Feb 182014
 

La questione è la seguente: le biblioteche, lo ripetiamo fino alla noia, sono stimolo ed energia per lo sviluppo culturale di un Paese, senza biblioteche la storia di un popolo è zoppa, manca di quella sostanza che lo muove avanti coscientemente.

Nella società moderna, il libro è un elemento essenziale dello sviluppo. Tutto l’accidentato cammino che ha seguito il genere umano per giungere al suo stato attuale di progresso, è contenuto nei libri. Tutto ciò che può motivare il suo ingegno per continuare a esercitare i suoi talenti, è anche in questi.” (1)

Biblioteca Nacional de Chile

Biblioteca Nacional de Chile

Orbene, l’autobus 403 mi porta in meno di mezz’ora da casa mia, nel quartiere Ñuñoa, proprio davanti al bellissimo edificio della Biblioteca Nacional de Chile, nella via che ricorda il “Libertador Bernardo O’Higgins”. Un percorso fra le vie poco affollate di una Santiago del Cile che assapora una calda estate: febbraio qua è l’agosto italiano!

Salgo le larghe scalinate delineate da alte colonne di ordine composito, entro, mi ritrovo in un ambiente prettamente neoclassico, un gusto che mi appartiene. Chiedo informazioni, mi accompagna la bibliotecaria Paulina Olivos Opazo, mi dà notizie generali dell’edificio, mi propone la lettura di vari testi per meglio entrare nelle dinamiche del passato, della sua formazione e della prima raccolta di libri, nel 1813, proprio quando Cile lottava per diventare repubblica, inseguendo un cammino tutto suo, rompendo con la dominazione spagnola, un gesto, quello di creare una biblioteca, che potrebbe simbolizzare il voler essere indipendente e iniziare a raccogliere la propria storia. Quello è l’anno della fondazione della Biblioteca Nacional, non ancora però nell’edificio di oggi, in cui passerà i suoi volumi solo a fine costruzione, 1925.

Biblioteca Nacional de Chile, sala Gabriela Mistral, inizi anni '80

Biblioteca Nacional de Chile, sala Gabriela Mistral, inizi anni ’80

E, in effetti, il 1813, il 10 agosto, data l’apertura al pubblico dell’allora piccola realtà, una realtà rivolta non solo agli studiosi, ma soprattutto al pubblico in generale, persone da educare, alfabetizzare, abituare alla lettura. Dirà D. Mariano Egaña, allora ventenne, all’inaugurazione:

Cittadini tutti: una grande biblioteca, superiore agli scarsi ricorsi di questo paese, vi apre il Governo con tutti gli strumenti per la vostra illuminazione, entrate, approfittate di ciò che sapevano i nostri anziani e quello che anticipa il nostro secolo.” (2)

Più avanti aggiunge:

Artisti, naturalisti: là troverete anche modelli, macchine e strumenti per il vostro lavoro, le arti e le scienze.” (3)

Cammino per le sale, girovago senza un apparente senso, poche le persone che leggono, per lo più sono di avanzata età: ma è piena estate! Mi rassicurano che durante il periodo scolastico i ragazzi affollano le sale, attenti nei loro studi e nelle loro ricerche, la biblioteca si anima con il loro simpatico parlottio. Le statistiche che mi fornisce gentilmente Paulina dicono che nel 2013 sono entrate più di 200.000 persone, nello stesso tempo in cui le visite al sito internet Memoria Cilena e correlati furono oltre 66.000.000, scaricando ben oltre 25.000.000 di documenti: cifre di una certa importanza, cifre che connotano la voglia di sapere di uno Stato di circa 17.000.000 di abitanti.

Mi sento in Europa, come fossi a casa mia, fra mura che parlano le più disparate lingue, fra testi che spaziano fra le più diverse materie dell’ingegno umano: i volumi che contengono queste stanze sono 2.000.000, alcuni ancora da catalogare.

Biblioteca Nacional de Chile, sala José Toribio Medina

Biblioteca Nacional de Chile, sala José Toribio Medina

La sala dedicata a José Toribio Medina, che nel 1925 donò la sua pregiata collezione, coinvolge i miei sensi, mi avvolge con il suo fascino. Libri, mappe, scaffali colmi di atavico sapere: è pane per i miei denti abituati a masticare pagine e memorie. 35.000 titoli, uno dei fondi bibliografici a tema coloniale più importanti del Cile, forse del Sud America, una raccolta che contiene i più validi documenti sicuramente dell’intero edificio.

Mi siedo in una delle belle sedie di legno – tutta la sala è di eccellente legno, tutti e tre i piani -, lui, Don José, mi guarda dai due ritratti che ho a destra e a sinistra, posso quasi annusare l’odore dei sigari che lui amava fumare (4), mentre un dolce ticchettio scandisce un tempo che pare dialogare con il presente. Socchiudo gli occhi, respiro aria ancestrale, quell’aria tipicamente culturale dei primi decenni del Novecento, e in effetti l’ambiente ha tanto dell’architettura di quel periodo.

Girovago ancora un po’, su e giù per le scale. Grande, l’edificio è grande, quasi mi perdo per le varie sale, i vari uffici, le varie aree, fra le riviste della sala Pablo Neruda, l’Archivo del escritor, la Colección Chilena e tante altre ancora fra cui l’Archivo de literatura oral y tradiciones populares in cui si conserva la testimonianza viva e vibrante della storia locale. Qua si può sbirciare un fumetto, ascoltare un cd, sfogliare un giornale o un qualsiasi quotidiano, si può bisbigliare a bassissima voce che il vicino sta traducendo un testo dal latino o che una ragazza sta copiando un poema d’amore di Neruda o finanche che uno sconosciuto studioso italiano è affannato a indagare le leggende del popolo Mapuche.

Biblioteca Nacional de Chile, sala Gabriela Mistral

Biblioteca Nacional de Chile, sala Gabriela Mistral

I giochi si fanno sempre più piacevoli quando entro nel salone della poetessa Gabriela Mistral, una zona dedicata alla lettura, dove si va per immergersi nel testo, dove la luce è così ben studiata che agevola la riflessione e aiuta a meglio considerare l’enorme importanza che ha la biblioteca per il popolo cileno.

Constato con soddisfazione che Cile è una realtà che palpita di vita, che ha voglia di affrontare a testa alta il secolo appena iniziato, ma ha altresì desiderio di scoprire il proprio passato, una memoria che non vuole lasciare nel dimenticatoio, di cui la Biblioteca Nacional è strumento indispensabile e imprescindibile di deposito e trasmissione.

*****

-1. Sergio Martínez Baeza, Biblioteca Nacional, Ed. Dirección de bibliotecas, archivos y museos, 1982, pag. 11 (trad. di Gaspare Armato).
– 2. Sergio Martínez Baeza, Biblioteca Nacional, op. cit., pag. 18 (trad. di Gaspare Armato).
– 3. in Mapocho, Revista de Humanidases, Ed. Dirección de bibliotecas, archivos y museos, n. 73, Primer semestre de 2013, pag. 12 (trad. di Gaspare Armato).
– 4. Revista Pat, Ed. Dirección de bibliotecas, archivos y museos, n. 56, invierno 2013, pag. 24.
– seconda immagine: primi anni ’80, sala dedicata a Gabriela Mistral, tratta da: Sergio Martínez Baeza, Biblioteca Nacional, op. cit., pag. 107.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Sep 022013
 
Biblioteca Forteguerriana.

Biblioteca Forteguerriana, Pistoia

A casa mia, mi ritiro un po’ più spesso nella mia biblioteca,
da dove comodamente governo la mia casa.
Sono sull’ingresso e vedo sotto di me il giardino, la corte,
il cortile e quasi tutte le parti della mia casa.
Qui sfoglio ora un libro, ora un altro,
senz’ordine e senza programma, come capita;
ora fantastico, ora annoto e detto,
passeggiando, queste mie idee. […]”
(Michel de Montaigne, Saggi)

Con il passaggio dal Medioevo al Rinascimento si evolve poco a poco il concetto di “studium”, due periodi strettamente connessi in cui l’interesse per i testi classici prende ancor più forza con l’Umanesimo. E mentre prima i manoscritti erano patrimonio della Chiesa, degli ordini monastici e dei nobili, così come l’insegnamento veniva “dettato” principalmente da religiosi, con il Rinascimento, con l’invenzione dei caratteri mobili gutenberghiani, con il migliorare le condizioni di vita, con l’avvento della borghesia, i libri passano dall’essere esclusiva di pochi a risiedere anche nelle case dei più abbienti, destinati insomma a un pubblico sempre più ampio e maggiore.

Si sviluppa lentamente l’idea della condivisione, del mettere a disposizione i propri testi per dare possibilità a “chiunque” accedere ai classici greci e latini, e alle nuove pubblicazioni. Un percorso che porta nel trascorso dei secoli all’apertura, per gli interessati e non, delle collezioni una volta private.

Di seguito alcuni video che ci immettono nelle biblioteche in questione, che bisogna pur studiare nella complessità del tempo e del luogo.

YouTube Preview Image

Iniziamo il nostro percorso visivo dalla Malatestiana, voluta dal Signore della città Novello Malatesta, unico esempio di biblioteca a tre navate. Sembra essere stata la prima in occidente che aprì le sue porte al pubblico, nell’agosto del 1455. I testi venivano legati ai banchi per evitare essere portati via.

*****

YouTube Preview Image

La biblioteca Marciana di Venezia ha una storia ben più complessa, sebbene debba l’esistenza al cardinale Bessarione, vescovo di Nicea, che donò nel 1468 la sua preziosa raccolta, contenente, fra l’altro, opere manoscritte di Esiodo, Eschilo, Aristofane, scritti di Aristotele ed Euclide. Già nel 1362, il Petrarca ne aveva proposto il progetto, ma alla sua morte i suoi libri andarono ai Signori di Padova, Da Carrara.

*****

YouTube Preview Image

YouTube Preview Image

I libri sono portatori di civiltà. Senza libri, la storia è silenziosa, la letteratura è muta, la scienza è inetta, il pensiero e la speculazione sono ad un punto morto. I libri sono i motori del cambiamento, le finestre sul mondo, i fari eretti nel mare del tempo“. (Barbara Tuchman)

Lo sapeva bene il nostro Federico da Montefeltro, la cui biblioteca privata, nel famoso Studiolo (1473-’76), pur non essendo una vera e propria biblioteca, ma solo una libreria di un principe, è degna di nota per la qualità dei codici che conteneva, raccolta famosa nel Quattrocento anche fra collezionisti: novecento codici, di cui seicento latini, centosessantotto greci, ottantadue ebraici e due arabi.

*****

YouTube Preview Image

Il destino di molti uomini dipese dall’esserci o non esserci stata una biblioteca nella loro casa paterna”, diceva alla fine del XIX secolo Edmondo De Amicis. Agevolati stimolati privilegiati sembra essere stati quegli umanisti del tempo che dedicavano i propri lavori ai membri della casa d’Este, usufruendo dei 450 volumi presenti nel 1467 nella biblioteca Estense
 di Modena, di cui uno dei volumi più famosi fu ed è la rinomata Bibbia di Borso d’Este, riccamente miniata.

*****

YouTube Preview Image

A Roma, per volere di papa Sisto IV, nacque ufficialmente, nel 1475, la Biblioteca apostolica vaticana, oggi una delle più autorevoli al mondo per albergare raccolte di testi unici rari introvabili altrove. Oggi, come allora, destinata a studiosi e ricercatori accreditati.

*****

YouTube Preview Image

Spesso il piacere della lettura dipende in gran parte dalla comodità fisica del lettore […] Ci sono libri che ho letto in poltrona e altri che ho letto alla scrivania. Ci sono libri che ho letto nella metropolitana, in macchina, in autobus. Trovo che i libri letti in treno partecipino della qualità di quelli letti in poltrona, forse perché in entrambi i casi posso facilmente astrarmi da quanto mi circonda […]”, scrive Albert Manguel, in Una storia della lettura (»»qua una recensione).

E il buon Cosimo de’ Medici, i libri, anzi i manoscritti, se li portava spesso dietro quando viaggiava.

Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, disegnata da Michelangelo Buonarroti.
Fu grazie a Cosimo de’ Medici, il Vecchio, che si deve questa biblioteca fiorentina, appassionato e collezionista di manoscritti principalmente di autori latini e greci. Sarà poi Lorenzo il Magnifico a ingrandire la collezione. Fu aperta al pubblico nel 1571.

Quale sarà il futuro delle biblioteche nell’era di internet?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
May 132013
 

Se nel XIII sec. il sistema delle peciae iniziò con il favorire una seppur lenta maggiore diffusione dei manoscritti, specialmente e inizialmente nelle varie città universitarie italiane, l’invenzione dei caratteri mobili nel XV sec. da parte di Gutenberg permise, fra l’altro, portare, in un relativamente breve periodo, la cultura nelle case anche dei meno abbienti, così oggi, proseguendo quel continum storico, internet facilita ancor più la condivisione di idee progetti libri, permette, da seduti, poter accedere addirittura al vecchio Sutra del diamante e ammirarlo nel suo splendore.

E allora, che senso hanno le biblioteche oggi se in rete si può trovare di tutto? Possono queste organizzarsi fra loro e prestare, oltre ai consueti servizi, un valore aggiunto?
Lo abbiamo chiesto a Debora Mapelli che lavora nell’innovativo Sistema Bibliotecario Vimercatese, che sembra avvicinare il web i libri i lettori.

*****

Debora Mapelli- Debora, potresti raccontarci in poche parole che cos’è il Sistema Bibliotecario Vimercatese e com’è organizzato?

Il Sistema Bibliotecario Vimercatese è nato da una convenzione tra 27 Comuni delle Province di Milano e Monza e Brianza. Le 27 Biblioteche che fanno parte del Sistema pagano una quota annua per ogni abitante e in cambio ricevono dal Sistema Bibliotecario: assistenza hardware e software sulle circa 450 postazioni che fanno parte della rete informatica; assistenza nell’uso e nello sviluppo del programma di gestione biblioteconomica; catalogazione dei documenti; formazione permanente sia attraverso corsi per i neo assunti, sia attraverso aggiornamenti per i bibliotecari che lavorano già in una delle biblioteche afferenti, gestione centralizzata del prestito interbibliotecario (attraverso appalto a una cooperativa sociale che trasporta i libri richiesti da una biblioteca ad un’altra). Oltre a questi servizi di base il Sistema si occupa di elaborare annualmente le statistiche d’uso per le biblioteche e della comunicazione all’esterno delle nostre attività comuni, attraverso conferenze stampa, volantini, sito web e social network.
Per il Sistema bibliotecario lavorano: una coordinatrice, un’impiegata amministrativa, due catalogatrici, tre assistenti all’helpdesk informatico.

- In che cosa consiste esattamente il tuo lavoro?

Io mio occupo di assistenza alla rete informatica delle biblioteche, aggiornamenti e manutenzione del sito web, assistenza agli utenti che ci contattano via email o attraverso apposito modulo del nostro sito, gestione della pagina Facebook in collaborazione con altre colleghe delle biblioteche del Sistema.

- Qual è il ruolo del bibliotecario oggi e com’è cambiato rispetto, per esempio, a una ventina di anni addietro?

Io credo che l’obiettivo di un buon bibliotecario sia stato e continui ad essere quello di facilitare l’accesso alle informazioni per i propri utenti. Nelle biblioteche pubbliche di base, come quelle per cui lavoro, oltre a questo importante obiettivo, c’è sicuramente anche un ruolo sociale che vede la biblioteca come luogo per la promozione della lettura, fin dalla più tenera età e, perché no, di scambio di opinioni su libri e autori.
Penso che, rispetto ad una ventina di anni fa, siano cambiati i mezzi a disposizione del bibliotecario, non tanto gli obiettivi. Oggi è più facile comunicare con gli utenti attraverso email, social network e App. La società mi sembra cambiata perché sempre più frenetica e anche il nostro lavoro si adegua a questi nuovi ritmi, raggiungendo gli utenti anche al di fuori della biblioteca.
Di certo l’evoluzione tecnologica che abbiamo visto nell’ultimo ventennio ha trasformato completamente il lavoro del bibliotecario che, oggi più che mai, non può farsi trovare impreparato di fronte alle nuove possibilità che esistono. Solo negli ultimi 5 anni ho visto arrivare nelle nostre biblioteche: postazioni touch screen per il prestito automatizzato dei libri, App per smartphone che permettono di richiedere in prestito i nostri documenti ma anche personalizzare le proprie ricerche, box esterni alle biblioteche che permettono la restituzione dei libri 24 ore su 24, ecc. Ad un bibliotecario di oggi non basta più conoscere la Classificazione Decimale Dewey e indirizzare l’utente al giusto scaffale, un buon bibliotecario deve essere consapevole delle esigenze della società in cui vive e lavora e deve anticipare le esigenze della propria utenza attraverso servizi che rendano più facile l’accesso alla biblioteca.

- Si parla di e.book, sembra addirittura che negli Stati Uniti le vendite abbiano superato quelle dei libri cartacei, pensi che le biblioteche siano pronte ad ospitarli, e in che modo?

È un tema complesso perché nuovo e pieno di protagonisti dell’intera filiera libro. Nella mia piccola esperienza posso dire che gli ebook nel nostro Sistema sono arrivati solo da pochi mesi ma, visti i numeri, direi che è già un successo. Quello che ho potuto constatare è che c’è molta curiosità e voglia di provare questa nuova forma di lettura e anche i corsi che abbiamo offerto agli utenti in merito agli ebook hanno visto il “tutto esaurito” in pochissimo tempo.
Attualmente mi sembra che ci sia una certa diffidenza nei confronti di questa nuova possibilità e lo dimostrano sia gli innumerevoli formati a disposizione, sia le protezioni, a volte fin troppo rigide, che vengono applicate agli ebook. Tutto questo confonde e disorienta i lettori e non rende facile nemmeno la scelta del device sul quale leggerli.
Credo che le biblioteche si siano aperte alla possibilità di offrire questa nuova possibilità di lettura e che, grazie a piattaforme come MediaLibraryOnline, questo compito ci sia facilitato. Credo comunque che la confusione e la paura del nuovo spaventi soprattutto gli editori e, finché non si troveranno linguaggi e strategie comuni, è difficile dire che cosa potrebbe succedere.
Nel caso particolare delle biblioteche, ad esempio, deve essere chiaro e garantito che, al di là delle protezioni adottate dall’editore, si possa conservare una copia dell’opera acquistata. In che modo e con quali diritti è ancora un tema aperto.

- In un’epoca come la nostra, dove i social network oramai fanno parte del quotidiano vivere, come le biblioteche potrebbero adoperare, per esempio, facebook twitter pinterest?

I social network sono le nuove piazze dove le persone si incontrano e discutono dei loro interessi. Chi meglio di una biblioteca potrebbe sfruttare queste nuove possibilità? Credo che sia importantissimo guardare con curiosità ai social network. Credo comunque che, un approccio improvvisato potrebbe essere controproducente perché un profilo gestito male potrebbe dare un’immagine negativa della Biblioteca. La giusta via di mezzo è quella di non affidarsi all’istinto o alla moda del momento, ma quella di valutare molto bene se si hanno le forze per sostenere un progetto di ampia portata che, spesso, va al di là del nostro orario di lavoro, porsi obiettivi ben chiari e studiare molto bene le nuove tecniche di comunicazione richieste. Una biblioteca non deve necessariamente lavorare da sola in tutto questo, il nostro Sistema propone una pagina Facebook che parla di tutte le biblioteche e che prevede, nella redazione, la presenza di nove bibliotecarie appartenenti a cinque biblioteche del Sistema e i contributi possono arrivare da tutti i nostri bibliotecari. Oltre a questa possibilità ci sarebbe anche quella di guardare ai nuovi protagonisti del web e dei social network, per esempio i book-bloggers: non sarebbe bella una pagina che nasce dalla collaborazione tra un book-blogger e una biblioteca?
Per quanto riguarda Pinterest credo che possa essere maggiormente sfruttato per le vetrine tematiche, le bibliografie e tutte le proposte di lettura che le biblioteche da sempre propongono ai loro utenti. Si tratta di un social network giovane ma credo valga la pena scommetterci.

- Alla luce della tua esperienza, Debora, che cosa cambieresti nel sistema bibliotecario italiano? Quali modifiche apporteresti, quali sono i rami secchi che toglieresti?

Il sistema bibliotecario italiano è in difficoltà da qualche anno per mancanza di finanziamenti. Credo che una Nazione dovrebbe difendere la cultura e la possibilità di accesso libero e gratuito al sapere con ogni mezzo. Mi dispiace leggere di biblioteche che devono ridurre gli orari di apertura, chiudere o rinunciare ad accrescere il proprio patrimonio per mancanza di fondi, credo siano ferite culturali che difficilmente potranno essere sanate. Oggi si parla tanto di sprechi e credo che, come in ogni settore, ci siano stati anche nelle biblioteche, ma è giusto fermarsi ad analizzare quali siano veramente le cose da tagliare e non procedere a tagli indiscriminati sui bilanci per far quadrare i conti.
In questi ultimi anni la nostra associazione di categoria, l’AIB ha sensibilizzato molto l’opinione pubblica sulla realtà delle biblioteche, a partire da iniziative come il Bibliopride ed è stato molto bello vedere quanti cittadini hanno risposto positivamente. Il lavoro di rinnovamento è già iniziato, posso solo augurarmi che ci sia data la possibilità di continuare ad offrire i servizi importanti definiti dal Manifesto dell’Unesco.

- Per concludere, quale e come credi sarà il futuro delle biblioteche in Italia e nel Mondo in generale?

Mi auguro che ci sia sempre posto per le biblioteche in Italia e nel Mondo in generale perché solo garantendo un libero accesso alle informazioni e al patrimonio culturale ci saranno popoli liberi e responsabili. Spesso si sente dire che, viste le nuove possibilità di reperire in rete tutto il patrimonio documentario, le biblioteche potrebbero anche sparire. Io sono convinta del contrario. Intanto non è detto che avere a disposizione tutti questi documenti permetta di accedervi, sono necessarie competenze di ricerca bibliografica che, purtroppo, si stanno perdendo sempre di più e chi meglio di un bibliotecario può fare da intermediario tra il mare magnum di informazioni e quello che si cerca davvero? In secondo luogo ritengo assolutamente doveroso conservare una memoria storica libera e indipendente del patrimonio culturale dell’umanità perché la tecnologia apre le porte anche a scenari di controllo che spaventano: basta pensare all’accesso alle informazioni che è permesso nei Paesi non democratici. Gli scenari sono di così ampia portata che si potrebbe dedicare un’intera monografia all’argomento, ma credo che già solo sfiorarlo renda comprensibile quanto sia importante difendere le biblioteche.
Infine mi piace pensare che resta ancora una dimensione umana nel nostro lavoro e che, con il tempo, potrebbero cambiare i nostri servizi, ma non la possibilità di ospitare utenti che abbiano voglia di incontrarsi, leggere un giornale in un locale accogliente e silenzioso, far avvicinare i loro bambini ai libri, scambiare quattro chiacchiere sull’ultimo romanzo di un autore famoso.

*****

Letture consigliate:

- Antonella Agnoli, Caro sindaco, parliamo di biblioteche, Editrice Bibliografica, 2011
– Antonella Agnoli, Le piazze del sapere. Biblioteche e libertà, Laterza, 2009.
– Valeria Baudo, Come cambiano i servizi bibliotecari per ragazzi. Nuove tecnologie e nuove prospettive per le biblioteche pubbliche e scolastiche, Editrice Bibibliografica, 2008.
– Cecilia Cognigni, La biblioteca raccontata a una ragazza venuta da lontano, Editrice Bibliografica, 2012.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
May 082013
 

Con un patrimonio di oltre 14.000 volumi, la Biblioteca Carlos Castro Saavedra di Medellin custodisce la memoria storica antioqueña. E in effetti tutti i libri pubblicati da un autore antioqueño o da un editore antioqueño o su tema antioqueño, per legge, una copia deve essere depositata proprio in quegli archivi.
Per tal motivo riveste un’importanza davvero unica e particolare, essendo ponte tra il passato e il presente, legame indissolubile che serve a mettere in evidenza la memoria le tradizioni il passato di un dipartimento che in questi ultimi anni è proiettato solidamente verso un futuro che lo vede protagonista.

Di seguito un video che ci mostra le varie sale, grazie alla bibliotecaria Emilse Cardona.

YouTube Preview Image

*****

»»»aquí en español.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
May 082013
 

Con un patrimonio de más de 14.000 volúmenes, la Biblioteca Carlos Castro Saavedra de Medellín es la depositaria de la memoria histórica Antioqueña. De hecho, por ley, se deberá dejar una copia de todos los libros publicados por un autor o un editor Antioqueño o sobre tema Antioqueño.
Por esta razon, la biblioteca es de gran importancia, ya que es el puente entre el pasado y el presente, legado indisoluble que sirve para poner en relieve las tradiciones, la herencia y los recuerdos de un departamento que en los últimos años ha sido proyectado sólidamente hacia un futuro en el cual es ya protagonista.

A continuación, un video que nos muestra las distintas salas. Gracias a la bibliotecaria Emilse Cardona.

YouTube Preview Image

*****

»»»qua in italiano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
May 022013
 

Emilse Cardona, Biblioteca Carlos Castro Saavedra, MedellinBibliotecaria orgogliosa della sua attività, Emilse Cardona lavora nella Biblioteca Departamental Carlos Castro Saavedra di Medellín, in un edificio, il Palacio de la Cultura “Rafael Uribe Uribe”, che conserva le memorie di una terra legata alle tradizioni, alla storia, al proprio passato, terra che “beneficia” dei ricordi per proiettarsi con successo in un futuro che già la vede protagonista (»»»qua, »»»qua).

*****

- Ci può dire come si svolge il suo lavoro nella Biblioteca Departamental Carlos Castro Saavedra di Medellin, di che cosa si occupa, e com’è una sua giornata tipica?

Il mio lavoro nella Biblioteca Dipartimentale Carlos Castro Saavedra adempie funzioni ausiliarie, ma in realtà presto servizio a un pubblico speciale e diverso, questo perché la biblioteca è a carattere “patrimoniale”. In questo luogo si conserva parte della memoria del nostro territorio Antioquia; le sue origini e le informazioni di 125 comuni che lo compongono.

Inoltre, il Ministero della Cultura della Colombia (Biblioteca Nacional de Bogotà) ha assegnato a questa biblioteca la funzione di essere Deposito Legale (Legge 44 del 1993), questa legge in poche parole dice che tutti gli editori e scrittori di Antioquia devono depositare una copia delle pubblicazioni in questa biblioteca, con il fine di preservare la memoria del nostro territorio. Ci sono tre condizioni per lasciare un lavoro in Deposito Legale: trattare argomento antioqueño, essere autore antioqueño, essere editore antioqueño. Se si compie uno di questi tre requisiti, si può consegnare il lavoro. Deve essere stampato in più di 100 copie.

In questo modo la biblioteca possiede una gran ricchezza, formandosi una unione tra il passato e il presente.

Precisazione: in biblioteca ci sono inoltre libri di medicina, diritto, letteratura, sociologia, questo perché i principali editori delle università ci stanno inviando la loro produzione.

- Qual è il ruolo del bibliotecario oggi e com’è cambiato rispetto, per esempio, a una ventina di anni addietro?

Il ruolo del bibliotecario è servire da mediatore all’usuario; il suo lavoro è essenziale perché è colui che conosce il materiale ed è responsabile affinché le informazioni raccolte possano giungere ai visitatori. Penso che deve avere un certo carisma, trattare con grande rispetto a tutte le persone e cercare di soddisfare le loro esigenze, di tal maniera li seduce affinché si sentano sicuri percependo che questo posto è per loro.

Inoltre deve mantenere il materiale in ordine ed essere attento alle non conformità al fine di migliorare giorno per giorno.

Il ruolo del bibliotecario è sì cambiato rispetto a venti anni fa. Ora c’è la tecnologia e deve essere aperto alle mutazioni per utilizzare le due alternative (formati fisici e virtuali).

- In che modo le biblioteche potrebbero attrarre l’attenzione del cittadino per farlo partecipare attivamente agli eventi che questa organizza?

I formati menzionati prima sono complementari, e soprattutto in una biblioteca “patrimoniale” dove vengono tanti ricercatori (studenti di antropologia, architettura, diritto, storia, ecc), si deve fare enfasi che il materiale consultato nei libri fisici, non si trova da nessun’altra parte e che il nostro ruolo non è solo di tenere i libri, ma coinvolgerli in eventi come forum, presentazioni, incontri, dove il professionista manifesta l’importanza del patrimonio e ciò che è cultura. Evidenziare il “nostro”, dare un senso di appartenenza, conservare e valorizzare anche quelle cose che posseggono gli altri.

- Che ruolo ha la Biblioteca Departamental Carlos Castro Saavedra di Medellin nella società medellinese?

Il ruolo della Biblioteca Dipartimentale Carlos Castro Saavedra di Medellín è di ricevere, conservare e custodire il materiale bibliografico che entra per deposito legale. Si deve informare costantemente il pubblico della nostra funzione affinché ci invii il materiale pubblicato.

Così, la biblioteca diventa un vero tesoro che trascenderà le epoche e servirà di sito di riferimento per tutte le generazioni.

- Crede che, nell’epoca di internet, le biblioteche hanno ancora un senso? Non pensa siano superate?

Sì, le biblioteche hanno ancora un senso, perché soprattutto in questi paesi, non tutti hanno accesso a Internet, e ci sono informazioni e una storia di vita quotidiana che non trova riscontro in Internet.

- Si parla di e.book, le biblioteche sono pronte ad ospitare, e in che modo, questi testi in versione digitale?

In Colombia l’e.book è qualcosa di nuovo per molti, inoltre non si hanno direttrici dalla Biblioteca Nazionale di Colombia, su come dovrebbe organizzarsi il deposito legale. E sì, sarebbero disposte a riceverli ma avendo politiche chiare sulla loro sistemazione. Poi ci sono i costi, non tutti possono accedere a questa tecnologia perché molti di questi e.book sono ospitati su siti web dove si deve pagare.

Ho chiesto (»»»qua) ai miei lettori di farle alcune domande. Fra le tante ne riporto due.

- Perché fa questo lavoro? È felice?

Faccio il mio lavoro con passione e perché ho deciso, ho studiato tecnologia di gestione aziendale e lavorato in produzione commerciale e di servizio, ma tutta la mia vita ho amato la lettura e libri. La vita mi ha presentato l’opportunità di lavorare in biblioteca e ho cambiato. É stato molto gradevole, sono felice soprattutto ora che sono a contatto con un pubblico così vario, è stato un apprendimento meraviglioso sia personalmente sia intellettualmente.

- Qualche statistica sui suoi frequentatori (sesso, età, livello d’istruzione, testi preferiti).

Vengono molti studenti (più uomini che donne), universitari che studiano storia, antropologia, architettura, quasi tutte le discipline. I testi preferiti sono quelli di storia di Antioquia e i suoi municipi, architettura, economia, mezzi di trasporto e personaggi che hanno costruito Antioquia.

Vengono uomini già adulti a leggere giornali e riviste, giovani a utilizzare Internet e per informarsi, è bloccato youtube e facebook.

Qui ci visitiamo peraltro molti turisti da tutto il mondo, per essere in un edificio storico, nel “Palazzo della Cultura Rafael Uribe Uribe“.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Mar 012013
 

Biblioteca Luis Angel Arango, RinoLo sappiamo bene che un luogo spesso è legato alla nostra memoria per una particolare esperienza che abbiamo vissuto in prima persona, così come può essere punto di riferimento per successivi eventi che, in un modo o nell’altro, ci coinvolgono.
Ebbene, la Biblioteca Luis Ángel Arango è una di quelle istituzioni a me care, vuoi perché “piazza del sapere“, vuoi perché là si sono conosciuti i miei suoceri, dandomi l’opportunità di sposarmi con Cata, loro figlia.
Ma andiamo avanti, giacché per l’ennesima volta ho avuto il piacere di visitarla, stavolta accompagnato da una preparata guida, Tatiana Torres, e, come sempre, ne sono uscito entusiasta e con voglia di ritornare.

L’evoluzione di un popolo, evoluzione in lato sensu, viene “agevolata”, non solo, dagli eventi culturali che uno Stato mette gratuitamente a disposizione, dalla condivisione delle idee, dalla quantità di biblioteche presenti nel territorio, dalla possibilità che hanno i cittadini di attingere alle informazioni, siano esse del presente che del passato.
In questi ultimi anni, la Colombia ha fatto passi da gigante, ristrutturando vecchie, si fa per dire, biblioteche, e costruendone di nuove (»»»qua), dando la facoltà a tutti di usufruire di un servizio che per qualità e prestazioni è di un ottimo livello.

Situata nel “barrio” la Candelaria, a Bogotà, la Biblioteca Luis Ángel Arango è una delle realtà culturali più rappresentative della città, realtà ben focalizzata ad offrire adeguate risorse agli investigatori, agli studiosi, a coloro che si preparano per una tesi, per un dottorato, per un approfondimento. La costruzione fu iniziata nel 1955 per volere proprio del dott. Luis Ángel Arango, allora direttore generale del Banco de la Republica. Inaugurata l’opera nel 1958, fornita di una sala d’esposizione e un’altra adibita ad audizioni musicali, aveva la capacità di ospitare intorno ai 250 usuari il giorno. E fin dall’inizio pubblicò il Boletín Cultural y Bibliográfico, organo ufficiale della biblioteca.

Biblioteca Luis Angel Arango, Informaciòn e Sala idiomas

Ben presto si notò la necessità di ampliare la struttura, fino a raggiungere la consistenza odierna con un’area di 45.000 metri quadrati, sei piani, oltre a due sotterranei, dove si raccolgono pubblicazioni destinate al prestito (»»»qua delle foto scattate da mia moglie).
I cittadini dispongono di circa 2.000 posti di lettura suddivisi in dodici sale specializzate e classificate in Arte e Umanesimo, Scienza e Tecnologia, Collezioni basiche, Economia e Amministrazione, Musica, e via dicendo, sale in cui è possibile, come d’altronde in tutto l’edificio, usufruire gratuitamente d’internet via wifi. Il tutto grazie inoltre a un esteso orario di apertura: da lunedì a sabato dalle ore 8:00 a.m. alle 8:00 p.m., e la domenica dalle 8:00 a.m. alle 4:00 p.m.

*****

Biblioteca Luis Angel Arango, sala concerti

La biblioteca possiede approssimativamente 2.500.000 volumi, includendo quasi tutti i testi pubblicati in Colombia durante il XIX e XX secolo, oltre a 20.000 materiali audio-visuali, e una gran quantità di dagherrotipi, ferrotipi, ambrotipi, libri rari, incunaboli, manoscritti, ricevuti anche grazie ad acquisizioni di collezioni private.
Continuo a girovagare con la giovane Tatiana che mi mostra con entusiasmo i distinti settori, e confesso che vedere le varie sale piene di studenti, appassionati, ragazzi, giovani e meno giovani, seduti e attenti al loro lavoro, mette davvero la voglia di partecipare, di restare ore e ore, sfogliando pur sia riviste o libri d’arte o assistendo alle tante attività culturali che propone, tra cui concerti, mostre, conferenze, workshop e seminari. Complesso, la biblioteca, frequentato altresì da persone famose, legate alla letteratura colombiana e sudamericana, ricordo solo Fernando Vallejo Rendón, e il suo Almas en pena, chapolas negras (1995).

*****

Biblioteca Luis Angel Arango, zone per bambini

Lo sviluppo di questo luogo davvero speciale è stato sorprendete: da 118 entrate diarie nel 1956 – in quell’anno si registrarono 35.520 visite -, si giunse a 250 nel 1958 (83.655 in tutto l’anno) e 1.000 nel 1963. Oggi la Luis Ángel Arango riceve intorno 5-6.000 utenti il giorno, aggiungendo i 40 e passa mila della pagina web, numeri che fanno riflettere sulla voglia dei colombiani di sapere apprendere imparare dedicare parte del loro tempo a migliorarsi. E lo avevamo già notato nell’altra biblioteca da noi visitata qualche mese qua, la Julio Mario Santo Domingo.

*****

Biblioteca Luis Angel Arango, sala lettura e sala scienze giuridiche

L’esistenza di qualunque biblioteca […] dà al lettore il senso di che cosa sia veramente la sua forza, una forza che combatte i vincoli del tempo, portando nel presente schegge del passato. Gli permette di affacciarsi, anche se segretamente e da lontano, nella mente di altri esseri umani, e di conoscere qualcosa di sé attraverso le storie accumulate a suo beneficio. Ma, soprattutto, dice al lettore che la sua forza consiste nella facoltà di ricordare, attivamente, attraverso la sollecitazione della pagina, momenti selezionati dell’esperienza umana.
(Alberto Manguel)

*****

- p.s.: a futura memoria, ho donato la prima copia delle mie pubblicazioni in formato cartaceo alla suddetta biblioteca, facente parte della Red de Bibliotecas del Banco de la República.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Jun 222012
 
Biblioteca Julio Mario Santo Domingo, entrata

Biblioteca Julio Mario Santo Domingo, entrata

Sólo aquellos que viven en una gran ciudad, en una ciudad como Bogotá, pueden saber que significa tráfico, cuál es el verdadero significado de “trancón”. Sin embargo, el amor por la cultura no conoce obstáculos.

Bueno, el sábado pasado, después de unos 45 minutos inmersos en un laberinto de camiones autos motos bicicletas, y lluvia, elementos constantes en estas partes, fuimos a conocer la nueva biblioteca pública de Bogotá, dedicada a Julio Mario Santo Domingo, digo nueva porque fecha mayo de 2010.

Haciendo parte de la Bibliored, Red Capital de Bibliotecas Públicas, en una extensa área verde de seis hectáreas, rodeada por los Andes, ubicada en los Andes, el centro cultural es una enorme infraestructura que puede hospedar, según los diseñadores, más allá de un millon de usuarios al año. De hecho, los amplios espacios y la capacidad de la infraestructura lo permiten, aunque por el momento, los visitantes no excedan los 1000 al día.

Así que subo por las verdes escaleras, camino por las tres plantas del complejo, ya que evité el ascensor, quiero escuchar todos los rincones que me hablen de cultura.

Teatro, cine, espacios abiertos y ambientes cerrados, libros para jóvenes para niños, y luego una esposicion de arte, varios periódicos listos por ser leydos, hasta que llegué a las estanterías que contienen los libros en Braille, finalmente una gran cantidad de computadores para acceso a internet.

Camino lento. Ah, aquí estamos en una sala donde los ancianos están aprendiendo a manejar el computador, en otra parte se lee en voz alta. Obviamente, yo no lo puedo creer: hay también una lección de baile, la salsa. ¡Qué maravilloso, cultura a 360 grados!

Me detengo a hablar con una empleada, una joven: me gusta que los responsables sean personas jovenes, tienen entusiasmo y pasión por el traballo. Pido información a Emilzen Bohórquez, que en este momento está en la recepción, sobre la cantidad de libros que hay en la biblioteca, me dice que, aunque todavía sea nueva, hay más de 40.000, incluyendo libros, CDs, DVDs y audiolibros, catalogado, con algunas excepciones, de acuerdo con el sistema Dewey. La mayoría son modernos en el sentido de que no hay manuscritos o incunables, o libros de especial valor. Y, sin embargo, el valor real de la biblioteca son los usuarios. Sí, señor, son las personas que vienen a vistarla!

Biblioteca Julio Mario Santo Domingo, sala lettura

Biblioteca Julio Mario Santo Domingo, sala lettura

Son jóvenes, mayores, estudiantes, son infantes, gente comun: en una palabra, no exagero cuando digo que la biblioteca es frecuentada desde niños de 2-3-4 años hasta personas de mas de setenta años, animadas por el deseo de aprender, de leer, de investigar, de navegar en internet, me apasiona y me sorprende con gracia, en el sentido que su deseo de cultura es un deseo sano, honesto, sincero, es un deseo que cruza el umbral del falso conocimiento, que va mas alla del saber para mostrar a otros, más allá todavia de la materialidad efímera, es el conocimiento que hace que la persona pueda crecer en su interior.

Todavía tengo ganas de conversar, encuentro otra empleada que trabaja en la dirección, donde está toda la organización. Me informa que la elección de los libros y la cantidad que reciben depende de la sede de Bibliored, son ellos los que seleccionan y distribuyen de acuerdo a las necesidades locales. Ya que a Bibliored estan afiliadas 20 bibliotecas, las Mayores, que son 4, las Locales, 6, las de Barrios, otras 10, y, por último, pero no menos importante, una biblioteca itinerante –Bibliobus – que viaja diariamente para acercar la cultura en los suburbios de la ciudad, de una ciudad que cuenta 8-9 millones de habitantes.

Estoy fascinado por la buena organización que permite que la gente sepa, que todos, sin distinción alguna, tengan oportunidad de superar sus limitaciones, en el verdadero sentido de la palabra, para encontrar respuestas de manera sencilla, directa, fácil gracias a la cultura.

Y a pesar de que la biblioteca Julio Mario Santo Domingo acaba de nacer, tiene todas las caracteristicas y recursos para ser uno de los principales centros culturales del país.

Se lo merece y se lo merece también un pueblo que quiere cultura!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Apr 272012
 

Biblioteca Julio Mario Santo Domingo, entrata

Solo chi vive in una grande città, in una metropoli come Bogotà, può sapere cosa significa traffico, qual è il vero senso del “trancón”. Eppur l’amore verso la cultura non conosce ostacoli.
Ebbene, sabato scorso, dopo 45 minuti immerso in un andirivieni di auto moto camion biciclette, e pioggia, elementi costanti da queste parti, sono andato a conoscere la nuova biblioteca pubblica di Bogotà, dedicata a Julio Mario Santo Domingo; scrivo nuova, giacché data appena maggio 2010 (»»»qua delle immagini a 360°, »»»qua un video dell’architetto progettista).
Facente parte della Bibliored, Red Capital de Bibliotecas Públicas, in un’estesa superficie verde di sei ettari, circondato dalle Ande, immerso nelle Ande, il centro culturale si presenta come un’enorme infrastruttura che può accogliere, secondo i progettisti, ben oltre il milione di utenti l’anno. E in effetti, gli ampi spazi disponibili e le capacità ricettive ben accordano tale cifra, sebbene, per il momento, gli usuari non superino la quantità di circa 1000 il giorno.

Cosicché salgo per le comode verdi-scalinate, m’incammino per i tre piani del complesso, evito l’ascensore, voglio far flanella, vedendo ascoltando tastando ogni possibile anfratto che mi parli con le parole del luogo.
Teatro, cinema, zone aperte e chiuse, ambienti per libri infantili e giovanili, poi una mostra, poi ancora una fornita emeroteca, mi colpiscono gli scaffali che contengono libri in Braille e la grande quantità di postazioni internet. Proseguo lento. Ah, ecco in una sala ci sono degli anziani che stanno apprendendo a usare il computer, in un’altra leggono ad alta voce. Ovvia, non posso crederlo: c’è anche una lezione di ballo, salsa. Che meraviglia, la cultura a 360 gradi!

Biblioteca Julio Mario Santo Domingo, postazioni computer

Mi soffermo a parlare con un’impiegata, giovane, come tutti, dico tutti, i dipendenti della biblioteca. Chiedo a Emilzen Bohorquez informazioni sulla quantità dei libri, mi dice che, seppur ancora nuova, la biblioteca accoglie oltre 40.000 fra libri, cd, dvd e audiolibri, catalogati, con qualche eccezione, secondo il sistema Dewey. La maggior parte dei volumi sono moderni, nel senso che non vi sono né manoscritti né incunaboli né testi di particolare pregio. Eppur il vero pregio della Santo Domingo sono gli ospiti. Sissignori, sono gli utenti!

Dicevo giovani, meno giovani, aggiungo studenti, persone in età matura, anziani, più anziani ancora: insomma, non esagero se dico che la biblioteca è frequentata da bambini di 2-3-4 anni, fino a persone di oltre settanta anni, animati da una voglia di sapere scoprire indagare leggere curiosare appassionarsi che mi sorprende, e mi sorprende benevolmente, nel senso che il loro desiderio di cultura è un desiderio sano, veritiero, sincero, è un desiderio che varca la soglia del falso sapere, che varca le porte del conoscere per dimostrare agli altri, che va ben oltre la fugace materialità, è un sapere che fa crescere la persona.

Biblioteca Julio Mario Santo Domingo, sala lettura

Non mi fermo, ho ancora fiato per scambiate due parole con un’altra impiegata che lavora in direzione, là dove parte tutta l’organizzazione. Mi informa che la scelta dei libri e la quantità che ricevono dipende dalla sede centrale, da Bibliored, sono loro che selezionano e distribuiscono a secondo delle necessità locali. E sì, perché a Bibliored sono legate 20, dicesi 20, biblioteche, da quelle Mayores, che sono 4, a quelle Locales, 6, a quelle dei Barrios, altre 10, e, dulcis in fundo, un BiblioBús che si sposta giornalmente per la città avvicinando la cultura nelle periferie di una città che conta 8-9 milioni di abitanti.
Resto affascinato da un insieme organizzativo che permette alla gente accostarsi al sapere, che offre a tutti, indistintamente, la possibilità di superare i propri limiti, che invita, nel vero senso della parola, ad approfondire argomenti e fatti in modo semplice, immediato, facile. E sebbene la biblioteca Julio Mario Santo Domingo sia appena nata, ha tutte le capacità e risorse per essere uno dei centri culturali di spicco del Paese. Lo merita e lo merita anche un popolo che ha voglia di cultura!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone
Nov 152011
 

Biblioteca San Giorgio, Pistoia

Quando nel lontano 1983 mi accinsi a scrivere il mio primo saggio “41 mesi di guerra”, le mie fonti provenivano da documenti conservati in biblioteche e archivi pubblici e privati. E continuo ancor oggi a ringraziare i bibliotecari che mi hanno permesso accedere a testi poco noti o rinchiusi in scaffali non facilmente accessibili, ma anche per i tanti consigli datimi.
Oggi tutto è cambiato, la rete, internet, permette un più facile approccio e avvicinamento alle testimonianze, il ruolo del bibliotecario sembra quasi essere passato in secondo piano. Ma è veramente così? Che cosa è cambiato da 30 anni a questa parte?
Ne ho parlato con Cristina Bambini, bibliotecaria alla biblioteca San Giorgio di Pistoia, che adopera in modo davvero lodevole vuoi i mezzi del passato, i libri i manoscritti, vuoi quelli di oggi, siti, blog, social network, e via dicendo.

- Cristina, credi che, nell’epoca di internet, le biblioteche hanno ancora un senso? Non pensi siano superate, visto che in rete si può quasi trovare di tutto, addirittura il vecchio Sutra del diamante?
Se dovessi cercare cosa ha senso nell’epoca di internet, ti risponderei che forse, ora più che in passato, le biblioteche giocano un ruolo fondamentale, perché è attraverso di loro che il cittadino si gioca il diritto di accesso all’informazione e alla conoscenza, in un momento in cui le leggi di mercato intrappolano il futuro per inseguire influenze mediatiche e interessi commerciali e la comunità si arrangia passivamente, condannata al presente senza profondità di memoria e futuro. Le biblioteche rappresentano uno dei pochi presidi democratici rimasti, fonti di identità personale e collettiva, connettori verso l’altro, insomma, un vero luogo di energia in cui le persone si caricano a vicenda nel vedersi impegnate nel personale lavoro creativo e di apprendimento permanente.

- Qual è il ruolo del bibliotecario oggi e com’è cambiato rispetto, per esempio, a una ventina di anni addietro?
Domanda difficile per una giovane bibliotecaria. Rispetto al passato, in cui forse ci si concentrava quasi esclusivamente sulla conservazione e sulla preservazione del proprio patrimonio storico, ora si cerca di lavorare su un sistema integrato di informazioni e servizi, che sappiano mettere la biblioteca in ascolto del proprio pubblico, valorizzando nella comunità il proprio portafoglio servizi e sostenendo l’utente nella ricerca, in sede e sul web, per renderlo autonomo e indipendente nel recupero della risorsa informativa.

- Si parla di e.book, le biblioteche sono pronte ad ospitare, e in che modo, questi testi in versione digitale?
I libri… abituati come siamo a vederli, a toccarli, addirittura ad annusarli… ora abbiamo paura di non saper affrontare la nuova rivoluzione che ci attende. Rispetto al mondo accademico e universitario (che già da parecchi anni opera nel mondo digitale), le biblioteche di pubblica lettura hanno l’occasione di riflettere e rilanciare il tema della mediazione informativa di qualità, di contro alla disintermediazione e al “rumore” tipico della rete. Orientare nella scelta di un dispositivo di lettura valido (pensate alle iniziative di prestito degli ebook reader e i corsi di alfabetizzazione all’uso), creare coscienza critica verso il tema dell’accessibilità e usabilità dei formati in una comunità sempre più “digitalmente social” e abituata alla lettura su schermo (il progetto Books ebooks di Cologno Monzese ne è un esempio significativo), l’obiettivo finale è comunque quello di trasformare la biblioteca in un osservatorio dei comportamenti di lettura e, soprattutto, in un presidio neoumanistico, dotato di grande flessibilità e insieme di grande rigore culturale.

- Come le biblioteche potrebbero accattivare l’attenzione del cittadino per farlo partecipare attivamente agli eventi che questa organizza?
Gli spazi, le mostre, gli incontri con gli autori, i circoli di lettura, le associazioni di sostegno, la biblioteca deve sforzarsi di diventare il collante di una comunità! Occorre fare rete con le altre agenzie informative del territorio; essere un vero sistema e puntare sempre più su una dimensione di servizio grazie alla quale realizzare, tramite la lettura e l’accesso a raccolte di documenti e risorse cartacee e digitali, il diritto all’informazione e alla formazione culturale, l’accesso democratico (aperto a tutti), neutrale (senza condizionamenti ideologici ma lasciando il lettore libero di scegliere) e gratuito alle testimonianze della produzione scritta, corrente e passata.

- Nell’interessante volume di Antonella Agnoli, Le piazze del sapere. Biblioteche e libertà, si accenna al fatto che dovrebbe esserci un rapporto più stretto, quasi confidenziale fra biblioteca e utente. Che cosa ne pensi?
Parliamo tanto di servizi “su misura”, personalizzati e personali e ora abbiamo le tecnologie per poterlo davvero realizzare. L’utente della nostra biblioteca deve essere messo in grado di comprendere ad ogni passo le scelte condotte, giovandosi di un apparato di ausili “informativi” (segnaletica, rassegne, sportelli informativi, sito web) con cui muoversi all’interno del sistema e seguire i diversi percorsi fino a scoprirne i tesori e il legame identitario con la comunità e incentivandone l’impiego per la crescita personale e collettiva.

- Di che cosa ti occupi alla biblioteca San Giorgio, quali sono i tuoi compiti. Per esempio, come si classifica un libro?
Classificare un libro è la cosa che mette più in difficoltà chi cataloga. Implica una scelta soggettiva, quella cioè di capire quale sia effettivamente la tematica del libro e collocarlo di conseguenza sullo scaffale, sulla base della notazione in uso. Impresa facile quando l’argomento è unico, ma pensa a testi di taglio multidisciplinare… quale è davvero il taglio dominante? dove lo cercherà l’utente?
Riguardo le mie mansioni alla San Giorgio che dire… sono una bibliotecaria multitasking, metto alla prova le mie competenze, le mie conoscenze, la mia mente.
Sul risultato… agli utenti la parola.

*****

»»»qua una serie di interventi su Il futuro delle biblioteche nell’era di internet.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone