Oct 222011
 

Dopo undici mesi d’assedio, Giustino di Nassau, comandante della piazzaforte olandese di Breda, consegna le chiavi della città agli assedianti spagnoli capeggiati dal genovese Ambrogio Spinola (1569-1630), esponente di una ricca e forte famiglia con interessi economici in Spagna. Giugno del 1625, l’esercito iberico ottiene una grande vittoria. Ricordo siamo in piena fase della guerra d’indipendenza dei Paesi Bassi.
Il pittore spagnolo Diego Velazquez (1599-1660) ne farà tema di uno dei suoi più riusciti quadri, La resa di Breda o Le lance (1634-35), una tela dove emergono e si palesano sentimenti in modo davvero notevole.
Con alle spalle un paesaggio desolato, devastato e pieno di fumi per incendi, Giustino di Nassau porge al nemico le chiavi di Breda, un gesto raffigurato con umiltà nell’intento di chinarsi rispettoso all’avversario, e, nello stesso tempo, Ambrogio Spinola conforta con una mano sulla spalla il nemico. La scena, a mio avviso avvolta in un delicato silenzio, è garbata e discreta, piena di umanità, se di umanità si possa parlare durante una battaglia, una scena in cui c’è ancora posto per una resa onorevole. L’elemento materiale che spicca fra tutti sono quelle lance alzate al cielo, sul campo destro del quadro per chi guarda, lance che spezzando la linea dell’orizzonte danno profondità e solennità all’insieme, lance che simbolizzano la forza delle truppe spagnole.

Diego Velázquez, La resa di Breda, 1634-35

Jul 292011
 

Sappiamo che gli scambi di mercanzie sono oggi uno dei fattori di sviluppo economico, e non di meno lo erano nei secoli passati. E quando un paese entrava in guerra con un altro, generalmente, le attività commerciali diminuivano e spesso si bloccavano, un modo – anche ma non solo – per costringere il nemico a trattare.

Parte orientale dell’impero portoghese

Durante il XVI secolo erano stati i portoghesi ad avere una posizione privilegiata nella distribuzione delle spezie in Europa, lottando con i veneziani che godevano di una ubicazione avvantaggiata territorialmente e di abili mercanti. Ai principi del Seicento gli olandesi, che iniziavano a vivere la loro epoca d’oro, erano, poco a poco, penetrati nelle zone asiatiche, togliendo al Portogallo sia il controllo della produzione delle spezie, sia la vendita in Europa. La efficiente attività e l’intraprendenza imprenditoriale olandese aveva fatto sì questi avessero in mano buona parte del mercato europeo delle spezie, determinando, per quanto possibile, i prezzi. Una certa importanza aveva avuto la Compagnia Olandese delle Indie Orientali, fondata nel 1602.

“[… ] Amsterdam poteva dichiarare in un messaggio agli stati generali che la Repubblica, per mole di scambi e numero di navi, superava di gran lunga Inghilterra e Francia.” (1)

Prezzo delle spezie in Spagna fra il 1601 e il 1700

Nel 1621 gli spagnoli entrarono in guerra con le Province Unite, fermando immediatamente le importazioni dei prodotti che venivano da quei paesi, in tal modo la Spagna si trovò a corto di pepe, cannella, chiodi di garofani, e via dicendo. Ma non solo, quelle poche libbre che riuscivano a entrare o esistevano già nei depositi dei commercianti ebbero un’impennata di prezzo notevole. Da considerare altresì che la città portoghese (2) di Goa, in India, fu in stato di assedio olandese a partire dal 1636 e per nove anni, motivo per cui arrivavano in Europa ben pochi carichi, a tal punto che nella Borsa di Amsterdam il prezzo del pepe salì da 60 fiorini le 100 libbre a 175. In più: il 1640 segnò anche l’uscita del Portogallo dalla corona spagnola, paralizzando i traffici fra i due paesi iberici e incidendo nei prezzi delle spezie, si pensi che fra il 1641 e il 1650 quasi si duplicarono. Nel 1662 Filippo IV (1605-1665) decise, oltre a sospendere i pagamenti, bloccare economicamente il Portogallo, quindi le merci da lì provenienti, le ripercussioni dei paesi europei furono immediate, opponendosi con risoluzione alle disposizioni del sovrano spagnolo. Il re fu pertanto costretto l’anno seguente a revocare l’ordine, vista la situazione che si era venuta a creare.

Finanche le guerre anglo-olandesi e franco-olandesi ebbero ripercussioni negative dirette e indirette nei traffici con la Spagna, e nella distribuzione delle spezie, infatti vari porti dei paesi in lotta erano controllati dagli avversari e non si permetteva il carico-scarico delle mercanzie. Per esempio, la via di Amburgo, in Germania, fu durante un buon periodo ostacolata, avendo negato gli inglesi il passaggio delle navi.

Poi, nel 1663, Amsterdam fu colpita dalla peste, il cui culmine fu l’anno seguente, cosicché le navi procedenti dalla città non potevano entrare per legge nei porti spagnoli, addirittura a Malaga si ordinò cannoneggiarli (3).

I prezzi delle spezie continuavano a oscillare, legati, com’erano, agli andamenti politici degli stati. Quando la monarchia spagnola intervenne nel 1673 nella guerra franco-olandese del 1672-1678, appoggiando i secondi, cannella e chiodi di garofano furono i prodotti più colpiti, aumentando il loro prezzo di vendita. Pur in questa situazione, bisogna tener conto che talvolta le merci, dovendo saltare ostacoli di origine diplomatica, facevano dei percorsi insoliti e più lunghi: si registra, per esempio, un carico di cannella che, imbarcata da Isaac Brainer per la società Kies e Jäger nella città di Amsterdam, passa da Genova per infine entrare a Barcellona (4). In tutto ciò, non sottovalutiamo l’interesse dei commercianti olandesi a controllare il mercato spagnolo delle spezie, un mercato ricco che permetteva lauti guadagni, guadagni che potevano essere impiegati per diversificare gli investimenti o per ripartire i pericoli in più attività.

Cadice e zone limitrofe ricevevano fra il 40 e il 50% delle spezie provenienti dalle Province Unite, mentre nei porti del Cantabrico il 35-40%, poca cosa in quelli del Mediterraneo, fra cui Alicante, per seguire con Malaga e Barcellona. Cadice era inoltre il porto da cui salpavano le navi dirette vuoi nei paesi del mediterraneo, vuoi verso le coste atlantiche, così come Bilbao deteneva 80% delle esportazioni, città con un buon porto e ben comunicata anche via fluviale.

*****
- 1. Johan Huzinga, La civiltà olandese del Seicento, Einaudi, Torino, 2008, pag. 16.
- 2. Si ricorda che il Portogallo fu in mano spagnola dal 1580 al 1640.
- 3. Quintana Toret, F. J., La crisis del comercio malagueño en la transición del siglo XVII al XVIII (1678-1714), Baetica, 7, 1984, p. 286.
- 4. Archivo General de Simancas, Guerra Antigua, leg. 3572. Registros del año 1674.
- La tabella è tratta da: Juan A. Sánchez Bélen, El comercio Holandés de las especias en España en la segunda mitad del siglo XVII, in Hispania, n. 236, vol. LXX, 2010, p. 637.

May 172011
 

La storia investigata e raccontata dal punto di vista femminile entra in un’ottica diversa, in una dimensione che a volte discorda da quella maschile, magari per l’uso dell’istinto femminile che permette far notare particolari che agli uomini normalmente sfuggono. E ancor più quando sono storiche a raccontare le avventure femminili, le vicissitudini di quelle donne che la storia spesso lascia nel dimenticatoio e che valgono tanto quanto quelle dell’altro sesso. Fra le tante storiche degli ultimi decenni ricordiamo l’inglese Lisa Jardine, l’americana Natalie Zemon Davis e tante altre. Ed è proprio da quest’ultima che prendo spunto per accennare alla vita di una naturalista tedesca.

L’editore Laterza nel 1996 pubblicò un interessante libro della Zemon Davis, Donne ai margini. Tre vite del XVII secolo, in cui la studiosa s’interessa di tre figure femminili poco note, ma che rappresentano il carattere, il modus vivendi, la visione di un’epoca che vide l’essere umano incamminarsi verso un maggiore uso della ragione e una presa di coscienza scientifica. Una di queste:

Maria Sibylla Marian

Maria Sibylla Merian, nata a Francoforte nel 1647, era figlia di pittori, sposata a sua volta con un altro pittore. La sua passione erano i fiori, gli insetti, gli animali, amava vivere a stretto contatto con il paesaggio, con il territorio agreste, assistere in prima persona agli eventi della natura che si trasformano in continuazione. Separatasi dal marito nel 1685, si ritirò insieme alla madre e alle due figlie in una comunità di rigorosi spiritualisti – Labadisti -, nei Paesi Bassi. Ben presto fu però infastidita dai troppi fanatismi – forte distacco dalle cose del mondo e abbandono di ogni tipo di ricchezza – che limitavano la sua passione di dipingere e di avvicinarsi alla scienza. Decise così andare a vivere ad Amsterdam, città di mentalità aperta e avanzata economicamente, fino alla sua morte, avvenuta nel 1717.

In tutto ciò vi è un rilevante avvenimento nella sua vita che bisogna considerare: la curiosità, l’emozione a scoprire, a indagare, la condusse a cinquantadue anni, insieme alla figlia minore, nel Suriname, una colonia olandese sulla costa nordatlantica dell’America equatoriale. Lì, a Paramaribo, vicino a indigeni e schiavi provenienti dall’Africa, visse fra il 1699 e il 1701, epoca che le permise entrare in stretto contatto visivo con le più disparate specie di animali e fiori, dipingendo con somma cura tutto quanto attirava la sua attenzione.

Difatti, al ritorno in Olanda, pubblicò un bellissimo volume dal titolo Metamorfosi degli insetti del Suriname, del 1705, un libro riccamente illustrato con 60 tavole che saranno di grande aiuto a Linneo per la quantità di informazioni scientifiche che contenevano. Illustrazioni riccamente dettagliate, colorate, piene di palpitante vita, illustrazioni che descrivono l’esuberante esoticità della natura, una natura che si evolve, una natura dove tutto cambia, quasi in perenne metamorfosi, come la sua vita.

«Ha sessantadue anni, ma è una donna ancora assai vivace… e molto operosa, di maniere squisite». Così annotava nel suo diario, nel 1711, Zacharias Conrad von Effenbach, giovane studioso molto erudito, che era venuto dalla città natale di Maria Sibylla per rendere visita all’artista e naturalista, per comprarle libri e alcuni acquarelli. Ad Amsterdam, Maria Sibylla era ormai una figura di fama internazionale, un personaggio che era d’obbligo conoscere [...]. Quando Pietro il Grande si recò in visita nella città, il suo medico fece sosta in Kerkstraat e acquistò alcuni dipinti per lo zar.” (1)

*****

Maria Sibylla Marian, Ananas con insetti

Maria Sibylla Marian, Metamorfosi

Maria Sibylla Marian, Metamorfosi di una farfalla, 1705

*****

1. Natalie Zemon Davis, Donne ai margini, Tre vite del XVII secolo, Laterza, Roma-Bari, 1996, pag. 205.

*****

(Rivisto e aggiornato 27 Giugno 2011)

Dec 292010
 

Viaggio di Vasco da Gama per l’India

Con lo sviluppo e l’avanzare dell’impero turco, le rotte commerciali marittime fra Europa e India presero un diverso cammino. I portoghesi furono i primi a seguire il lungo percorso che passava da Capo di Buona Speranza, quando nel 1487 Bartolomeo Diaz (1450-1500) lo soprannominò Capo delle Tempeste, avendolo doppiato proprio in quell’anno. Circa dieci anni dopo, 1497, Vasco da Gama (1469-1524) allestì una nuova via per le Indie, dalla regione di Mombasa al porto di Calicut, raggiunto il 20 maggio 1498, attraversando direttamente l’oceano. Ricevuto dal sovrano hindu di Calicut, da Gama cominciò a istituire, dopo difficili accordi, una serie di magazzini per intraprendere scambi con la zona.

Parte orientale dell’impero portoghese

Tutto iniziò a cambiare nell’epoca di Pedro Alvarez Cabral (1467 ca.-1520 ca.), partito da Lisbona nel marzo del 1500 con ben tredici vascelli, a cambiare nel senso che, non accontentandosi dei soli vantaggi finanziari, i portoghesi desideravano anche le conquiste territoriali. E così fu. Molestando le navi delle altre nazioni che commerciavano con quei luoghi e volendo stabilire una certa egemonia, si infastidì lo Zamorin, il re di Calicut. A tal punto che i portoghesi, fra un intrigo di corte e un altro, si allearono con il rivale di quest’ultimo, il sovrano di Cochin.

Nel 1509 il re del Portogallo Manuele I (1469-1521) nominò Alfonso de Albuquerque (1453-1515) “governatore degli affari portoghesi in India”, che s’impadronì del ricco porto di Goa, nei territori del sultanato di Bajapur. La politica di Alfonso fu forte e decisa, spingendo i suoi soldati a sposarsi con le native del luogo, perseguendo musulmani e hindu che non si convertivano al cristianesimo, conquistando piazzeforti, assicurandosi un buon controllo navale sulle coste dell’India fino a buona parte dell’isola di Ceylon.

Ben presto le sorti si rovesciarono e, col tempo, la loro influenza marittima e commerciale iniziò un lento ma inesorabile declino, un declino dovuto alla disonestà dei metodi, alla loro talvolta brutale violenza, agli atti di pirateria che indisposero i vari sovrani indiani e le popolazioni, oltre al fatto che la scoperta del Brasile aveva attratto la loro attenzione. Non trascurando che le altre nazioni europee avanzavano anche loro una certa pretesa su quelle ricche terre.

Theodore de Bry, porto di Lisbona, 1593

Nel 1600 la regina d’Inghilterra Elisabetta I (1533-1603) accordava alla Compagnia Inglese delle Indie Orientali il monopolio del commercio nei mari dell’Est, poi due anni dopo l’Olanda concedeva alle Compagnia Olandese delle Indie Orientali l’esclusività di negoziare, fare guerra, trattare, commerciare. Poi ancora nel 1616 arrivavano i danesi, nel 1664 i francesi incoraggiati da Colbert, nel 1772 fu creata una Compagnia fiamminga dai mercanti di Ostenda, indi nel 1731 ecco la Svezia (1).

Risultato furono i vari conflitti, prima fra olandesi e inglesi, poi fra inglesi e francesi e così via.

Gli olandesi, che si interessavano principalmente delle spezie, sottrassero ai portoghesi, poco a poco, la loro preponderanza territoriale e commerciale. Nel 1605, l’isola di Ambon, nell’arcipelago delle Molucche, passò nelle loro mani, così come Jakarta nel 1619, stabilendosi sulla costa della Malesia intorno al 1641. Nel 1658 s’impossessarono della parte portoghese di Ceylon e di molte zone lungo la costa dello Gujarat, oltre a penetrare nell’interno del Paese. In pochi decenni gli olandesi erano riusciti a subentrare ai portoghesi, acquisendo il monopolio del commercio delle spezie e trafficando inoltre l’indaco, la seta, le fibre tessili, il riso e l’oppio della valle del Gange.

*****
1. Alain Daniélou, Storia dell’India, Ubaldini editore, Roma, 1992, pag. 258.

Jodocus Hondius, India Orientalis, 1625

*****

Piccola bibliografia:

José H. Saraiva, Storia del Portogallo, Mondadori Bruno, 2007.
Johan Huizinga, La civiltà olandese del Seicento, Einaudi, 2008.
Michelguglielmo Torri, Storia dell’India, Laterza, 2007.
Stanley Wolpert, Storia dell’India. Dalle origini della cultura dell’Indo alla storia di oggi, Bompiani, 2001.

Aug 052010
 

Mulino ad acqua di Braine-le-Château, XII secolo

Lo sviluppo economico e sociale umano è passato attraverso piccole e grandi rivoluzioni, attraverso forme più o meno palesi di cambiamenti, cambiamenti che spesso si possono solo notare su una lunga scala di tempo. Ciò che adesso stiamo vivendo con l’era internettiana, sicuramente lo potremmo meglio analizzare fra qualche decina di anni se non addirittura fra qualche secolo, quando avremmo, o meglio i nostri figli avranno, una più completa visione degli eventi e dell’insieme.

Mulino ad acqua orizzontale

Nei secoli XI, XII e XIII, le lente trasformazioni dei mulini ad acqua e a vento hanno portato un certo cambiamento nelle abitudini sia economiche che sociali, svolgendo una ben precisa funzione nella crescita dell’Europa. I mulini ad acqua avevano un’importanza superiore a quelli a vento, in balìa, questi ultimi, ai capricci del vento, alla loro direzione, alla loro forza, alla loro frequenza. Mentre, nei limiti ritmici della natura, quelli ad acqua erano più costanti nel funzionare. Pertanto il loro sviluppo avvenne nei pressi di un fiume, di un fiumiciattolo ben fornito, delle dighe, degli acquedotti, elementi che permettevano alle pale di girare con una certa forza e costanza. Caso eccezionale erano i mulini nella laguna veneta, mossi, come ci dice un viaggiatore dell’epoca (1533) “dall’acqua del mare in una via quando il mare cresce o decresce”(1).

Il primo mulino ad acqua era orizzontale, sembra comparso nell’antica Grecia e non deve stupirci se lo troviamo nel ’400 in Boemia o addirittura in Romania verso il 1850 ancora funzionante, dopotutto il semplice meccanismo riusciva a soddisfare i primi bisogni di meccanizzazione del lavoro e necessitava ben poca manutenzione. Furono i romani, nei primi secoli della nostra era, ad adoperare la ruota verticalmente.

Gli usi di questa prima forma idraulica sono stati molteplici: muoveva piloni che frantumavano minerali, pesanti martinetti che battevano il ferro da forgiare, aprivano e chiudevano i mantici delle fucine, per non dimenticare l’enorme aiuto dato allo sviluppo dell’industria mineraria intorno al XV secolo.

Avvenne pertanto che nei pressi di questi mulini si iniziarono a formare degli insediamenti proto-industriali via via più grandi: Praga, posta su varie anse della Moldava, Norimberga che fa girare i suoi mulini grazie al fiume Pegnitz, Parigi e dintorni sul corso della Senna.

Descrizione medievale di un mulino a vento, 1340 c.

E dove non c’è acqua o c’è poco vento continua sempre il mulino girato dagli animali o dalle braccia umane, vedi la pianura ungherese. Conseguenza di tutto ciò fu la necessità di un nuovo mestiere, i mugnai. Accanto a loro poi gli albergatori, i mercanti di bestiame, i falegnami, gli eventuali tecnici, tutta una serie di lavoratori e lavori che apportarono una piccola ma significativa rivoluzione per l’epoca medievale e prima parte di quella moderna.

Il mulino a vento appare molto tempo dopo di quello idraulico, forse originario dell’alto Tibet o dell’Iran, dove si sono scoperti mulini esistenti fin dal VII secolo. Nel XII secolo compaiono in Inghilterra, nelle Fiandre, in Francia nel XIII secolo, nel XIV in Polonia e Germania, mentre sembra che in Spagna siano stati presenti, a Tarragona, fin dal X secolo forse portati dagli arabi che lo hanno diffuso nel Mediterraneo e, addirittura, introdotto in Cina. Ricordiamo lo stupore del Chisciotte al vedere gli alti mulini girare nella Mancia, mulini diffusi tardivamente rispetto alle altre zone iberiche. Ampia diffusione ebbero ancor più in Olanda, paese in cui si incontrano venti provenienti dall’Atlantico al Baltico.

La grande e vera rivoluzione fu anche scoprire che era possibile, una sola ruota, trasmettere il proprio movimento a più strumenti, per esempio a due macine, a due o più seghe, e via dicendo.

Georg Agricola, De re metallica, 1556, Mantice azionato con mulino ad acqua

*****

1. G. Affagart, Relation de Terre Sainte (1533-1534), a cura di J. Chavanon, 1902, pag. 20.

Apr 052010
 

Jan Brueghel il Vecchio, Paesaggio con viaggiatori, 1610 ca.

Il Settecento fu punto di svolta nelle comunicazioni, secolo che vedrà la nascita, grazie alla Rivoluzione industriale, di nuovi modi e mezzi di trasporto, di comunicazione.

Ma com’era la situazione prima? Analizziamo brevemente il periodo e affidiamoci ai quadri di Jan Brueghel (1568-1625), pittore olandese che dipingerà con dettagli e particolari la sua epoca.

Strade con pozzanghere, cavalli infangati, stivali che affondano nella melma fino al ginocchio, carri trainati a fatica da buoi in vie di comunicazioni del tutto precarie, gente che si sposta e cammina usualmente a piedi. Viaggiare nel ‘600 non era certamente facile, al punto tale che spesso si attraversavano campi arati e seminati per accorciare un tragitto lungo e tortuoso senza rendersi conto che magari il grano era già germogliato o si faceva danno al raccolto.

Situazione che appesantiva lo scambio commerciale e non facilitava di sicuro l’economia. Solo le prime strade lastricate, le prime ferrovie, le navi a vapore inaugureranno la vera svolta tecnologica: mezzi che permetteranno ai mercati svilupparsi in un modo diverso, più rapido, su scala quasi mondiale.

Jan Brueghel il Vecchio, Paesaggio, 1603

Jan Brueghel il Vecchio, Paesaggio, 1603.

Seguiamo però parlando dei dintorni del XVIII secolo, prima di quei progressi.

Raccontava Pierre Lescalopier (1574) che per raggiungere Istanbul attraversando i Balcani era meglio camminare da mattina a sera e, al tramonto del sole, fermarsi in un caravanserraglio a riposare e passare la notte, evitando sia affaticare gli animali sia spiacevoli incontri notturni. Importanti dunque questi ricoveri, queste stazioni di posta che, in certi paesi e città, disponevano perfino di cambi di cavalli o affittarne addirittura qualcuno.

Ricchi e poveri [vi] albergano in mancanza di meglio; sono come grandi fienili, dove si riceve luce da feritoie, al posto delle finestre” (1).

E la cosa resterà uguale anche nel secolo da noi preso in considerazione, quando intorno al 1693 un viaggiatore napoletano scriveva:

non sono altro […] che lunghe scuderie dove i cavalli occupano il mezzo, mentre i lati restano per i padroni” (2).

Strade poco comode, velocità limitata, pericoli costanti, alcune delle caratteristiche del tempo, eppure, malgrado tutto ciò, le grandi città erano più o meno rifornite con una certa costanza.

Anche l’acqua, con i suoi fiumi, i suoi canali, i suoi mari, sarà importante per sostenere un commercio che premeva le frontiere per universalizzarsi. Dove c’era acqua potevano esserci mercati, paesini e villaggi pronti a ricevere l’ospite o la mercanzia. La Senna, la Loira, il Reno, il Po, l’Adige, l’Ebro, il Danubio e via dicendo erano percorsi utilizzati ampiamente sin dall’antichità, erano vie di comunicazioni di rilievo, anche se talvolta più lente rispetto a quelle terrestri. Per non dimenticare il Mediterraneo e poi l’Atlantico, mari e oceani che invoglieranno il commercio e lo spostamento di popolazioni. Città come Venezia, Parigi, Siviglia, Toledo, Londra, saranno impensabili senza un fiume che li rifornirà di prodotti. Su piatti battelli che scenderanno l’Ebro da Tudela a Tortosa e poi fino al mare, si trasporteranno balle, polvere, granate, munizioni che si fabbricavano in Navarra, evitando il famoso Salto di Flix, dove le merci venivano scaricare e ricaricate poco più avanti.

Jan Brueghel il Vecchio, Paesaggio con riva, 1607.

Jan Brueghel il Vecchio, Paesaggio con riva, 1607. 

I trasporti in generale avevano una grossa incidenza sul prezzo finale e, sebbene variasse da regione a regione e da città a città, si poteva calcolare fra un 10% e un 12%, con punte anche del 20%, con particolari eccezioni:

Nel Seicento bisogna «pagare da cento a duecento lire per far portare da Beaune a Parigi una queue di vino, che spesso non vale più di una quarantina di lire»”. (3)

Il passare degli anni e dei secoli permetterà agevolare le comunicazioni: i cavalli si moltiplicheranno, i tiri saranno a sei, a otto, per favorire il trasporto di carri più pesanti; i cambi forniranno animali sempre freschi per evitare di fermarsi e farli riposare; le strade, poco a poco, saranno migliorate e rese più sicure. Non di meno saranno le vie fluviali dove il carbone farà la sua entrata favorendo una maggiore velocità.

*****

1. Voyage faict par moy Pierre Lescalopier, pubblicato parzialmente da E. Cléray, in “Revue d’histoire diplomatique”, 1921, pag. 28.
2. Gemelli Careri, Voyage di tour du monde, 1727, I, pag. 256.
3. Fernad Braudel, Civiltà materiale, economia e capitalismo, Le strutture del quotidiano (secoli XV-XVIII), Einaudi, 2009, pag. 393.

Oct 112009
 

Il Seicento, lo abbiamo visto, è stato un secolo che alcuni studiosi hanno chiamato di crisi, crisi rispetto – anche, ma non solo – al Rinascimento del Cinquecento, alla sua arte, ai suoi sviluppi politici ed economici.

Jan Steen, Gioiosa compagnia

Jan Steen, Gioiosa compagnia

Il Barocco sarà la caratterizzante di quegli anni, così come le monarchie assolutiste, lo sviluppo delle ricerche scientifiche, e via dicendo. Barocco che sarà diffuso in quasi tutta Europa, e diciamo quasi in quanto vi fu uno stato, un piccolo ma importante stato, in cui non prese piede, o quanto meno poco: l’Olanda.
Scrive Johan Huizinga nel suo La civiltà olandese del Seicento:

“Uno dei più forti impulsi del Seicento è di conformarsi alle norme stabilite, dottrinarie o politiche, plastiche o prosodiche. Dominano lo splendore e la dignità, la posa teatrale, la regola rigorosa e la dottrina chiusa; l’ideale è il deferente rispetto per la chiesa e per lo stato. La monarchia viene divinizzata come regime politico, mentre i vari paesi adottano come norma fondamentale di condotta uno sfrenato egoismo e arbitrio nazionalistico. Tutta la vita pubblica si svolge entro i canoni di un’ampollosa eloquenza che vuol essere presa per serietà assoluta. Magnificenza e ostentazione, con pomposo formalismo, toccano il culmine: La fede rinnovata si esprime plasticamente in figurazioni altisonanti e trionfali: Rubens, i pittori spagnoli, Bernini.”

Ma tutto ciò toccherà poco o nulla l’Olanda. A parte Joost van den Vondel (1587-1679), poeta e drammaturgo, di tendenze barocche, il resto si dedicherà a realizzare la quotidianità, come i pittori del genere, che rappresenteranno lo sviluppo economico e l’agiatezza della classe borghese dell’epoca. I Paesi Bassi in generale vivranno, durante quasi tutto l’arco del Seicento, un periodo di maturità davvero unica, basta dare un’occhiata alle tele di Jan Steen o di Jan Vermeer.

Grazie al commercio marittimo e alla forza della borghesia, l’Olanda sarà uno dei pochi stati europei a spiccare il volo e a differenziarsi dal resto del mondo. I mercanti saranno la classe più influente, così come i magistrati. Amsterdam, intorno alla fine del ’500, poteva dichiarare ad alta voce di aver superato la Francia e l’Inghilterra per volume di scambi e per numero di navi. L’assolutismo non radicherà in quelle regioni, sia per la debolezza della forza nobiliare, che per quella dell’autorità centrale.
In tutto ciò salta alla vista un particolare, forse determinate, nella storia olandese del Seicento:

“Ciò che permise agli olandesi di dominare nel commercio internazionale non fu dunque un’organizzazione commerciale o una teoria economica progredita. Al contrario, si può dire che essi trassero giovamento proprio dalla mancanza d’ingerenza statale.” (J. Huizinga, La civiltà olandese del Seicento).

Le varie attività, come la produzione di aceto, di sale, di sapone, di zucchero, di tabacco, di lavorazione del ferro, del legno, della pietra, e via dicendo, non dovevano sottostare a restrizioni corporative, avevano dunque un margine di libertà superiore alla media europea. Punto di forza, così, della struttura, se di struttura si possa parlare, dello sviluppo economico di quel paese nordico, modello significativo.

Sarà nel ’700 che l’Olanda attraverserà un periodo poco felice, a causa della guerra di successione spagnola.

Bartholomeus van der Helst, Banchetto della Guardia Civica di Amsterdam in celebrazione della Pace di Münster, 1648

Bartholomeus van der Helst, Banchetto della Guardia Civica di Amsterdam in celebrazione della Pace di Münster, 1648

Aug 192009
 

Caratteri mobili

Una delle prime forme di censura del libro stampato si ebbero proprio a Magonza, sede di un arcivescovato, nel 1485, in cui Bertoldo di Magonza, arcivescovo della città, incaricò due prelati e due dottori universitari di esaminare i libri che man mano uscivano dalle tipografie, impedendo quelli che non ottenevano l’autorizzazione.

Agli inizi del ’500, ancor prima delle 95 tesi di Lutero del 1517, la stessa Chiesa chiedeva all’imperatore e ai principi tedeschi un’attenta sorveglianza sulle pubblicazioni. Nel 1501 il papa Alessandro VI (1431-1503), della famiglia dei Borgia, con la bolla Inter multiplices proibiva certi libri non in linea con la religione cattolica.

E il lavoro non era facile, in quanto alcuni signori erano legati economicamente alle stamperie, altri erano aperti alle novità, altri ancora buoni cattolici che seguivano i consigli del pontefice. Nel 1515, il Concilio Laterano elaborò la famosa bolla Inter sollicitudines per evitare confusioni, affermando che si dovevano far scomparire “… le opere tradotte dal greco, dall’ebraico, dall’arabo e dal caldeo, tanto in latino che nelle lingue profane, libri contenenti errori di fede e dogmi perniciosi […] così come i libelli diffamatori contro persone di alto rango”.

Con l’avvento del luteranesimo e di altre dottrine rivoluzionarie, i libri da disapprovare si moltiplicarono. Lutero ripeteva che “La stampa è l’ultimo dono di Dio, e il più grande, Dio vuol far conoscere la causa della vera religione a tutta la terra, fino ai confini del mondo”.

Il medesimo Lutero era consapevole del ruolo e delle potenzialità dei torchi, specialmente se il testo veniva stampato in volgare, perché era, anche e soprattutto, al popolo che lui si rivolgeva. Tra il 1520 e il 1525 migliaia di pamphlet in volgare divulgarono il suo pensiero in tutta la Germania. Erano piccole pubblicazioni di poche pagine ricche di illustrazioni, illustrazioni che saranno fondamentali nella diffusione del pensiero luterano.

Lutero invitava la gente a leggere, ad avvicinarsi con i propri occhi alle sacre scritture, alla Bibbia.
Ancor di più, la peregrinazione delle idee verso Italia, Francia, Svizzera avvenne proprio grazie alla stampa.

La Chiesa cattolica sembrava, almeno per i primi anni, non rendersi conto di ciò che stesse accadendo, esitava, era incerta, aspettava, fino a quando si decise a controriformare e a propagandare anch’essa tramite il volgare. Leone X (1475-1521) scomunicò Lutero, condannando i suoi scritti al rogo, nel 1520, poi rinforzò la censura, proibì pubblicazioni di qualunque tipo proferissero contro la chiesa. Eppure, malgrado ciò, non si riuscì a controllare del tutto l’arte grafica, giacché si continuava a pubblicare nei paesi protestanti o in quelli cattolici in forma clandestina.

Index Librorum ProhibitorumDal 1559 al 1966 vigerà l’Index librorum prohibitorum istituito da papa Paolo IV (1476-1559) che segnalava le opere non adatte a essere stampate e, nota curiosa, anche certe bibbie impresse in Germania, perché ritenute non correttamente tradotte. Tra i libri figurava il Decameron di Boccaccio, Il novellino di Masuccio Salernitano, le varie opere di Machiavelli, oltre che Rabelais, Erasmo da Rotterdam e tantissimi altri. Nel 1616 si bandirono le pubblicazioni di Copernico. Le bibbie in volgare potevano essere rese pubbliche solo se stampate da autori che conoscessero il latino, non donne, e autorizzate dalla Chiesa. L’Indice era aggiornato con una certa frequenza. Il fedele non poteva detenere, commerciare, leggere, discutere quei testi impediti dalla Chiesa, pena la scomunica.

Nell’immaginario collettivo s’era impresso il ricordo dei roghi del 1500, di quei libri che non bisognava sfogliare, per cui una lettura vietata acquistava simbolo di pena.

In Italia, i diversi stati daranno incarico all’autorità ecclesiastica il potere di controllo, con eccezione di Venezia, dove per imprimere un libro bisognava avere una licenza di stampa, già dal 1527.
Ancora nei paesi tedeschi, durante la fratricida guerra dei contadini, centinaia di biblioteche furono messe al rogo da truppe analfabete che desideravano semplicemente saccheggiare e distruggere quei documenti dove erano registrati i loro debiti. Roccaforti e monasteri furono assaliti, devastati, bruciati e con essi tutto quanto contenevano. Per esempio a Maihingen, tre falò di migliaia di libri fanno l’allegria degli insorti, così come a Bamberg, a Wettenhausen e tante altre cittadine. Contadini illetterati presi dalla rabbia e dalla furia contro i loro padroni feudali, contadini che Lutero appoggerà in un primo momento e se ne distaccherà dopo, inveendo addirittura contro la loro malvagità.

In Spagna, lo stesso Stato controllava effettivamente la pubblicazione di tutti i libri, grazie all’Inquisizione. Ferdinando d’Aragona (1452-1516) e Isabella di Castiglia (1451-1504), nel 1502, istituiscono la censura regia, nessuno poteva pubblicare senza la loro autorizzazione, il controllo sarà severissimo e si potevano divulgare solo opere riportanti l’Imprimatur.

La reazione è immediata, i librari che avevano una buona scorta di libri da vendere si vedono costretti o a darli clandestinamente o venderli nei Paesi in cui l’Indice non viene seguito. Una bizzarra legge, nella seconda metà del 1500, invitava gli studenti e professori che frequentavano all’estero di ritornare in patria e presentarsi davanti al Sant’Ufficio per sostenere un esame. Gli si faceva vieto portare libri, leggere in lingue che non fosse lo spagnolo. Sempre in quegli anni, le navi che attraccavano nei porti del regno spagnolo erano sottoposte a perquisizione prima ancora di essere sdoganate. Si vietava categoricamente la circolazione delle opere di Calvino, Lutero, Zwingli, del Talmud e del Corano, oltre che di libri che analizzavano la magia e materie correlate.

In Francia, Francesco I (1494-1547), nel 1521, tramite il Parlamento di Parigi, proibisce agli stampatori pubblicare testi sulla fede cristiana senza essere prima esaminati dalla Facoltà di teologia della Sorbona. Poi, tra il 1544 e il 1556, la Sorbona compilerà sei cataloghi di libri vietati, includendo perfino Gargantua e Pantagruel di Rabelais, ritenendolo poco morale. Nel 1563 il sovrano Carlo IX (1550-1574) intervenne con una legge con cui si accordava la pubblicazione solo dietro suo consenso. Più grave divenne il caso con Colbert, intorno alla seconda metà del 1600, quando questi limitò finanche il numero dei librai da 72 a 35, creando addirittura una forza pubblica all’uopo. Fatta la legge, trovato l’inganno, si dice usualmente. Ebbene tanti tipografi si rifugiarono nelle città di confine per continuare la loro attività e fra questi gli illuministi che stamperanno i loro pamphlet, i loro fogli, i loro opuscoli.

Non solo la Chiesa cattolica proibiva certi libri, ma anche i Riformatori asserivano che non tutto il popolo era preparato a leggere qualunque cosa, per cui bisognava verificare la produzione e la diffusione delle opere.

A Ginevra, dove operava Calvino, la censura arriverà nel 1539 e da questi sostenuta. In fin dei conti, sia dall’una che dall’altra parte bisognava influenzare la massa, in quanto una massa intelligente, colta, critica è un focolaio di ribellione, ribellione contro un dato status quo. In Germania, a Ulm, nel 1523-’24, così come a Ratisbona nel 1535, le autorità proibirono discutere in pubblico le idee luterane, pensando che le interpretazioni andassero oltre ciò che queste desideravano dire.

Nel 1559, dunque, papa Paolo IV dava l’avvio al primo Index librorum prohibitorum, ovvero il primo Indice con il quale si elencavano ben 3.000 testi ritenuti non idonei al buon cattolico. Sarà ripubblicato per ben 32 volte, aggiornandolo sino al 1948, poi nel 1966 la Chiesa lo soppresse. L’Indice fu riconosciuto in Italia, in Portogallo, nei Paesi Bassi spagnoli, ma non in Francia, mentre la Spagna, come abbiamo detto, seguiva un Indice proprio, autonomo da quello romano e subordinato alla corona.

Fra la fine del ‘500 e per quasi tutto il ‘600, i controlli ecclesiastici furono più o meno risoluti, riuscendo, in un certo qual modo, a influire sull’editoria, in particolar forma in Italia e in Spagna, paesi tradizionalmente cattolici e legati alla Chiesa. E proprio nel 1570 a Venezia, per esempio, la Repubblica diede autorizzazione all’Inquisizione di compiere visite a sorpresa per scovare libri proibiti presso i depositi dove si tenevano i libri pronti alla vendita. Cosa interessante è notare come alcuni di questi magazzini siano stati dati in cessione da alcuni ordini religiosi, ordini che spesso partecipavano commercialmente alla diffusione dei volumi.

Qualche anno prima, 1565, l’arcivescovo Leonardo Marini da Roma scriveva al popolo di Lanciano, città dove si svolgeva una ben nota fiera libraria: “[…] Darò ancora ordine all’istesso Vicario che riveda i libri che si portano alle fiere, e che si pigli tutti i proibiti, acciò non si vendano, né spargano per il Regno”.

Gli stampatori reagirono male, i libri non si vendevano, l’Indice cambiava spesso, nessuno voleva rischiare, per cui l’unica scelta da fare era quella di dare alla luce opere che la Chiesa accordava, libri religiosi che avevano un ampio mercato ed evitava loro mal di testa. L’editore veneziano Gabriele Giolito (1508-1578) capì che codesta era la strada da intraprendere, e ben presto lo seguiranno vari suoi colleghi, si era già nella seconda metà del ‘500.

La Chiesa farà di certi libri una sorta di demone, demone da evitare, condannare, demone che bisognava mettere al rogo. E fu tanta la paura inferita nel cattolico che costui doveva fare attenzione a ciò che leggeva e se avesse posseduto libri, era un possibile sospettoso da parte degli inquisitori.

Ma l’avversione ai libri non era solo in Europa occidentale. Solimano il Magnifico (1494-1566), nella sua avanzata verso Vienna, conquistata Buda e Pest nel 1526, ordina l’incendio della città, che con essa vanno al rogo migliaia di testi di una delle prime grandi biblioteche umanistiche d’Europa, quella del re di Ungheria Mattia Corvino, amante delle lettere e delle arti. La sua biblioteca, la più dotata dopo quella Vaticana, era stata rifornita da agenti che operavano un po’ ovunque in Europa, raccogliendo circa tremila volumi, tutti impreziositi da famosi amanuensi e riprodotti in modo magistrale, alcuni addirittura datavano prima del 1470. Si crede che solo un decimo dei 2-2500 libri si salvò.

L’anno dopo, quel fatidico maggio del 1527, quando le truppe lanzichenecche di Carlo V (1500-1558) entrarono a Roma, libri, manoscritti, documenti, ricoprivano le strade della città pontificia: la cultura buttata a terra! Si narra che tante pallottole furono fatte fondendo i sigilli di piombo delle bolle papali.

Se da una parte le censure e i roghi frenarono in un certo qual modo la produzione di libri, dall’altra parte scatenarono la corsa al libro vietato, al libro illegale. Le tipografie si adeguarono ai tempi, alcune di loro emigrando verso territori in cui i controlli erano minori, altre si dedicarono a editare testi religiosi o consentiti dalla legge. Altre ancora si diedero alla clandestinità, clandestinità che vedrà fiorire a partire dal 1500 un economicamente ricco mercato.

Cosicché, i librai che desideravano dare alla luce opere censurate adottarono la stampa alla macchia, appunto per evitare di essere perseguiti. Falsi luoghi di pubblicazione, false date, frontespizi semplici ed essenziali, niente marca, niente nome dello stampatore: elementi caratteristici di un libro nascosto. Si sviluppavano oltre che in luoghi remoti, anche in cittadine lontane dai centri di potere, in Olanda, a Ginevra, nel principato di Neuchâtel, ma anche a Napoli, a Venezia, dove la stampa alla macchia, col passare degli anni, costituirà addirittura il 40% del mercato librario, per esempio a Roma. In Inghilterra, a fine XVI secolo, lo stampatore John Charlewood ricavò ampi profitti in una attività clandestina che stampava libri in lingue straniere che poi spediva in Europa.

Dicevamo di Napoli, dove le opere illegali erano stampate in una quantità enorme. Ciò era dovuto all’incertezza riguardo chi doveva controllare. Epica è la storia di Lorenzo Ciccarelli, nel XVIII sec., che avrebbe arredato la sua casa per dare vita a una tipografia degna di nota. Da là usciranno i libri inquisiti di Boccaccio, Galileo Galilei, e perfino del cappellano maggiore Celestino Galliani, nome legato alla censura. Napoli sarà città florida in tal senso, sarà punto di riferimento anche per la Rivoluzione francese, sarà porto d’esportazione per opere censurate. Si giunse al punto che l’affare economico era così grande che gli stessi censori chiuderanno un occhio per consentire la pubblicazione di certi libri molto richiesti.

Secondo il de Santillana, “preti, monaci, persino prelati, fanno a gara tra loro per accaparrarsi copie del Dialogo al mercato nero […] il prezzo del libro al mercato nero sale dall’originale mezzo scudo a quattro e sei scudi in tutt’Italia”.

Libri proibiti erano anche quelli erotici, che avevano un commercio illegale davvero unico e sviluppato. Robert Darnton in una sua investigazione presso la Société Typographique di Neuchâtel in Svizzera ha calcolato che su 457 titoli ordinati dai librai il 21 per cento erano proprio pornografici.

May 172008
 

Ci sono quadri dedicati a temi religiosi, altri che trattano di personaggi più o meno famosi, ve ne sono altri ancora che rappresentano, come fossero istantanee, scene e particolari di un momento di vita quotidiana, da cui si possono trarre interessanti informazioni. Ecco, di questo genere ci occuperemo.

Un pittore che si dilettava a rappresentare temi popolari era indubbiamente Pieter Bruegel il Vecchio (1526 ca.-1569). Fermiamoci e dettagliamo con interesse tre dei suoi tanti dipinti.

Bruegel il Vecchio, Il banchetto nuziale, 1567

Bruegel il Vecchio, Il banchetto nuziale, 1567

Scena di vita reale, di un matrimonio contadino, dove normalmente non venivano invitate più di una ventina di persone, per cui, se guardiamo la parte sinistra del quadro, notiamo diverse figure che sbirciano l’evento e che sono tenute a bada da un tipo con un bel cappello, evento semplice, popolare, allegro. Musicisti con la tipica cornamusa fiamminga, brocche di buon vino rosso, scodelle forse di polenta e pasticcio d’avena allietano gli sposi e i banchettanti, serviti da due attenti e curvi garzoni. Un bambino, con un cappello soprammisura, se ne sta seduto tranquillo a leccarsi il dito. Il perfetto cromatismo fa risaltare ogni dettaglio di un quadro che è colmo di rifiniture.

Si racconta che Bruegel si intrufolava nelle feste contadine, partecipando a matrimoni ed eventi,  per osservare da vicino e poter meglio rappresentare determinate scene comportamentali.

*****

Bruegel il Vecchio, Cacciatori nella neve, 1565

Bruegel il Vecchio, Cacciatori nella neve, 1565

Rappresenta il mese di dicembre, freddo, ghiacciato, innevato. Il quadro, in cui la natura è la protagonista, a mio avviso, risalta per l’atmosfera di silenzio che invade il paesaggio, quella natura che domina il Brabante di Bruegel, oggi provincia dei Paesi Bassi, e che lui seppe ben raccontare in ogni aspetto delle stagioni cangianti. I cacciatori che ritornano a casa hanno davanti a loro le montagne del sud evidenziate dal volo di un uccello, mentre altri volatili riposano sui rami. Una fila di spogli alberi danno al quadro movimento verticale e spingono lo sguardo nella lontananza. Un gruppo di contadini davanti una locanda prepara il fuoco per strinare un maiale appena ucciso. La neve e il ghiaccio abbondano ovunque. Accurata la scelta dei pochi colori per manifestare il periodo invernale.

 *****

Bruegel il Vecchio, Danza dei contadini, 1568

Bruegel il Vecchio, Danza dei contadini, 1568

Questo vivacissimo quadro rappresenta un momento di diversione popolare, in un’epoca piena di tristi avvenimenti storici. Gente che beve, suonatori di cornamusa, contadini che si baciano, due persone che entrano quasi furtivamente in una locanda, altre che ballano allegramente, altri che corrono, insomma una fotografia di una festa di paese, paese caratterizzato, oltre che da semplici case e verdi alberi, anche dalla chiesa che chiude il fondo. L’uomo accanto al suonatore, uomo con in mano una caraffa, ha un cappello con una piuma, che nel linguaggio simbolico dell’epoca indicava la vanità. Il tutto per far festa e dimenticare che domani sarà un altro giorno di duro lavoro. Da notare i classici copricapi, gli abiti dell’epoca e il sempre presente pugnale attaccato alla cintura degli uomini che, oltre a servire per difendersi, veniva adoperato per mangiare.

Bruegel sa mettere in risalto la varietà della vita.

May 022008
 

Pittore olandese, Jan Vermeer (1632-1675), si dedicava a ritrarre la quotidianità, rappresentando la società borghese che, in quei tempi, iniziava a prendere forza e carattere.

L’Olanda, ottenuta l’indipendenza nel 1648 dalla Spagna, si ergeva a potenza economica europea, almeno sino al 1672, anno d’invasione delle truppe francesi di Luigi XIV.

Il nostro pittore, che si evidenzia per una perfetta resa luministica e un forte senso della composizione, nonché per gli accostamenti cromatici davvero sensibili, raffigurava quindi interni di case, scene familiari, figure femminili e maschili, il tutto con dovizia di particolari, particolari da cui possiamo dedurre, fra le altre cose, la moda dell’Olanda del XVII secolo.

Nelle seguenti selezioni di quadri, ho voluto risaltare qualche peculiarità degli indumenti femminili, per esempio, i colori che andavano per la maggiore, dal rosso al giallo, dal bianco crema all’azzurro, oltre alla forma e ai modelli. A parte i colori vivi, possiamo sottolineare i ricami, gli orpelli, le rifiniture, insomma la preziosità dei capi femminili. Il tutto adornato, spesso, con cuffie, perle, gioielli.

Vermeer, moda olandese,1

Vermeer, moda olandese, 2

L’eleganza borghese olandese era ben nota, giacché il commercio dei tessuti era sviluppato e la ricchezza in cui versava l’Olanda lo permetteva.

Più o meno nello stesso periodo, in Francia – che diventa dagli inizi del XVII secolo centro della moda europea – spopolano, fra le altre cose, la giacchetta femminile detta brassière e nell’uomo la cravatta alla Steinkerque. Parigi si rivela la capitale dello stile, di quelle tendenze che saranno d’esempio fino ai giorni d’oggi. Siamo negli anni di Luigi XIII e, dopo, del Re Sole, Luigi XIV: la Francia ha voglia di conquiste.

Apr 062008
 

Ho sempre pensato che vi dovrebbe essere più collaborazione fra storico militante e storico dell’arte, in quando quest’ultimo può aiutare di buona maniera nell’analisi di certe tematiche sociali, fornire prove visive di  determinati aspetti che facilitano conoscere e decifrare meglio un’epoca.

Con tal fine, mi piace passeggiare per i dipinti di un tempo, scegliendo, per esempio, una precisa data e soffermandomi a scrutare, a indagare nell’intimo di un quadro e di un artista, col fine di afferrarne i segreti.

La vita di tutti i giorni è quella che Jan Steen (1626-1679), maestro della pittura di genere olandese del XVII secolo, rappresentava nei suoi lavori.

Figlio di una famiglia di cattolici benestanti, Jan si dedicava a evocare certi aspetti della quotidianità tramite l’introspezione psicologica e l’ironia. Era un fantasioso e divertente narratore, che vedeva la vita come una grande commedia. Le sue tele rappresentano uno stimolante documento storico da studiare. I colori hanno una piacevole armonia, colori spesso marcati e accesi.

Ed è interessante notare che il pittore, dedicandosi alla sua arte, che in verità gli era poco redditizia, era pur proprietario di una taverna che gli dava da vivere e sostenere la famiglia. Proprio da questa taverna, Jan attingerà volti, fisionomie, personaggi, caricature popolari e della piccola borghesia che gli serviranno per i suoi quadri.

Jan Steen, La lussuria, 1660

Jan Steen, La lussuria, 1660

Dei tanti suoi dipinti – si dice ne abbia dato alla vita più di settecento – diamo uno sguardo a Lussuria, del 1660. Jan Steen ci presenta una caotica e confusa stanza dove, fra un suonatore di violino, una giovane che dorme con i piedi su uno scaldino, una ragazza che prende qualcosa in un armadietto e un altro che si accinge a fumare una pipa, una prosperosa meretrice con in mano un bicchiere di vino rosso, guardandoci, dedica il suo lavoro a un cliente che le ha omaggiato un mazzo di fiori, mentre un’altra donna intrattiene un gentil signore. Il disordine continua con una cane che, salito su una mensa, mangia, un bambino seduto su una singolare sedia porge un cucchiaio, un porcellino avanza dalla porta. Da notare il campanile della chiesa che s‘intravede dalla finestra, come stesse segretamente assistendo al misfatto, nel frattempo un simpatico orologio sulla parete attira l’attenzione di uno scimpanzé e il fuoco del camino nell’altra stanza scoppietta e mostra ulteriori particolari. Insomma, un’infinità di dettagli che riempiono una tela che ci presenta uno squarcio di vita popolare olandese.

Con le pareti piene di utensili e il pavimento ricoperto di oggetti rovesciati, il dipinto sembra avvertire lo spettatore di non copiare quel comportamento. Bacco, tabacco e venere sono così rappresentati come vizi da evitare. Jan Steen ci fa da moralista.

La festa di San Nicola

La festa di San Nicola

Seguiamo analizzando un’altra opera del pittore fiammingo, La festa di San Nicola (1665-1668).

La tela rappresenta, in una stanza in leggera penombra, un momento domestico nel giorno di San Nicola, 6 dicembre, in cui si distribuiscono i doni, lasciati nelle scarpe dei bambini.

Ciò che a noi interessa, come testé ripetuto, è la storicità dell’evento, del quotidiano vivere olandese, è la storicità del ’600 che il quadro riflette.

Ecco quindi l’allegria di alcuni che ridono e scherzano, di altri che piangono e sono tristi, mentre gli adulti elargiscono doni e parole, il tutto in un ambiente leggermente disordinato e pieno di gente. Un ragazzo con in braccio un bambino indica il camino da dove San Nicola sarebbe entrato, un altro canta, un altro ancora segnala una scarpa in mano a una ragazzina. Elegante il pavimento che adorna la casa, pavimento pieno di oggetti, da una scarpa a un cuscino appoggiato a una sedia, a una cesta. La sorridente e felice bambina in primo piano porta in una mano una cesta piena di regali. La soffusa luce della finestra dà un tocco di intimità alla stanza. Il quadro, dai colori caldi, ci appare movimentato, leggermente umoristico, pieno di singolarità e, come sempre, induce a riflettere sull’onestà.

Jan Steen, Gioiosa compagnia

Jan Steen, Gioiosa compagnia

Passiamo a un terzo quadro, che, a mio avviso, coglie la nostra attenzione in sommo grado per i dettagli che riporta, dettagli anche esotici. Dal titolo Gioiosa compagnia (La famiglia dell’artista) (1663), il quadro rappresenta una benestante famiglia borghese olandese riunita attorno un tavolo. Varie cose ci colpiscono, iniziamo con la frutta, uva e arancia – potrebbe essere autunno -, l’uccello esotico, sicuramente venuto dalle Nuove Terre, così come il tabacco nella pipa che un signore fa provare a un fanciullo. La signora, in primo piano, si riscalda i piedi con uno scaldino, tipico dell’epoca, mentre un domestico le serve agilmente del vino rosso. Accorgiamoci della lettera che sta leggendo la vecchietta seduta in una comoda ed elegante poltrona, poltrona prerogativa del padrone di casa, segnalandoci che lei sapeva leggere e scrivere. E non manca lo zampognaro che allieta l’ambiente con la sua musica, poi il cane, tipico delle scene domestiche, il capofamiglia che osserva e, pare, nello stesso tempo sonnecchiare. Tre generazioni raccontate nello spazio e nel tempo.

Tutto sembra trascorrere quietamente, ma ricordiamo che anche in quell’epoca codeste riunioni familiari finivano in litigi, causati spesso da un eccessivo abuso di bevande alcoliche. Un elemento distintivo di quegli anni era il decoro e la pulizia delle case del nord Europa, specialmente di quelle olandesi

Dec 112007
 

Ci sono pittori che hanno avuto una vita movimentata, variegata, vivace, producendo centinaia e centinaia di quadri, poi ve ne sono altri che sono vissuti tranquillamente, pacatamente, dipingendone con sapienza pochi al mese: uno di questi sembra essere stato Vermeer, artista non certo prolifico.

Ma andiamo con ordine, inquadrando il periodo storico in cui ebbe la fortuna di vivere.

Nel XVII sec., l’Olanda conquistò e ottenne l’indipendenza dalla Spagna cattolica, precisamente nel 1648, con la pace di Vestfalia. Già nei primi decenni di quel secolo, era diventata potenza marittima e commerciale. I suoi traffici si potenziarono sia con i paesi europei che quelli extraeuropei. Con la fondazione della Compagnia delle Indie Orientali (1602) e della Borsa di Amsterdam (1608), l’Olanda divenne punto di riferimento di tutta l’economia europea, in cui svolgevano l’attività ben oltre 4500 mercanti. Era dunque terra di ricchezza, agiatezza, di un buon ceto borghese dedicato a fiorenti attività commerciali, finanziarie, professionali. Lo sviluppo durò sino al 1672, quando l’esercito francese di Luigi XIV la invase, mettendo in crisi l’intero sistema.

Jan Vermeer, La Lattaia, 1658

Jan Vermeer, La Lattaia, 1658

In questo stato di benessere, in questo ambiente, nacque Johannes Vermeer a Delft, il 31 ottobre 1632, e ivi morto il 15 luglio 1675, a 42 anni. Della sua vita si sa relativamente poco, ma ciò che a noi interessa è quel Vermeer artista di cui analizzando un quadro è possibile comprendere, studiare, dettagliare la vita giornaliera dell’Olanda del ’600.

In un primo momento, Johannes si indirizzò verso temi religiosi e mitologici, per abbandonarli qualche anno dopo e dedicarsi a rappresentare la quotidianità della borghesia della sua terra. La sua pennellata è caratterizzata da una precisa dote di esecuzione, da una perfetta resa luministica, da preziosi dettagli, da sfumature ben precise e dal forte senso della composizione. Si nota pertanto una esecuzione metodica, meticolosa, attenta. Interni di case, figure che leggono,  lavorano e scene simili sono i principali argomenti da lui trattati. L’uso della camera oscura permise Vermeer avvicinarsi quanto più possibile alla raffigurazione della realtà, nelle forme e nella prospettiva.

Scriveva Vincent van Gogh (1853-1890) a Emile Bernard in una lettera del 1887: 

“Conosci un pittore di nome Jan der Meer? Ha dipinto una signora olandese, bella, molto distinta, che è incinta. La tavolozza di questo strano artista comprende l’azzurro, il giallo limone, il grigio perla, il nero e il bianco. Vero è che nei quadri che ha dipinto si può trovare l’intera gamma di colori; ma riunire il giallo limone, l’azzurro spento e il grigio chiaro è in lui caratteristico, come Velàzquez armonizzare il nero, il bianco, il grigio e il rosa… Gli olandesi non avevano immaginazione, ma avevano un gusto straordinario e un senso infallibile della composizione.”

E non solo van Gogh verrà attratto dal Vermeer, anche Renoir che rimane piacevolmente impressionato da un suo quadro riguardante Dresda, come se le sue tele avessero, e forse hanno, un  qualcosa di contemporaneo.

Jan Vermeer, Ragazza con turbante, 1665

Jan Vermeer, Ragazza con turbante, 1665

Nascono così quadri come La Lattaia del 1658, dove si rappresenta in una stanza, semplice, scarna e disadorna, illuminata da una finestra, elemento spesso riprodotto nei suoi quadri, una donna assorta a versare delicatamente del latte, investita da una luce che illumina la sua bianca cuffia e il corpetto giallo limone acceso. Elementi come lo scaldino, la cesta appesa alla parete e un tavolo pieno di oggetti danno un senso di vita vissuta.

Del 1665 è la famosa Fanciulla con turbante, una ragazza che si dice essere stata sua figlia Maria, in cui l’oggetto perla accattiva tutta la nostra attenzione. Con la bocca leggermente aperta come volesse sussurrare qualcosa e gli occhi bagnati, la figura guarda lo spettatore, attenta a coinvolgerlo nei suoi sentimenti.

L’astronomo è del 1668, riflesso delle scoperte scientifiche del XVII sec. Anche qui la finestra da luce alla composizione, mentre i particolari, che raffigurano gli strumenti del mestiere, danno un tono di casalingo, d’intimo, altresì che di studio. L’uomo è attento a guardare il globo raffigurante l’immensa volta celeste, mentre davanti a lui ha un libro che alcuni critici hanno identificato con L’esplorazione e l’osservazione delle stelle di Adriaen Metius, essendo il globo un manufatto di Jodocus Hondius.

Interessante è il dipinto Veduta di Delft, del 1661, dove Vermeer raffigura il porto e, nella lontananza, la cittadina. La luce si riversa maggiormente sul distante paesaggio e nel cielo nuvoloso, mentre gli oggetti in primo piano sono in penombra, quasi con l’intenzione di dirigere e fermare l’occhio dello spettatore solo sulle parti splendenti della città. Mi sembra un quadro piuttosto anomalo nella sua produzione, poiché, come abbiamo visto, egli si dedicava usualmente a rappresentare interni domestici, in ogni caso è testimonianza storica di una città del XVII secolo.

Jan Vermeer, Veduta di Delf, 1660

Jan Vermeer, Veduta di Delf, 1660

In conclusione, tele che sembrano parlare, che sembrano avere un qualcosa da testimoniare, come un evento che stesse per accadere.

Così come in Bruegel il Vecchio (1526-1569) possiamo analizzare la vita del popolo, del contadino, della massaia, l’esistenza nei campi, nelle opere del Vermeer decifriamo quella borghese del ’600, per penetrare nelle abitudini domestiche, cogliendo l’attimo da lui immortalato, con il fine di percepire sentimenti, sensazioni, sensibilità.

Negli stessi anni del ’600 l’Italia, pur vivendo un momento di crisi economica e politica, era centro importante della cultura europea. Proprio agli inizi di questo secolo fiorì a Roma, diffondendosi in quasi tutta Europa, il Barocco, durato sino alla prima metà del ’700 e caratterizzato da virtuosismi pittorici e contenuti spesso spirituali. Per lo più tendeva a privilegiare l’aspetto esteriore che quello interiore. Erano, e sono, quadri di ricerca, di esuberanza teatrale, che coinvolgono emotivamente lo spettatore: ecco quindi madonne e santi in un turbinio di vesti fluttuanti in mezzo a nuvole vaporose e cherubini che affollano il cielo. Famosi quelli dell’abile Rubens, pittore fiammingo (1577-1640), ma anche del forte, drammatico e realista Caravaggio (1571-1610).

Dec 062007
 

Europa del 1690, Vincenzo Maria CoronelliCon la scoperta dell’America, le rotte commerciali passano, poco a poco, dal Mediterraneo all’Atlantico, favorendo lo sviluppo di città e nazioni che su di esso si affacciavano. L’Olanda, in particolare, ne approfitta per trafficare con mezzo mondo e per raggiungere uno sviluppo davvero esemplare.

Dopo la pace di Vestfalia (1648) – ricordiamo brevemente che l’Europa dal 1618 al 1648 fu terra di combattimenti per la terribile Guerra dei Trent’anni – e quindi l’indipendenza dalla Spagna, l’Olanda diventa centro economico di rilievo, Olanda formata, a quel tempo, da sette provincie.
Amsterdam avrà intorno la fine del XVII secolo qualcosa come 200.000 abitanti, mentre in tutta l’Olanda ve ne saranno poco meno di 2 milioni. Città ordinata, pulita e con una ricca borghesia, Amsterdam sarà una delle più evolute e urbanizzate dell’intera Europa.

Quadri, libri, stampe, tappeti, sete, oggetti preziosi sono all’ordine del giorno, così come le navi cariche di spezie e generi di tutti i tipi che approdano nel porto. Plantin-Moretus sarà la casa editrice per le maggiori, stampando opere di qualunque genere, grazie anche a una buona tolleranza religiosa.

Uno dei segreti della ricchezza della nazione era l’essere riuscita a ridurre i costi di produzione, in modo da offrire la Jan Vermeer, Lezione di musica, c. 1662-65merce a basso prezzo e in grossi quantitativi. Mercanti e banchieri, imprenditori e negozianti, speso di fede calvinista, migliorarono la produzione grazie all’uso di tecniche più moderne rispetto ad altri stati europei. Le stoffe, per esempio, merce ampiamente commerciata, erano per lo più di non propria buona qualità, ma rispondevano ai bisogni della popolazione in crescita, così come il legno con cui costruivano le loro navi, meno pregiato.

E in quegli anni nascono le compagnie di navigazione, in cui diversi soci rischiano  di comune accordo un certo capitale per avere un determinato profitto. Spesso anche i semplici cittadini potevano acquistare azioni e partecipare al rischio come all’eventuale guadagno. In particolare la Compagnia olandese delle indie orientali fece buoni commerci con il sud-est asiatico. In America operava invece la Compagnia delle indie occidentali, che fondò, fra le tante colonie, la cittadina di Nuova Amsterdam, poi diventata New York.

Per avere una visione dell’abbondanza e della ricchezza olandese, possiamo prendere visione i bei quadri del pittore Jan Vermeer, in cui, con un bell’effetto cromatico, ci mostra l’opulenza della sua terra.

iscriviti alla babilonia61 newsletter

distinguiti dalla massa, ama la cultura

 

→ e scarica gratis un e.book in formato pdf che raccoglie, a mo’ di rivista, una serie di articoli

dedicati alla storia moderna, con immagini e video: