Feb 192013
 

Chi non si ricorda della famosa battaglia di Canne, avvenuta nel 216 a. C., in cui il cartaginese Annibale ebbe la meglio sul suo avversario romano al comando dei consoli Lucio Emilio Paolo e Gaio Terenzio Varrone?

Canne, luogo storico di notevole attrazione, a pochi passi da Barletta, Barletta, città in cui la storia palpita vibrante ancora oggi: siti colmi di fatti avvenimenti leggende…
Ricordiamolo, a volte noi italiani dimentichiamo il nostro passato, dimentichiamo chi siamo e da dove veniamo, dimentichiamo che i giochi della storia hanno fatto della nostra terra una delle più ricche in tutti i sensi, dall’aspetto architettonico a pittorico a sociale a economico e via dicendo.

E allora Barletta è parte indelebile di quel tassello che serve a dare una visione d’insieme del mosaico in cui abitiamo, e non possiamo lasciarla nel dimenticatoio, non possiamo tralasciare quanto meno dare un paio di accenni, accenni che dovrebbero spingerci per prima cosa a visitarla, poi a indagare nel suo passato e, non certo per finire, viverla pienamente passeggiando per piazze strade vicoli, musei palazzi chiese, facendo flanella, parlando con i residenti e, magari, prendendo insieme un buon bicchiere di vino rosso pugliese. Dopotutto, la storia scorre inoltre nelle rughe di un anziano, nella voce di uno straniero ivi residente, negli atavici gesti di una coscienza storica che bisogna conoscere.

Non è mia intenzione parlare degli eventi, desidero solo testimoniare il mio passaggio per quelle preziose zone che fanno parte della Puglia e che tutti, dico tutti, dovrebbero andare a scoprire.
Mi appoggio a tre foto, da me scattate nel 2007 quando ebbi il piacere di fare una scappatina, tre immagini che danno semplicemente un’infarinatura di tre dei tanti aspetti che la contrassegnano.
Non è vano, altresì, ricordare che Barletta affonda le profonde radici nell’epoca classica, fra il IV e il III sec. a. C., epoca della costruzione del Faro di Alessandria, dell’invenzione della bussola da parte, si dice, dei cinesi, epoca degli Elementi di Euclide, epoca, in definitiva, di una certa importanza – ma quale epoca non lo è stata!

La cattedrale di Barletta

A pochi passi dal centro storico, la cattedrale di Santa Maria Maggiore si erge con la sua possente e decisa figura, orientata est-ovest, il cui deambulatorio gotico è verso il castello e l’asse principale verso il palazzo Santacroce.
Le crociate dettero fama e splendore alla chiesa, divenuta nel frattempo punto di transito per coloro che si recavano in Terrasanta.

*****

La disfida di Barletta

11 febbraio 1503, nella piana fra Andria e Corato, tredici cavalieri italiani, sotto bandiera spagnola, sfidano e vincono tredici cavalieri francesi che li avevano “stuzzicati”: accadde proprio da queste parti la celeberrima Disfida di Barletta. Siamo in pieno periodo delle Guerre d’Italia.
Con gli spagnoli, la città fu resa roccaforte, ampliate le mura e lo stesso castello.

*****

Barletta, strade, 2007

Secoli, fine XV inizi XVI, in cui Barletta era una cittadina di tutto rilievo, punto di commercio fra costa ed entroterra, zona di mercanti e casati nobiliari, e il cui porto trafficava con Venezia, Trieste, Ragusa. Le cui vie cittadine ospitavano commessi di Piero de’ Medici, speculatori negozianti trafficanti, erano insomma vie piene di attività.
Poi le divisioni interne ne lacerarono il tessuto economico, politico, amministrativo, a tal punto che incendi devastazioni saccheggi, così come il malgoverno iberico, furono inizio del suo declino. Colpo di grazia diede la peste del 1656, quando si passò da 20.000 abitanti ad appena ottomila anime.

 Leave a Reply

(required)

(required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

iscriviti alla babilonia61 newsletter

distinguiti dalla massa, ama la cultura

 

→ e scarica gratis un e.book in formato pdf che raccoglie, a mo’ di rivista, una serie di articoli

dedicati alla storia moderna, con immagini e video: