (5). Altri ebrei furono catturati a Tunisi dopo la caduta della città nelle mani di Carlo V nel 1535. Gli ebrei, a loro volta, potevano avere schiavi per conto loro, basti pensare alla comunità livornese che nel 1686 possedeva ben 95 schiavi (6).

Per terminare questo breve accenno, bisogna pur rilevare che la maggior parte degli schiavi presenti e commerciati in Italia erano di origine turca, della penisola anatolica, non di meno è da rilevare che le altre presenze qua considerate hanno avuto un certo ruolo nei commerci, nelle guerre, nelle dinamiche della storia moderna. Non dimentichiamo poi che alcuni di loro, convertiti al cristianesimo, e sposandosi spesso con persone del luogo, hanno dato vita a figli legittimi nel cui sangue scorreva il passato genetico.

*****

- 1. L. Scaraffia, Rinnegati. Per una storia dell’identità occidentale, Laterza, 1993, pp. 19-23.
- 2. S. Bono, Schiavi in Italia: Maghrebini, neri, schiavi, slavi, ebrei e altri (secc. XVI-XIX), in “Mediterranea”, anno VII, agosto 2010, pag. 235.
- 3. G. Bonaffini, Corsari schiavi siciliani nel Mediterraneo (Secoli XVIII-XIX), in “Cahiers de la Méditerranée”, n. 65/2002.
- 4. G. Marrone, La schiavitù nella società siciliana dell’età moderna, Caltanissetta-Roma, 1972, pp. 199-200.
- 5. N. Zeldes, Un tragico ritorno: schiavi ebrei in Sicilia dopo la conquista spagnola di Tripoli (1510), in “Nuove Effemeridi”, n. 54, 2001, pp. 47-55.
- 6. C. Piazza, Schiavitù e guerra dei Barbareschi. Orientamenti toscani di politica transmarina (1747-1768), Giuffrè ed., Milano, 1983, pag. 95.

Dec 292010
 

Con lo sviluppo e l’avanzare dell’impero turco, le rotte commerciali marittime fra Europa e India presero un diverso cammino. I portoghesi furono i primi a seguire il lungo percorso che passava da Capo di Buona Speranza, quando nel 1487 Bartolomeo Diaz (1450-1500) lo soprannominò Capo delle Tempeste, avendolo doppiato proprio in quell’anno. Circa dieci anni dopo, 1497, Vasco da Gama (1469-1524) allestì una nuova via per le Indie, dalla regione di Mombasa al porto di Calicut, raggiunto il 20 maggio 1498, attraversando direttamente l’oceano. Ricevuto dal sovrano hindu di Calicut, da Gama cominciò a istituire, dopo difficili accordi, una serie di magazzini per intraprendere scambi con la zona.
Tutto iniziò a cambiare nell’epoca di Pedro Alvarez Cabral (1467 ca.-1520 ca.), partito da Lisbona nel marzo del 1500 con ben tredici vascelli, a cambiare nel senso che, non accontentandosi dei soli vantaggi finanziari, i portoghesi desideravano anche le conquiste territoriali. E così fu. Molestando le navi delle altre nazioni che commerciavano con quei luoghi e volendo stabilire una certa egemonia, si infastidì lo Zamorin, il re di Calicut. A tal punto che i portoghesi, fra un intrigo di corte e un altro, si allearono con il rivale di quest’ultimo, il sovrano di Cochin.
Nel 1509 il re del Portogallo Manuele I (1469-1521) nominò Alfonso de Albuquerque (1453-1515) “governatore degli affari portoghesi in India”, che s’impadronì del ricco porto di Goa, nei territori del sultanato di Bajapur. La politica di Alfonso fu forte e decisa, spingendo i suoi soldati a sposarsi con le native del luogo, perseguendo musulmani e hindu che non si convertivano al cristianesimo, conquistando piazzeforti, assicurandosi un buon controllo navale sulle coste dell’India fino a buona parte dell’isola di Ceylon.
Ben presto le sorti si rovesciarono e, col tempo, la loro influenza marittima e commerciale iniziò un lento ma inesorabile declino, un declino dovuto alla disonestà dei metodi, alla loro talvolta brutale violenza, agli atti di pirateria che indisposero i vari sovrani indiani e le popolazioni, oltre al fatto che la scoperta del Brasile aveva attratto la loro attenzione. Non trascurando che le altre nazioni europee avanzavano anche loro una certa pretesa su quelle ricche terre.
Nel 1600 la regina d’Inghilterra Elisabetta I (1533-1603) accordava alla Compagnia Inglese delle Indie Orientali il monopolio del commercio nei mari dell’Est, poi due anni dopo l’Olanda concedeva alle Compagnia Olandese delle Indie Orientali l’esclusività di negoziare, fare guerra, trattare, commerciare. Poi ancora nel 1616 arrivavano i danesi, nel 1664 i francesi incoraggiati da Colbert, nel 1772 fu creata una Compagnia fiamminga dai mercanti di Ostenda, indi nel 1731 ecco la Svezia (1).
Risultato furono i vari conflitti, prima fra olandesi e inglesi, poi fra inglesi e francesi e così via.
Gli olandesi, che si interessavano principalmente delle spezie, sottrassero ai portoghesi, poco a poco, la loro preponderanza territoriale e commerciale. Nel 1605, l’isola di Ambon, nell’arcipelago delle Molucche, passò nelle loro mani, così come Jakarta nel 1619, stabilendosi sulla costa della Malesia intorno al 1641. Nel 1658 s’impossessarono della parte portoghese di Ceylon e di molte zone lungo la costa dello Gujarat, oltre a penetrare nell’interno del Paese. In pochi decenni gli olandesi erano riusciti a subentrare ai portoghesi, acquisendo il monopolio del commercio delle spezie e trafficando inoltre l’indaco, la seta, le fibre tessili, il riso e l’oppio della valle del Gange.

*****
1. Alain Daniélou, Storia dell’India, Ubaldini editore, Roma, 1992, pag. 258.

*****

Piccola bibliografia:

José H. Saraiva, Storia del Portogallo, Mondadori Bruno, 2007.
Johan Huizinga, La civiltà olandese del Seicento, Einaudi, 2008.
Michelguglielmo Torri, Storia dell’India, Laterza, 2007.
Stanley Wolpert, Storia dell’India. Dalle origini della cultura dell’Indo alla storia di oggi, Bompiani, 2001.

Nov 282010
 

L’imperatore Qianlong pratica la calligrafia.

Con l’arrivo dei gesuiti in Cina e con l’accesso nel Mar Cinese delle flotte di paesi come Portogallo, Spagna, Olanda, l’Europa entrò a negoziare con un territorio che offriva ampie possibilità economiche. Nel 1685, a Canton, fu istituita una dogana marittima sotto il controllo di un sovraintendente imperiale e i primi ad avere l’autorizzazione ad aprire un ufficio commerciale furono gli inglesi nel 1699. Seguirono i francesi nel 1728, poi gli Stati Uniti nel 1784. Proprio verso la metà del XVIII secolo, alcune corporazioni, padroneggiate da ricchi mercanti dell’area di Canton, furono abilitate a trattare con gli europei.

Dall’Europa giungevano tessuti di cotone, minerali come lo stagno, il piombo, mentre si caricavano sulle navi di ritorno tè, medicine naturali, porcellana, il tutto con un valore di scambio quasi sempre a sfavore degli occidentali. La Cina vendeva più di quanto importava e, di conseguenza, la bilancia commerciale positiva pendeva dalla parte orientale.

Johann Adam Schall von Bell

Con la proposta di far conoscere maggiormente i mercati europei, nel 1793 fu inviata dalle autorità britanniche – ricordiamo essere re Giorgio III d’Inghilterra – un’ambasceria, guidata da lord George Macartney (1737-1806), i cui risultati furono davvero scarsi: dopo varie peripezie diplomatiche, l’imperatore Qianlong (1711-1799), rifiutò le offerte di dare un maggiore spazio ai prodotti britannici, anche perché pensava che la Cina fosse una grande potenza che non aveva bisogno di nulla e che gli stranieri generalmente fossero dei “barbari”.

Eppure l’influenza di certi missionari, come i gesuiti, non fu trascurabile, basti pensare che l’imperatore cinese chiese al gesuita Johann Adam Schall von Bell (1591-1666) di compilare un nuovo calendario sulla base di quello occidentale, affidandogli peraltro la direzione dell’Ufficio Astronomico. Dopotutto grazie ai successi in matematica, in geografia, in astronomia, in cartografia, i religiosi cattolici riuscirono ad avere il favore imperiale. E von Bell fondò la prima chiesa cattolica a Pechino.

L’ambiente di corte cinese fu, in un certo qual modo, attratto dall’esoticità occidentale, dalle decorazioni e dall’arredamento tipicamente europeo, così come dalle teorie religiose del monoteismo e dall’individualità dell’anima, teorie che trovavano una qualche accoglienza fra i neoconfuciani.

Ma le influenze erano reciproche. I resoconti dei gesuiti che giungevano in occidente erano tema di conversazione fra aristocratici, borghesi, re, principi, imperatori, così come l’attrazione che sviluppavano le porcellane cinesi.

Il declino dei gesuiti, l’abolizione nel 1773 del loro ordine da parte di papa Clemente XIV, le varie polemiche teologiche fra francescani e domenicani, segnarono il principio della fine delle prospettive missionarie in Cina.

L’ambasciata di Macartney, 1793

Jan 162010
 

L’erede al trono è sempre stata una scommessa con la Storia, una scommessa che spingeva sovrani e regnanti a giocarsi anche la vita politica pur di avere un figlio, necessario a proseguire la dinastia.
Eccezione non faceva di certo Filippo II (1527-1598), figlio di Carlo V (1500-1558) e di Emanuela del Portogallo (1503-1539), sovrano di una Spagna al massimo del suo splendore e paladino della religione cattolica.
Filippo si sposò quattro volte, ricevendo ben otto figli.

Maria Emanuela d’Aviz del Portogallo (1527-1545), fu la prima consorte quando ancora non era sovrano. Era figlia di Giovanni III del Portogallo e Caterina d’Asburgo, quest’ultima sorella minore di Carlo V, quindi, Maria, cugina di Filippo II. Sposata nel 1543, ebbe il primo e unico figlio ad appena diciotto anni, nel 1545, Carlo, che morirà nel 1568. Poco tempo dopo aver partorito, Maria Emanuela decederà per le complicazioni del parto. Riportano le cronache che vivevano una vita separata, anche per la freddezza e il comportamento distaccato del marito.

*****

Maria I d’Inghilterra (1516-1558), figlia di Enrico VIII e Caterina d’Aragona, acconsentì unirsi (1554) a Filippo II dietro suggerimento di Carlo V, sebbene alcune fazioni nobiliari e una parte della chiesa, i protestanti, non fossero d’accordo. Buona cattolica, Maria cercava a tutti i costi un discendente, ma morì, sembra di tumore e senza figli, all’età di 42 anni. La Spagna ancora una volta restava senza regina.

*****

Per la terza moglie, la scelta cadde su Elisabetta di Valois (1545-1568), figlia di Enrico II di Francia e dell’italiana Caterina de’ Medici. In verità, Elisabetta era destinata per interesse politico – come quasi sempre d’altronde – al figlio di Filippo II, Carlo, quel figlio nato dalla prima moglie. Il sovrano di Spagna riservava un certo affetto verso la nuova consorte – sposata nel 1559 -, a differenza del suo essere gelido e distaccato con le prime due. Dal loro matrimonio nacquero Isabella Clara Eugenia e Caterina Micaela. Elisabetta morirà a 23 anni, con accanto un marito che si rivelò premuroso.

*****

Lo stesso anno, 1568, morirà Carlo, l’erede al trono, figlio che si era dimostrato poco equilibrato. Filippo II doveva per forza maggiore risposarsi e cercare un maschio per la continuità della sua dinastia. Anna d’Asburgo (1549-1580) fu la sua quarta e ultima moglie, figlia di Massimiliano II d’Asburgo e Maria di Spagna, quest’ultima figlia di Carlo V, quindi, Anna, nipote di Filippo II. Dal loro rapporto presero vita cinque discendenti: Ferdinando, Carlo Lorenzo, Diégo Felix, Filippo, Maria. L’erede salirà al trono col nome di Filippo III. La dinastia era salva. Anna morirà ad appena 31 anni.

Aug 192009
 

Caratteri mobili

Una delle prime forme di censura del libro stampato si ebbero proprio a Magonza, sede di un arcivescovato, nel 1485, in cui Bertoldo di Magonza, arcivescovo della città, incaricò due prelati e due dottori universitari di esaminare i libri che man mano uscivano dalle tipografie, impedendo quelli che non ottenevano l’autorizzazione.

Agli inizi del 1500, ancor prima delle 95 tesi di Lutero del 1517, la stessa Chiesa chiedeva all’imperatore e ai principi tedeschi un’attenta sorveglianza sulle pubblicazioni. Nel 1501 il papa Alessandro VI (1431-1503), della famiglia dei Borgia, con la bolla Inter multiplices proibiva certi libri non in linea con la religione cattolica.

E il lavoro non era facile, in quanto alcuni signori erano legati economicamente alle stamperie, altri erano aperti alle novità, altri ancora buoni cattolici che seguivano i consigli del pontefice. Nel 1515, il Concilio Laterano elaborò la famosa bolla Inter sollicitudines per evitare confusioni, affermando che si dovevano far scomparire “… le opere tradotte dal greco, dall’ebraico, dall’arabo e dal caldeo, tanto in latino che nelle lingue profane, libri contenenti errori di fede e dogmi perniciosi […] così come i libelli diffamatori contro persone di alto rango”.

Con l’avvento del luteranesimo e di altre dottrine rivoluzionarie, i libri da disapprovare si moltiplicarono. Lutero ripeteva che “La stampa è l’ultimo dono di Dio, e il più grande, Dio vuol far conoscere la causa della vera religione a tutta la terra, fino ai confini del mondo”.

Il medesimo Lutero era consapevole del ruolo e delle potenzialità dei torchi, specialmente se il testo veniva stampato in volgare, perché era, anche e soprattutto, al popolo che lui si rivolgeva. Tra il 1520 e il 1525 migliaia di pamphlet in volgare divulgarono il suo pensiero in tutta la Germania. Erano piccole pubblicazioni di poche pagine ricche di illustrazioni, illustrazioni che saranno fondamentali nella diffusione del pensiero luterano.

Lutero invitava la gente a leggere, ad avvicinarsi con i propri occhi alle sacre scritture, alla Bibbia.
Ancor di più, la peregrinazione delle idee verso Italia, Francia, Svizzera avvenne proprio grazie alla stampa.

La Chiesa cattolica sembrava, almeno per i primi anni, non rendersi conto di ciò che stesse accadendo, esitava, era incerta, aspettava, fino a quando si decise a controriformare e a propagandare anch’essa tramite il volgare. Leone X (1475-1521) scomunicò Lutero, condannando i suoi scritti al rogo, nel 1520, poi rinforzò la censura, proibì pubblicazioni di qualunque tipo proferissero contro la chiesa. Eppure, malgrado ciò, non si riuscì a controllare del tutto l’arte grafica, giacché si continuava a pubblicare nei paesi protestanti o in quelli cattolici in forma clandestina.

Index Librorum ProhibitorumDal 1559 al 1966 vigerà l’Index librorum prohibitorum istituito da papa Paolo IV (1476-1559) che segnalava le opere non adatte a essere stampate e, nota curiosa, anche certe bibbie impresse in Germania, perché ritenute non correttamente tradotte. Tra i libri figurava il Decameron di Boccaccio, Il novellino di Masuccio Salernitano, le varie opere di Machiavelli, oltre che Rabelais, Erasmo da Rotterdam e tantissimi altri. Nel 1616 si bandirono le pubblicazioni di Copernico. Le bibbie in volgare potevano essere rese pubbliche solo se stampate da autori che conoscessero il latino, non donne, e autorizzate dalla Chiesa. L’Indice era aggiornato con una certa frequenza. Il fedele non poteva detenere, commerciare, leggere, discutere quei testi impediti dalla Chiesa, pena la scomunica.

Nell’immaginario collettivo s’era impresso il ricordo dei roghi del 1500, di quei libri che non bisognava sfogliare, per cui una lettura vietata acquistava simbolo di pena.

In Italia, i diversi stati daranno incarico all’autorità ecclesiastica il potere di controllo, con eccezione di Venezia, dove per imprimere un libro bisognava avere una licenza di stampa, già dal 1527.
Ancora nei paesi tedeschi, durante la fratricida guerra dei contadini, centinaia di biblioteche furono messe al rogo da truppe analfabete che desideravano semplicemente saccheggiare e distruggere quei documenti dove erano registrati i loro debiti. Roccaforti e monasteri furono assaliti, devastati, bruciati e con essi tutto quanto contenevano. Per esempio a Maihingen, tre falò di migliaia di libri fanno l’allegria degli insorti, così come a Bamberg, a Wettenhausen e tante altre cittadine. Contadini illetterati presi dalla rabbia e dalla furia contro i loro padroni feudali, contadini che Lutero appoggerà in un primo momento e se ne distaccherà dopo, inveendo addirittura contro la loro malvagità.

In Spagna, lo stesso Stato controllava effettivamente la pubblicazione di tutti i libri, grazie all’Inquisizione. Ferdinando d’Aragona (1452-1516) e Isabella di Castiglia (1451-1504), nel 1502, istituiscono la censura regia, nessuno poteva pubblicare senza la loro autorizzazione, il controllo sarà severissimo e si potevano divulgare solo opere riportanti l’Imprimatur.

La reazione è immediata, i librari che avevano una buona scorta di libri da vendere si vedono costretti o a darli clandestinamente o venderli nei Paesi in cui l’Indice non viene seguito. Una bizzarra legge, nella seconda metà del 1500, invitava gli studenti e professori che frequentavano all’estero di ritornare in patria e presentarsi davanti al Sant’Ufficio per sostenere un esame. Gli si faceva vieto portare libri, leggere in lingue che non fosse lo spagnolo. Sempre in quegli anni, le navi che attraccavano nei porti del regno spagnolo erano sottoposte a perquisizione prima ancora di essere sdoganate. Si vietava categoricamente la circolazione delle opere di Calvino, Lutero, Zwingli, del Talmud e del Corano, oltre che di libri che analizzavano la magia e materie correlate.

In Francia, Francesco I (1494-1547), nel 1521, tramite il Parlamento di Parigi, proibisce agli stampatori pubblicare testi sulla fede cristiana senza essere prima esaminati dalla Facoltà di teologia della Sorbona. Poi, tra il 1544 e il 1556, la Sorbona compilerà sei cataloghi di libri vietati, includendo perfino Gargantua e Pantagruel di Rabelais, ritenendolo poco morale. Nel 1563 il sovrano Carlo IX (1550-1574) intervenne con una legge con cui si accordava la pubblicazione solo dietro suo consenso. Più grave divenne il caso con Colbert, intorno alla seconda metà del 1600, quando questi limitò finanche il numero dei librai da 72 a 35, creando addirittura una forza pubblica all’uopo. Fatta la legge, trovato l’inganno, si dice usualmente. Ebbene tanti tipografi si rifugiarono nelle città di confine per continuare la loro attività e fra questi gli illuministi che stamperanno i loro pamphlet, i loro fogli, i loro opuscoli.

Non solo la Chiesa cattolica proibiva certi libri, ma anche i Riformatori asserivano che non tutto il popolo era preparato a leggere qualunque cosa, per cui bisognava verificare la produzione e la diffusione delle opere.

A Ginevra, dove operava Calvino, la censura arriverà nel 1539 e da questi sostenuta. In fin dei conti, sia dall’una che dall’altra parte bisognava influenzare la massa, in quanto una massa intelligente, colta, critica è un focolaio di ribellione, ribellione contro un dato status quo. In Germania, a Ulm, nel 1523-’24, così come a Ratisbona nel 1535, le autorità proibirono discutere in pubblico le idee luterane, pensando che le interpretazioni andassero oltre ciò che queste desideravano dire.

Nel 1559, dunque, papa Paolo IV dava l’avvio al primo Index librorum prohibitorum, ovvero il primo Indice con il quale si elencavano ben 3.000 testi ritenuti non idonei al buon cattolico. Sarà ripubblicato per ben 32 volte, aggiornandolo sino al 1948, poi nel 1966 la Chiesa lo soppresse. L’Indice fu riconosciuto in Italia, in Portogallo, nei Paesi Bassi spagnoli, ma non in Francia, mentre la Spagna, come abbiamo detto, seguiva un Indice proprio, autonomo da quello romano e subordinato alla corona.

Fra la fine del ‘500 e per quasi tutto il ‘600, i controlli ecclesiastici furono più o meno risoluti, riuscendo, in un certo qual modo, a influire sull’editoria, in particolar forma in Italia e in Spagna, paesi tradizionalmente cattolici e legati alla Chiesa. E proprio nel 1570 a Venezia, per esempio, la Repubblica diede autorizzazione all’Inquisizione di compiere visite a sorpresa per scovare libri proibiti presso i depositi dove si tenevano i libri pronti alla vendita. Cosa interessante è notare come alcuni di questi magazzini siano stati dati in cessione da alcuni ordini religiosi, ordini che spesso partecipavano commercialmente alla diffusione dei volumi.

Qualche anno prima, 1565, l’arcivescovo Leonardo Marini da Roma scriveva al popolo di Lanciano, città dove si svolgeva una ben nota fiera libraria: “[…] Darò ancora ordine all’istesso Vicario che riveda i libri che si portano alle fiere, e che si pigli tutti i proibiti, acciò non si vendano, né spargano per il Regno”.

Gli stampatori reagirono male, i libri non si vendevano, l’Indice cambiava spesso, nessuno voleva rischiare, per cui l’unica scelta da fare era quella di dare alla luce opere che la Chiesa accordava, libri religiosi che avevano un ampio mercato ed evitava loro mal di testa. L’editore veneziano Gabriele Giolito (1508-1578) capì che codesta era la strada da intraprendere, e ben presto lo seguiranno vari suoi colleghi, si era già nella seconda metà del ‘500.

La Chiesa farà di certi libri una sorta di demone, demone da evitare, condannare, demone che bisognava mettere al rogo. E fu tanta la paura inferita nel cattolico che costui doveva fare attenzione a ciò che leggeva e se avesse posseduto libri, era un possibile sospettoso da parte degli inquisitori.

Ma l’avversione ai libri non era solo in Europa occidentale. Solimano il Magnifico (1494-1566), nella sua avanzata verso Vienna, conquistata Buda e Pest nel 1526, ordina l’incendio della città, che con essa vanno al rogo migliaia di testi di una delle prime grandi biblioteche umanistiche d’Europa, quella del re di Ungheria Mattia Corvino, amante delle lettere e delle arti. La sua biblioteca, la più dotata dopo quella Vaticana, era stata rifornita da agenti che operavano un po’ ovunque in Europa, raccogliendo circa tremila volumi, tutti impreziositi da famosi amanuensi e riprodotti in modo magistrale, alcuni addirittura datavano prima del 1470. Si crede che solo un decimo dei 2-2500 libri si salvò.

L’anno dopo, quel fatidico maggio del 1527, quando le truppe lanzichenecche di Carlo V (1500-1558) entrarono a Roma, libri, manoscritti, documenti, ricoprivano le strade della città pontificia: la cultura buttata a terra! Si narra che tante pallottole furono fatte fondendo i sigilli di piombo delle bolle papali.

Se da una parte le censure e i roghi frenarono in un certo qual modo la produzione di libri, dall’altra parte scatenarono la corsa al libro vietato, al libro illegale. Le tipografie si adeguarono ai tempi, alcune di loro emigrando verso territori in cui i controlli erano minori, altre si dedicarono a editare testi religiosi o consentiti dalla legge. Altre ancora si diedero alla clandestinità, clandestinità che vedrà fiorire a partire dal 1500 un economicamente ricco mercato.

Cosicché, i librai che desideravano dare alla luce opere censurate adottarono la stampa alla macchia, appunto per evitare di essere perseguiti. Falsi luoghi di pubblicazione, false date, frontespizi semplici ed essenziali, niente marca, niente nome dello stampatore: elementi caratteristici di un libro nascosto. Si sviluppavano oltre che in luoghi remoti, anche in cittadine lontane dai centri di potere, in Olanda, a Ginevra, nel principato di Neuchâtel, ma anche a Napoli, a Venezia, dove la stampa alla macchia, col passare degli anni, costituirà addirittura il 40% del mercato librario, per esempio a Roma. In Inghilterra, a fine XVI secolo, lo stampatore John Charlewood ricavò ampi profitti in una attività clandestina che stampava libri in lingue straniere che poi spediva in Europa.

Dicevamo di Napoli, dove le opere illegali erano stampate in una quantità enorme. Ciò era dovuto all’incertezza riguardo chi doveva controllare. Epica è la storia di Lorenzo Ciccarelli, nel XVIII sec., che avrebbe arredato la sua casa per dare vita a una tipografia degna di nota. Da là usciranno i libri inquisiti di Boccaccio, Galileo Galilei, e perfino del cappellano maggiore Celestino Galliani, nome legato alla censura. Napoli sarà città florida in tal senso, sarà punto di riferimento anche per la Rivoluzione francese, sarà porto d’esportazione per opere censurate. Si giunse al punto che l’affare economico era così grande che gli stessi censori chiuderanno un occhio per consentire la pubblicazione di certi libri molto richiesti.

Secondo il de Santillana, “preti, monaci, persino prelati, fanno a gara tra loro per accaparrarsi copie del Dialogo al mercato nero […] il prezzo del libro al mercato nero sale dall’originale mezzo scudo a quattro e sei scudi in tutt’Italia”.

Libri proibiti erano anche quelli erotici, che avevano un commercio illegale davvero unico e sviluppato. Robert Darnton in una sua investigazione presso la Société Typographique di Neuchâtel in Svizzera ha calcolato che su 457 titoli ordinati dai librai il 21 per cento erano proprio pornografici.

Jun 252009
 

Ai giorni d’oggi quasi tutte le case, siano esse in città che fuori città, hanno la possibilità di avere acqua potabile, ma i nostri avi soffrivano spesso per la mancanza di questo prezioso liquido.
Acquaiolo di Siviglia, Velazquez, 1620

L’approvvigionamento idrico in campagna, nei secoli che vanno dal XV al XIX, era difficoltoso normalmente per la distanza da percorrere, in quanto non tutte le case avevano un pozzo o una fontanella o un fiumiciattolo nelle vicinanze. Nei paesi a clima freddo, dove le piogge erano frequenti, era usuale la raccolta della pioggia, sebbene non sempre sufficiente. Cosicché le donne erano costrette a percorrere lunghe distanze per rifornirsene. Si è calcolato che una contadina inglese del ’500 doveva camminare una media di 500-600 mt., mentre una scozzese anche 1.500 mt. Immaginiamoci, dunque, una donna con un secchio, una brocca o un recipiente contenente 10-20 lt. di acqua, percorrere sotto un sole cocente o nei giorni di pioggia e freddo simili distanze, quotidianamente.

Diverso il problema che si presentava in città e sebbene fontane, fontanelle e pozzi fossero a distanze inferiori che nelle campagne non tutte funzionavano e quasi sempre c’era una lunga fila da fare, talvolta anche per 1-2 ore. In Francia, nel XVIII sec., il consumo giornaliero era più o meno di 5-7 lt. pro-capite, mentre a Londra circa 12-15 lt.

A partire dalla metà del ’400, varie città intrapresero opere idriche. A Roma, papa Nicolò V fece ripristinare la cosiddetta Acqua Vergine, mentre a Castel Sant’Angelo, nel 1530, papa Clemente VII – lo stesso che autorizzò nel 1527 a scavare l’oggi Pozzo di San Patrizio a Orvieto – si fece costruire un bagno con acqua calda e fredda; in Francia nel 1457 si rimise in funzione l’acquedotto di Belleville che si affiancò a quello di Pré-Saint-Gervais e nel 1613 Maria de’ Medici fece risorgere quello di Arcueil; in Spagna solo nel 1481 si riattivò l’eccellente acquedotto di Segovia; in Portogallo ne erano attivi una certa quantità, da quello di Coimbra a quello di Tomar a quello di Elvas e, inoltre, se ne costruì uno nuovo a Lisbona tra il 1729 e il 1748, detto delle Acque Libere. In Italia, nel Regno di Napoli, Carlo III di Borbone fece portare l’acqua nella bella reggia di Caserta.Reggia di Caserta.

Tutte queste opere e tante altre contribuirono ad averne maggiore disponibilità nelle grandi città, mentre nelle piccole la figura dell’acquaiolo era ancora presente e operante, sebbene non tutte le famiglie avessero le condizioni economiche per comprarla.

Spesso l’acqua era inquinata, ricordiamo che v’era l’usanza di gettare per strada i rifiuti o di costruire i pozzi neri anche vicino fonti d’acqua potabile, per non parlare poi dell’inquinamento che produrrà la rivoluzione industriale, specialmente in Inghilterra e nei paesi nordici.

Col passare del tempo – siamo già nel XVII secolo – in Francia si sviluppò la moda di avere nei giardini giochi d’acqua, per cui la scienza facilitò nuovi mezzi per migliorare i problemi idraulici. Si iniziò a incanalare il prezioso liquido dirigendolo verso le case, tramite pompe e altri marchingegni che spingevano e sollevavano l’acqua.
Acquedotto dell'Acqua Vergine, Roma, anonimo del XIX secolo

Gli sviluppi seguirono anche nell’800, nel senso che questa iniziava a essere disponibile nelle abitazioni, almeno negli ambienti benestanti. A Parigi si creò una società per la fornitura del vitale liquido a domicilio, grazie alle pompe dei fratelli Perrier. A Milano, il primo impianto di acqua potabile risale al 1888, a Valencia, Spagna, al 1850.

Dicevamo, dunque, dell’inquinamento, inquinamento tanto molesto che il Tamigi, la Senna o altri fiumi di grandi città portavano nelle loro acque, oramai poco potabili. Ecco allora, l’alta mortalità per tutta l’Età moderna, maggiore nei centri urbani che in quelli di campagna, che potevano attingere acqua ancora potabile. Nelle città, tante fontane, tanti pozzi erano infetti dai rifiuti, a tal punto che la gente, non avendo altro che bere, l’adoperava, con la conseguenza che malattie e infermità colpivano gran parte della popolazione.

Poco a poco, grazie al lavaggio delle strade, alla raccolta dei rifiuti, alla pulizia delle città, migliorarono le condizioni di salute e il tenore di vita: siamo già ai primi del XIX secolo.

Nov 272008
 

Alessandro Magnasco, Scene dell'Inquisizione, 1720-30L’Inquisizione spagnola ebbe una nascita e uno sviluppo del tutto particolare, nel senso che, mentre le altre, quelle monastico-papale e romana, dipendevano direttamente dal pontefice, la spagnola, nata nel 1478 per disposizione di Sisto IV, aveva la caratteristica di essere soggetta allo stato, ai re cattolici. E non era l’unica: la portoghese, voluta nel 1547, avrà la stessa peculiarità.

Si era instaurata con lo scopo principale di lottare contro gli ebrei e i musulmani vuoi della Spagna vuoi delle Nuove Terre, costoro, già cristianizzati – conversos y moriscos –, erano accusati di ritornare segretamente a seguire il loro credo nativo. Ben presto, l’Inquisizione si indirizzò verso la repressione dei culti protestanti ed eretici in generale. C’è da sottolineare che divenne peraltro uno strumento politico della monarchia per indebolire il potere della classe nobiliare e dei ricchi commercianti, che, perseguitati, venivano privati dei loro beni.

Tomàs de TorquemadaFigura simbolo di quegli anni era l’inflessibile domenicano Tomàs de Torquemada (1420-1498), confessore di Isabella I di Castiglia e Ferdinando II il Cattolico, ed era tanto drastico che si dovette invitare Roma a intervenire per cercare di frenare gli eccessi. Torquemada, nominato da papa Sisto IV primo inquisitore generale di Castiglia nel 1483, riorganizzò la struttura logistica dell’Inquisizione in tal modo che in quindici anni della sua gestione si celebrarono circa 100.000 processi con 2.000 condanne a morte. Tanta era l’autonomia spagnola che ebbe la facoltà di preparare un suo Indice, quella lista di libri proibiti perché considerati pericolosi per la fede e per la morale, lista che avrà origine sotto il pontificato di papa Paolo IV, nel 1559.

L’Inquisizione spagnola ebbe vita abbastanza lunga, si ricorda che l’ultima vittima fu nel 1826, mentre venne definitivamente abolita qualche anno dopo, nel 1834.

*****

Piccola bibliografia

- Helen Rawlings, L’inquisizione spagnola, il Mulino, 2008.
- Joseph Pérez, Breve storia dell’inquisizione spagnola, Corbaccio, 2006.
- Bartolomé Bennassar, Storia dell’inquisizione spagnola. Fatti e misfatti della «Suprema» dal XV al XIX secolo, Rizzoli, 2003.

iscriviti alla babilonia61 newsletter

distinguiti dalla massa, ama la cultura

 

→ e scarica gratis un e.book in formato pdf che raccoglie, a mo’ di rivista, una serie di articoli

dedicati alla storia moderna, con immagini e video: