La UE ha chiesto un codice di condotta di gioco per i minori e le persone considerate a rischio

Ana Miranda, europarlamentare iberica (Verts/Ale) ha presentato, in Commissione Europea, una interrogazione, con tanto di richiesta di risposta scritta, con oggetto i negozi di scommesse e il loro impatto sui giovani e su altre persone vulnerabili ed esposte a rischio. Nell’interrogazione, insomma, c’è un sollecito vero e proprio allo stesura di un codice di condotta per proteggere e tutelare giovani e persone a rischio dalle insidie del gioco. La parlamentare spagnola si è detta sicura sul fatto che la Commissione Europea sia a conoscenza delle modalità con cui i negozi di scommesse sono aumentati: “La Commissione intende intervenire ed informare per sensibilizzare il pubblico in materia di scommesse e lanciare un codice di condotta paneuropeo o una direttiva per la protezione dei minori e le persone vulnerabili?” – ha chiesto all’interno dell’interrogazione, chiedendosi inoltre se la stessa Commissione abbia o meno valutato l’impatto della sua stessa raccomandazione, risalente al luglio del 2014, sulla prevenzione dei minori dal gioco d’azzardo online.

A dar man forte alle tesi di Miranda sopraggiungono dati quantomai significativi circa un aumento quasi drastico del numero di betting shop aperti e sviluppatisi nel corso del 2018. Amplificati dalla pubblicità, i centri-scommessa si sono quasi standardizzati e normalizzati. Le associazioni che si occupano di supporto ed affrontano il gioco compulsivo, anche e soprattutto in casi di dipendenza, sostengono con fermezza l’aumento di casi patologici e che inoltre il 30% dei giovani di età compresa tra i 14 e i 17 anni ha ammesso di aver almeno una volta scommesso, anche online, e non insolitamente su portali illegali.

Il Commissario dell’Unione Europea Elzbieta Beinkowska, a questo proposito, ha voluto rispondere all’interrogazione di Miranda, sostenendo come la Commissione riconosca le conseguenze sociali e sanitarie spesse volte gravi del mondo di gioco e incoraggi ugualmente gli Stati membri dell’UE ad alzare il livello di protezione dei consumatori. Beinkowska ha fatto appello anche alla convenzione delle Nazioni Unite, secondo cui i diritti dei minori devono essere garantiti. E proteggere un minore significa anche tutelare la sua salute psico-fisica anche per rischi connessi all’uso di tecnologie e alla comunicazione, come appunto il gioco. Ad oggi una normativa UE unica sul gioco non esiste e la regolamentazione delle singole attività è affidata con piena libertà agli Stati membri, purché il gioco sia in linea con le norme sul mercato interno, fissate dalla Corte di Giustizia europea. Tutte le norme, compresi i regolamenti, variano da stato in stato, così come i numeri circa la proliferazione e l’aumento del gioco. Per la Commissione, ordunque, non occorre ancora una direttiva paneuropea sui servizi da gioco in questo preciso momento storico.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *