Jul 022015
 

Boton quiz

Abbiamo già parlato di Enrico VIII (»»qua), dedicandogli anche un quiz (»»qua). Approfondiamo l’argomento con altre sei domande che rivelano aspetti poco noti del sovrano inglese.

– 1. Quale delle sei mogli Enrico VIII chiamava “rosa senza spine”?
– 2. Chi fu il suo precettore, continuando a essere suo principale consigliere per lungo tempo?
– 3. Che cosa accadde nel 1536 che influì nella salute del sovrano per il resto della sua vita?
– 4. Che cosa era il “Valor Ecclesiasticus” voluto da Enrico VIII nel 1535?
– 5. Chi era Henry Fitzroy?
– 6. Una delle mogli di Enrico VIII era stata ambasciatrice, chi?

*****

Enrico VIII, moneta, Half Groat, XVI sec.

Enrico VIII, moneta, Half Groat, XVI sec.

*****

– 1. Catherine Howard, quinta delle sue consorti, che, malgrado le dolci parole del sovrano, fu poi fatta decapitare nel 1542 accusata d’infedeltà. Caterina aveva circa la metà degli anni di Enrico.
– 2. Thomas More, famoso umanista scrittore e politico dell’epoca. Tommaso fu anche insignito della carica di Lord Cancelliere, carica che non fu ostacolo alla sua decapitazione nel 1535, avendo rifiutato accettare la rottura con la Chiesa cattolica e l’annullamento del matrimonio di Enrico con Caterina d’Aragona.
– 3. Durante una “giostra” Enrico cadde dal suo cavallo che a sua volta precipitò sulle sue gambe, schiacciandole in modo serio e doloroso. Causa che gli procurò durante gli anni a venire forti mal di testa e ulcera agli arti inferiori. Da quel giorno, 24 gennaio 1536, il re iniziò a ingrassare notevolmente.
– 4. Fu una specie di indagine per classificare e quantificare i beni del clero cattolico, dopo esser stato lui nominato capo della Chiesa d’Inghilterra. Era un modo per valutare le relative tassazioni.
– 5. Figlio illegittimo di Enrico VIII e di una delle sue amanti, Elizabeth Blount, avuto nel 1519, figlio che cercava legittimare elevandolo a duca di Richmond e Somerset.
– 6. Caterina d’Aragona, moglie del deceduto fratello maggiore Arturo. La futura regina sarà ambasciatrice spagnolo in Inghilterra nel 1507. La prima ambasciatrice femminile in Europa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
May 272015
 

Inghilterra e Rivoluzione industriale, XVIII sec.


Che cosa avvenne socialmente con la Rivoluzione inglese del Settecento? Si può affermare esserci stata una certa rottura consuetudinaria nella famiglia? Che importanza aveva la trasmissione orale e che evoluzione ebbe verso la fine del secolo in questione? E gli usi e costumi che venivano da tempi immemorabili come si trasformarono?

Appassionante tema che ci porta nei dettagli sociali della spinta economica di fine XVIII secolo, uno dei temi affrontati in questo ebook.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Apr 142015
 

Inghilterra e Rivoluzione industriale, XVIII sec.


Che incidenza hanno avuto i caffè intesi come luoghi sociali nell’Inghilterra del XVII secolo? Di che cosa si parlava in quei posti? Chi erano gli abituali frequentatori? Dove, in che città inglesi, si diffusero per prima? Che differenza c’era con quelli francesi della stessa epoca?

Un prezioso argomento da approfondire, fra gli altri in questo ebook, che apre le porte alla condivisione della cultura dell’epoca, base per le spinte della imminente Rivoluzione industriale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Feb 112015
 

Il Rinascimento, un’introduzione


Chi erano Erasmo da Rotterdam e Tommaso Moro? Hai mai sentito parlare di Juan Luis Vives? Che ruolo hanno avuto nell’umanesimo europeo? Che cosa Erasmo diceva di Vives? Che rapporto c’era fra l’olandese e l’inglese? Che cosa li legava?

Approfondiamolo in questo ebook insieme ad altri temi attinenti che riguardano un periodo storico davvero avvincente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Mar 252014
 

Abbiamo trattato (»»qua) delle calzature del periodo rinascimentale, ‘400-‘500, e le abbiamo viste raffigurate in alcuni dei tanti dipinti europei dell’epoca. Ma come erano in realtà, come si sentivano al tatto? Ecco due immagini, grazie al MMA, in cui possiamo ben distinguere la loro forma, il loro essere, in questo caso, di cuoio, una bassa, l’altra alta allacciata: insomma potremmo quasi percepirle al tatto. Scarpe popolari fra il XV e XVI secolo provenienti da un sito archeologico lungo il fiume Tamigi nei pressi di Londra.

Scarpa inglese del XVI secolo

Scarpa popolare inglese del XVI secolo, a collo medio.

Scarpa popolare inglese del XVI secolo, bassa.

Scarpa popolare inglese del XVI secolo, bassa.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Feb 252014
 

Francia XVIII secolo, illuminismo e rivoluzione


Che relazione c’è fra la decapitazione di Carlo I d’Inghilterra e la Rivoluzione francese? Era il sovrano inglese un monarca dedito all’assolutismo? Si potrebbe dire che le idee nate nell’isola oltremanica ebbero terreno fertile in Francia?

Uno dei tanti argomenti trattati in questo ebook che ci introduce, fra l’altro, in relazioni e interrelazioni storiche che vanno oltre i confini locali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Feb 012014
 
Il villaggio inglese di Coalbrookdale, culla dell'industria mineraria e metallurgica della prima rivoluzione industriale, nel Shropshire in una tela del 1801 di Philip James de Loutherbourg.

Il villaggio inglese di Coalbrookdale, culla dell’industria mineraria e metallurgica della prima rivoluzione industriale, nel Shropshire, in una tela del 1801 di Philip James de Loutherbourg.

La storia sembra accelerare il passo fra la metà e la fine del Settecento, un secolo che vide, fra l’altro, idee concretizzarsi, progetti prendere forma, scoperte e innovazioni migliorare un passato che oramai si spingeva su binari che lo avrebbero mutato strutturalmente in buona parte.

Lo sviluppo delle scienze del secolo anteriore aveva gettato le basi affinché ci fosse un passaggio da un’economia principalmente agricola, a un’economia che volgeva la vista verso una proto-industrializzazione avanzata. Le ottimizzazioni erano più veloci che nei secoli precedenti, ottimizzazioni che meccanizzarono sempre più il lavoro, preparando lo sviluppo del capitalismo e le sue conseguenze.

E, in un certo qual modo, possiamo affermare essere noi figli di quel secolo, di quei giochi economici che, poco a poco, hanno portato alla nascita della tecnologia come la concepiamo oggi, una tecnologia che globalizza oramai il nostro presente.

Vediamo di seguito una serie di articoli che ci trasportano nell’epoca in questione:

L’Inghilterra e la Rivoluzione industriale
La rivoluzione industriale e la Gran Bretagna del XVIII secolo
Sulla Rivoluzione industriale del XVIII sec.
La rivoluzione industriale vista da Toynbee
La giornata lavorativa nel Settecento
Londra nel XVIII secolo
Prima Rivoluzione industriale, video

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Jan 092014
 

Inghilterra e Rivoluzione industriale, XVIII sec.


Chi era William Hogarth? In che epoca visse? Perché sono importanti i suoi lavori? Che cosa desiderava rappresentare? Che cosa era la Carriera di una prostituta? E la Carriera del Libertino? Che cosa volevano denunciare? Quale suo libro si studia ancora oggi nelle scuole inglesi?

L’importanza di un artista nel descrivere le condizioni sociali dell’epoca in questione, uno dei tanti argomenti trattati in questo ebook che apre le porte alla Rivoluzione inglese del Settecento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Dec 242013
 
Oliver Cromwell ordina abbattere la Quercia della Monarchia

Oliver Cromwell ordina abbattere la Quercia della Monarchia

Immagine di un uomo che ha cambiato il corso della storia, dapprima nell’Inghilterra di Carlo I Stuart – decapitato il 30 gennaio 1649 – e poi nell’Europa del XVIII secolo. Oliver Cromwell instaurò la repubblica del Commonwealth of England – rarità nel panorama politico dell’epoca -, governando dal dicembre 1653 alla sua morte, avvenuta il 3 settembre 1658. La monarchia che verrà dopo non avrà più gli stessi poteri e la stessa forza di prima, il Lord Protettore diede una spallata a un ordine prestabilito, preparando, in un certo qual modo, il terreno alla Rivoluzione americana, allo stesso Illuminismo, alla futura Rivoluzione francese.

Per meglio comprendere l’epoca in questione, ti invito a leggere:

Oliver Cromwell nelle immagini dell’epoca.
Oliver Cromwell e l’Inghilterra.
Il Patto del Popolo e Oliver Cromwell.
La guerra civile inglese e Oliver Cromwell.
Regnanti inglesi del XVII secolo.
Sulle cause della Rivoluzione inglese.
La Rivoluzione inglese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Sep 122013
 

Mattia Preti (1613-1699), pittore, lo rividi a Malta nelle decorazioni della Co-Cattedrale di San Giovanni, era l’anno 2008, un piacevole mite febbraio mediterraneo. Però, non sono mai stato a Taverna, paesino in provincia di Catanzaro, in Calabria. Che cosa c’entra Preti con Taverna? beh, semplicemente nacque lì: Taverna.

Taverna fu anche una nobile famiglia milanese del XII-XIII secolo, così come Francesco Taverna (1488-1560) era altresì ambasciatore di Francesco II andato a metter pace fra Carlo V e Venezia, fino a diventare conte nel 1536 grazie al “buon” Asburgo – Carlo V, per intenderci.

Insomma, s’è ben capito che il tema del presente articolo è la taverna, luogo in cui una volta si vendeva principalmente da bere, venuto da Taberna-ae, dal latino a noi tanto caro. Luogo che qualche autore dice essere stato punto di propulsione per le economie locali al tempo di Roma, giacché si commerciava al dettaglio merce agricola e artigianale.

Taverna tedesca, 1470 ca., sconosciuto

Taverna tedesca, 1470 ca., sconosciuto

Della taverna accenna nientemeno che il nostro sommo poeta:

Noi andavam con li diece demoni.
Ahi fiera compagnia! ma ne la chiesa
coi santi, e in taverna coi ghiottoni.” (1)

Ma non solo lui, Giovanni Boccaccio nel suo Decameron del 1349 (?), nell’Ottava Giornata, Novella Sesta, fa dire a Bruno:

“ – Qui si vuole usare un poco d’arte: tu sai, Buffalmacco, come Calandrino è avaro e come egli bee volentieri quando altri paga; andiamo e meniallo alla taverna, e quivi il prete faccia vista di pagare tutto per onorarci e non lasci pagare a lui nulla;
[…]
ed essendo già buona ora di notte quando dalla taverna si partì, senza volere altramenti cenare, se n’entrò in casa, e credendosi aver serrato l’uscio, il lasciò aperto e andossi al letto.” (2)

Adriaen Brouwer, Contadini in una taverna, 1630 ca.

Adriaen Brouwer, Contadini in una taverna, 1630 ca. (Olanda)

E andar per taverne potremmo considerarla, nell’avanzare l’Età moderna, una caratteristica sociale. In poche parole: nel Medioevo il popolo usualmente aveva ben poco “tempo libero” da impiegare in altro modo che non fosse lavorare i campi o per attività di sopravvivenza o religiose. Con il passare del tempo, entrando già nel Rinascimento e andando ben oltre, crollando il sistema feudale, diminuendo l’influenza della chiesa, aumentando i viaggi, sviluppandosi ancor più le città, e, in un certo qual modo, il benessere economico, più persone iniziavano ad avere qualche spicciolo da destinare altrimenti, magari divertendosi giocando con le carte o per piaceri sensuali, da ciò una loro maggiore espansione – basta pensare alla quantità che aprirono a Londra. Certo, erano anche luoghi per criminali e poco raccomandati, insomma si poteva trovare di tutto.

Dicevamo di tutto, posto da cui parte una famosa disfida, quella di Barletta (1503), giacché raccontano che iniziò in una cantina, mentre si svolgeva un banchetto, con le parole di La Motte, francese, prigioniero, accusando di tradimento e codardia i nostri cavalieri. Ma Ettore Fieremosca non si tirò indietro e… si sa come finì.

Armi battaglie, donne cibo, vino birra, musica allegra nelle taverne:

YouTube Preview Image

Ahimè, nelle taverne vengono perfino dichiarati decessi!
William Shakespeare, nel dramma storico Enrico V, 1558-1559, nel secondo atto, scena terza, fa annunziare la morte di Falstaff, l’omone tragi-comico dedito al vino e alle donne, proprio in una taverna (3), taverne luogo da lui frequentate. E da cui lo stesso scrittore inglese trae spunto per i suoi personaggi.

– Scena III – Londra, a Eastcheap, davanti alla taverna “Alla testa di cinghiale:

No, che il viril mio cuore oggi dolora.
Bardolfo, stammi allegro!
Nym, risveglia la tua vena smargiassa!
Ragazzo, drizza il pelo al tuo coraggio!
Falstaff è morto, e noi dobbiamo piangerlo.” (4)

William Hogarth, Scene in una taverna, 1735

William Hogarth, Scene in una taverna, 1735 (Londra)

Volano gli anni, passano i secoli, la storia dei luoghi prosegue il suo percorso restando indelebilmente legata alla nostra memoria e fornendo i più disparati frutti.
Sempre nell’isola inglese, nel 1717, il 24 giugno, a Londra, nella Taverna de L’Oca e la Graticola si fonda la prima Gran Loggia massonica d’Inghilterra, massonici che prima si riunivano usualmente nelle taverne – da cui traevano il loro nome – in modo individuale, uniti adesso in una federazione.

Restiamo a Londra.
Charles Dickens, il noto scrittore, era solito frequentare la Simpson’s Tavern, che dicono aprì le porte nel 1757 sotto il regno degli Hannover, Giorgio II, forse il primo locale in cui gli impiegati erano donne, locale in cui sembra ancora oggi respirare aria settecentesca.

John Lewis Krimmel, Danzando in una taverna, 1820 ca.

John Lewis Krimmel, Danzando in una taverna, 1820 ca. (Filadelfia)

Ecco dunque la taverna, che potrebbe essere considerata di poco conto, secondaria ai fini dell’investigazione, ambiente di perdizione, da qualcuno additata come immorale e scandalosa, eccola invece sul palcoscenico della storia.

*****

– 1. Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, XXII, 13,15.
– 2. Giovanni Boccaccio, Decameron, Ottava Giornata, Novella Sesta.
– 3. Roberto Carretta, In taverna con Shakespeare. Amore, vendette e inganni a banchetto, Il Leone Verde, 2005.
– 4. William Shakespeare, Enrico V.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone