Aug 042012
 

La famosa battaglia di Pavia del febbraio 1525, che rientra nella cronologia degli eventi delle Guerre d’Italia, fu uno scontro fra le truppe di Carlo V e quelle di Francesco I di Francia, in cui quest’ultimo fu fatto prigioniero insieme a molti illustri nobili. Alcuni storici portano la cifra di 8.000 soldati morti nelle file francesi e 1.000 in quelle imperiali, altri invece 12.000 fra morti e feriti nel campo di Francesco I e appena 500 in quello di Carlo V. In ogni caso fu una vittoria schiacciante nonostante l’inferiorità di quest’ultimo.

La genesi della battaglia si può far risalire a quando i francesi, conquistata Milano nell’ottobre 1524, presero d’assedio la città di Pavia, a circa 40 km. a sud di Milano, con una forza di circa 30000 uomini.

Come risposta all’attacco, circa 23000 combattenti dell’armata degli Asburgo, comandata da Fernando de Avalos (1490-1525), arrivarono rapidamente a rafforzare i 6000 soldati della guarnigione per sollevare il blocco.

Il 24 febbraio, gli spagnoli, che avevano scatenato un attacco nella notte del 23, vennero sorpresi da un forte bombardamento dei cannoni francesi e dalla carica della loro cavalleria che mise fuori uso l’artiglieria imperiale. Alle prime ore del dì, Francesco I, sicuro della vittoria, assaltò dunque le forze nemiche, commettendo l’errore di passare davanti ai propri cannoni, impedendogli di continuare a colpire gli avversari.

A loro volta, nascosti dietro boscaglie, gli archibugieri di Carlo V, in numero di circa 1500, presero di fianco i francesi, provocando numerose perdite fra le loro file. La battaglia ben presto volse a termine, i reiterati attacchi francesi finirono nel sangue, gli uomini a difesa della città uscirono dalle loro posizioni per dare manforte alle truppe venute in loro aiuto. Preso fra due fuochi, a Francesco I non restò che arrendersi.

L’epoca del predominio della cavalleria pesante stava declinando, le armi da fuoco avevano dimostrato la loro importanza spesso decisiva negli scontri che oramai vedevano anche i cannoni come possibili protagonisti, quei cannoni che colpirono le mura di Roma nel famoso sacco del 1527.

Battaglia di Pavia, Ruprecht Heller

Battaglia di Pavia, Ruprecht Heller

 

 Leave a Reply

(required)

(required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>