Fissare Limiti di Spesa Compulsiva per le Slot: la raccomandazione di AGRC

Limiti spesa compulsiva slot machine australia

L’AGRC, il Centro di Ricerca Australiano sul Gioco d’Azzardo, ha elaborato e presentato un documento nel quale suggerisce l’integrazione di sistemi di prevenzione obbligatoria, noti come “pokie”, nelle slot machine.Si raccomanda l’introduzione di un sistema a sostegno dei limiti vincolanti sugli importi di denaro da poter spendere sulle slot machine nelle strutture reali dei giochi di scommesse”, si legge nel documento.

La dott.ssa Angela Rintoul, facente parte del gruppo di ricerche dell’AGRC, ha specificato che la raccomandazione fa riferimento ad un sistema secondo il quale dovrebbe essere richiesto a ogni players di inserire un dispositivo per confermare la propria identificazione, ad esempio una carta. Ai players privi di questa, non sarebbe consentito giocare in alcun modo ad una data slot machine.

L’idea dietro questi sistemi di prevenzione obbligatori è quella di limitare gli importi che i giocatori perdono sulle slot a favore di somme più accettabili. I detti limiti di perdita possono essere determinati dagli stessi giocatori ma può essere usato anche il Sistema per tracciare quanto tempo un dato fan di slot ha trascorso tirando la leva della macchina”, ha spiegato la ricercatrice.

L’inefficacia dei Sistemi Preventivi Opzionali

Rintoul ha dichiarato che sono tre gli stati del paese, (Sud Australia, Nuovo Galles del Sud e il Queensland), che hanno già testato questi schemi preventivi al fine di valutare la loro efficacia. “Vittoria, lo stato più densamente popolato del paese, aveva provveduto ad introdurre un sistema di limite di spesa simile per le slot machine già nel 2015, ma era solo opzionale invece che obbligatorio”, hanno spiegato i ricercatori.

Il sistema si è rivelato inefficace e solo l’1% dei giocatori di slot machine ha accettato di usarlo volontariamente, secondo quando emerge da una ricerca condotta dalla stessa AGRC. L’inefficacia del sistema opzionale è da ricondursi, secondo Rintoul al fatto che “i giocatori potevano continuare a scommettere anche dopo aver raggiunto il loro limite di perdita semplicemente scegliendo di non inserire le proprie carte di identificazione”. È per questo che i ricercatori sostengono che introdurre un sistema obbligatorio di carte per le spese potrà avere un’efficacia maggiore. “I fan delle slot non avranno altra opzione se non quella di abbandonare il gioco dopo aver raggiunto il loro limite di perdita vincolante. È giusto credere che questo approccio ridurrebbe significativamente gli importi che si possono perdere”.

I Sistemi di Limite Obbligatorio potrebbero essere di aiuto ai Giocatori Problematici

Alcuni giocatori australiani desiderano limitare le somme che spendono sulle slot ma molti non riescono a farlo da soli in un contesto di crescente problema di gioco compulsivo nel paese. Questi dispositivi di identificazione permetteranno ai giocatori che trovano difficile controllarsi di limitare le loro spese di scommesse e stabilire con quale importo di perdita si trovano più a loro agio”, ha commentato Rintoul.

È certo che l’introduzione di questi sistemi preventivi rappresenterà uno svantaggio per operatori di giochi di scommesse fisici in Australia: molti di questi si sono dimostrati disinteressati all’uso di questi schemi di limiti di perdita già nel 2010, periodo in cui i dati crescenti sul numero di giocatori di slot compulsivi nel paese aveva generato aspri dibattiti sulla necessità di introdurre sistemi vincolanti nelle sedi di giochi di scommesse. “La riluttanza degli operatori di giochi di scommesse nel sostenere tali misure è da ricondursi alla potenziale riduzione degli introiti che questi sistemi potrebbero causare”, sottolinea la ricercatrice.

Molti residenti australiani si sono dichiarati favorevoli all’introduzione dei sistemi preventivi obbligatori, soprattutto coloro che hanno avuto a che fare con problemi relazionati al gioco d’azzardo compulsivo. “Sono molte le persone che hanno perso enormi quantità di denaro non essendo in grado di controllare loro stesse o le loro spese in scommesse. Come risultato, queste persone scommettono su base quotidiana, finendo con i debiti, e perdono la loro capacità di condurre vite normali perché sono completamente assorbite dalla loro ossessione”.

Diversi giocatori hanno commentato che “se i sistemi di limite di spesa fossero stati attivi quando loro combattevano contro il gioco d’azzardo compulsivo, il loro problema non si sarebbe aggravato fino a proporzioni tanto ingenti”. Altri hanno dichiarato che avrebbero accettato di utilizzare il sistema dal momento in cui sentivano che il loro problema stava aumentando, se solo tali funzioni fossero state disponibili sulle slot machine.

E’ per questo l’AGRC richiede a gran voce l’introduzione del sistema: “è importante che il governo riconosca il problema rafforzando il livello necessario di limitazioni e regolamentazioni”, hanno concluso i ricercatori.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *